Paesi europei che dipendono – e sono in pericolo – da…

Catherine Buchholz

Gli Stati Uniti stanno lavorando a un piano per aprire una “rotta” alternativa per le forniture di gas all’Europa, se Mosca “chiudesse il rubinetto” nel suo confronto con l’Occidente sull’Ucraina. Poiché le preoccupazioni per l’invasione russa dell’Ucraina persistono, ulteriori sanzioni contro Vladimir Putin personalmente o contro il suo Paese in generale potrebbero innescare un nuovo episodio della crisi energetica a causa della forte dipendenza dell’Europa dal gas russo.

Secondo Reuters, il Qatar è uno dei fornitori alternativi di gas all’Europa. lo scorso martedì Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden avverte di sanzioni contro i partner russie il giorno dopo il primo ministro britannico Boris Johnson non escludo questa possibilità.

I dati dell’Autorità per la cooperazione energetica dell’Unione europea (ACER) mostrano quali paesi sono più a rischio se la Russia “congela” le forniture di gas all’Europa. Per quanto riguarda la grande economia dell’Antico Epiro: ca 50% gas naturale importato da Tedesco viene dalla Russia, mentre Francia copertine . fornitura di energia dallo stesso paese, perché è più dipendente dalla Norvegia. QUELLO Italia anche tra le maggiori economie europee che saranno maggiormente colpite, poiché “raggiunge” la sua dipendenza dal gas russo 46%.

Diversi paesi europei più piccoli forniti Speciale russo del gas. Questo è Macedonia del Nord, Bosnia Erzegovina e Moldavia. dedito a partire dal . e lui Lettonia dalla corrente di gas russa oltre il 90%Nel frattempo a Serbia È dentro 89%.

D’altro cantoquello Gran Bretagna metà del suo fabbisogno energetico per il gas proviene da fonti nazionali, mentre i suoi principali fornitori dall’estero sono Norvegia e Qatar. Gas naturale utilizzato da spagnolo proviene da una varietà di fonti, con l’Algeria e gli Stati Uniti che sono i suoi maggiori partner commerciali in quest’area.

La Russia soddisfa circa 1/3 del fabbisogno di gas dell’Europa, attraverso il gasdotto Yamal – che attraversa la Bielorussia e la Polonia e ha una capacità di 33 miliardi di metri cubi all’anno – e il Nord Stream, che attraversa il Mar Baltico con una capacità di 55 miliardi di metri cubi all’anno. Secondo l’Economist, altri 40 miliardi di metri cubi all’anno potrebbero essere convogliati attraverso l’Ucraina e altri 31,5 miliardi di metri cubi attraverso la Turchia.

Critiche al Nord Stream 2

La capacità del gasdotto Nord Stream, che termina in Germania, sarà raddoppiata con il funzionamento del Nord Stream 2. Già prima dell’attuale crisi energetica, il progetto è stato pesantemente criticato perché – come sostengono gli oppositori – aumenterebbe la dipendenza dell’UE dalla Russia gas. Con il nuovo gasdotto in via di approvazione per il funzionamento, i suoi critici si sentiranno giustificati dal fatto che l’influenza della Russia in Europa attraverso i gasdotti sia tornata in primo piano. Nonostante la continua dipendenza energetica dal suo vicino orientale, gli esperti stimano che l’Europa sarà in grado di trovare fornitori alternativi fino a due terzi dell’approvvigionamento di gas russo se Putin interromperà il flusso verso ovest. Ciò può essere ottenuto aumentando le forniture di gas dalla Norvegia, dal Regno Unito e dai paesi nordafricani, nonché utilizzando GNL importato e rifornimento.

Leggi anche:

* Cosa accadrà se la Russia interromperà l’approvvigionamento di gas? L’Europa sta valutando le sue opzioni

* Bruegel: l’UE può sopravvivere al taglio del gas della Russia a breve termine

* La dipendenza della Germania dal gas russo

Eva Kinsman

"Bacon buff. Internet guru. Future teen idol. Beer fan. Extreme web fanatic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.