E il governatore è rimasto scioccato dal prezzo, dagli amici e da Google per lui

La Banca nazionale della Serbia (NBS) conclude che la crescita dell’inflazione in Serbia è largamente influenzata dall’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari e che tale situazione potrebbe durare fino alla metà del prossimo anno, quando, secondo le previsioni della NBS, l’inflazione dovrebbe aumentare . cadde prima della pandemia. Il governatore Jorgovanka Tabakovi ha detto alle principali catene di vendita al dettaglio che, come ha detto, si ritorceranno contro come un boomerang cercando di compensare il calo del fatturato con prezzi elevati.

Se può consolare tutti i cittadini che, usciti dal negozio, interpretano la fattura fiscale nella speranza di trovare la colpa del cassiere, anche il governatore sta vivendo episodi di, a suo dire, aumenti di prezzo inaccettabili. Il 31 ottobre Tabakovic ha acquistato 200 grammi del suo caffè preferito per 239,99 dinari.

“Se una capra mente, le corna non mentono, questo è il conto”, ha detto Tabakovic.

E poi, il 14 novembre, un amico del governatore ha comprato 200 grammi del suo caffè preferito per 369 dinari. Tabakovi è rimasto sorpreso dal conto più costoso di 130 dinari.

“Ho messo il mio amico in una situazione imbarazzante, quindi è tornato e ha fotografato gli scaffali”, ha detto.

E poi il governatore ha usato Google e ha visto che il suo caffè vendeva tra 234 e 374 dinari. Nell’attuale fase di aumento dell’inflazione, lo Stato consiglia ai cittadini di cercare i prezzi più bassi dei prodotti che scelgono, e dice alla grande catena di vendita al dettaglio Tabakovic di non cacciare nel buio e creare, come spiega, una spirale inflazionistica.

“E devono affrontare il fatto che il giro d’affari nei loro negozi sarà ridotto e che non può essere compensato a prezzi così alti”, ha detto il governatore.

O potrebbe essere con una vittima chiamata portafoglio. Tuttavia, la NBS conclude che i prezzi dell’energia e del cibo hanno aumentato l’inflazione, ma che questa è una causa temporanea, quindi si prevede che la Serbia vedrà l’inizio di un calo dell’inflazione a metà del prossimo anno.

Prima di tutto, la pandemia detterà la normalizzazione dei prezzi, afferma il giornalista economico Mijat Lakićevi.

“L’anno prossimo ci sarà l’agricoltura. la produzione sarà normale, poi ci sarà una crescita e non ci sarà nessun aumento dei prezzi dei generi alimentari. D’altra parte, i prezzi dell’energia non aumenteranno certamente fino alle elezioni, ma la domanda è cosa succederà dopo”, ha affermato Lakicevic.

Qualunque cosa accada dopo, il paese dice che questa volta sarà pronto.

“Il tempo è una crisi quando si tratta di inflazione ed è una specie di uragano, ma non è un uragano, abbiamo sopportato più difficoltà”, ha affermato il governatore.

Uno è la gestione e l’altro sono i corsi, quindi dove sta navigando questa nave, capitano?

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *