Alexis Tsipras in “A” / Elezioni, l’unica via democratica per uscire dall’assedio

“Chiediamo elezioni perché non c’è altro modo. Perché ogni giorno che passa, decine di nostri simili indifesi muoiono. Milioni di famiglie vengono scongelate”

“Posso assicurarvi che siamo più preparati che mai, più esperti e più determinati. E sappiamo e vogliamo e possiamo”, afferma Alexis Tsipras facendo notare domenica in AVGI che SYRIZA – PS chiede elezioni perché “è l’unica via democratica per uscire da questo stato d’assedio”.

Il presidente di SYRIZA – PS sottolinea che sono pronte le prime disposizioni legislative per il soccorso della società, annuncia l’attuazione sperimentale del termine di 35 ore, parla del caso Novartis e dei fenomeni di violenza, mentre commenta scherzosamente gli scenari per un governo tecnocratico, inviando un chiaro messaggio a Bruxelles che nonostante l’insoddisfazione per l’efficacia del governo Mitsotakis, la corruzione diffusa e la struttura distorta del piano per l’utilizzo delle risorse del recovery fund, nelle democrazie il popolo dominante ha l’ultima parola: “Decide sia i governi che i primi ministri”. Inoltre pone come condizione fondamentale del governo democratico il chiaro primato di SYRIZA – PS, mentre riferendosi alla sua proposta al prossimo congresso, sostiene che l’obiettivo è ” fare SYRIZA – PS il partito più democratico d’Europa”.

Intervista a Spyros Rapanakis e Nikos Sverkos

– Lei chiede elezioni per lasciare – come lei dice – il peggior governo dal Metapolitismo ad oggi. Perché li stai chiedendo ora e quanto pensi che siano probabili elezioni anticipate?

Chiediamo elezioni perché non c’è altro modo. Perché ogni giorno che passa, decine di nostri simili indifesi muoiono. Milioni di famiglie vengono scongelate, che vedono il loro già magro reddito essere eroso da una speculazione incontrollata. Si moltiplicano i fenomeni di decadimento ai vertici del potere. E l’insicurezza, la paura del domani, pervade la società. Le elezioni sono l’unica via democratica per uscire da questo assedio. Vogliamo e ricerchiamo la nostra richiesta per rispondere all’indignazione sociale in un movimento di liberazione e cambiamento, che imporrà il ricorso alle urne. E aprirà la strada a un nuovo inizio per la società e il Paese. E questo accadrà.

Negli ultimi giorni, però, anche da Bruxelles sono circolate indiscrezioni scenari che parlano di governi di cooperazione, sull’esempio dell’Italia. Cioè, un governo di tecnocrati. In che misura SYRIZA potrebbe partecipare a una cosa del genere?

In nessun caso riguardano SYRIZA – PS. questi scenari. Guarda, Bruxelles non è il palazzo moderno. Non possono plasmare gli sviluppi politici in nessun paese, senza il verdetto del popolo. Comprendo l’insoddisfazione di Bruxelles per l’inefficienza del governo Mitsotakis, quando sembra che vi sia un serio rischio che quanto abbiamo realizzato negli anni precedenti, stabilità fiscale, trasparenza delle finanze pubbliche, coesione sociale, vada storto. Comprendo anche la preoccupazione per la corruzione diffusa, gli incarichi diretti, la struttura distorta del piano del recovery fund, che lascia in bilico la maggior parte delle piccole e medie imprese, e soprattutto l’incapacità di assorbire i fondi comunitari in modo tempestivo. Tuttavia, la prima e l’ultima parola in una democrazia è detenuta dal popolo sovrano. Decide sia i governi che i primi ministri. E nelle democrazie non ci sono vicoli ciechi. Per questo preferiamo ricorrere alla crisi popolare il prima possibile come un’urgenza.

– La società attribuisce responsabilità al governo Mitsotakis per la gestione catastrofica dei disastri naturali. Cosa faresti se fossi nella sua posizione e perché lo stato del personale non funziona?

Permettetemi di rispondere qui un po’ più in dettaglio. Il punto è che quando parliamo di stato personale, intendiamo uno stato selettivo. Rafforzano le forze repressive, le articolazioni dello stato che assicurano la redistribuzione della ricchezza a beneficio di pochi, le strutture statali che supportano la loro percezione di regime. E smantellano, strangolano, vendono ogni struttura statale che ha a che fare con l’uomo, il cittadino, lo spazio pubblico, la società, il sostegno dei molti. Si arrivava così ai fenomeni della vergogna nelle 24 ore di neve, che era come se non ci fosse nemmeno un meccanismo statale.

E si è scoperto che il problema principale di questo governo non è solo l’incompetenza del personale, ma la sua ossessione selettiva. La sua avversione a tutto ciò che è pubblico ea uno Stato che sostiene il cittadino e non si limita a mediare tra i profitti ei privilegi di pochi e lo sfruttamento dei molti. Quando odi uno stato democratico così moderno, con priorità sociali, qualsiasi tipo di personale è una tabula rasa e propaganda. Invece dello stato, preferiscono l’iniziativa privata. Anche in ambiti critici per l’interesse pubblico e il bene comune. Non vogliono ospedali pubblici e università, non vogliono un sistema di previdenza sociale pubblico, non vogliono infrastrutture e reti pubbliche, non vogliono il trasporto pubblico. Anche durante la pandemia pianificano e promuovono partnership pubblico-privato e fusioni ospedaliere. In un momento di crisi energetica, privatizzano completamente il PPC e le reti energetiche. E lascia che il mercato si autoregola. Non intervengono per affrontare l’onda di precisione. Hanno lasciato che i test molecolari costassero al cittadino cinque o sei volte il prezzo previsto anche da un comune, per non parlare dello stato. E tutto questo perché credono nello Stato solo come strumento per garantire il loro status. Hanno lasciato che i test molecolari costassero al cittadino cinque o sei volte il prezzo previsto anche da un comune, per non parlare dello stato. E tutto questo perché credono nello Stato solo come strumento per garantire il loro status. Hanno lasciato che i test molecolari costassero al cittadino cinque o sei volte il prezzo previsto anche da un comune, per non parlare dello stato. E tutto questo perché credono nello Stato solo come strumento per garantire il loro status.

Quindi la nostra differenza è profonda e chiara. Crediamo in uno Stato forte e umano accanto al cittadino, che garantisca protezione sociale, sicurezza, protezione. Protegge le libertà dei molti e non i privilegi dei pochi.

Abbiamo pronti i primi interventi legislativi

Abolire le leggi anti-lavoro e sostenere il lavoro. Applicazione rigorosa dell’otto ore e applicazione sperimentale della 35 ore. Recupero dallo stato della responsabilità per l’assicurazione complementare. Riforma progressiva in materia di istruzione e salute. Basato su tutti i nostri tagli e interventi, uno Stato moderno, aperto al cittadino, democratico, sociale e forte. Per quanto riguarda PPC, il nostro obiettivo è ripristinare D, non solo nel titolo ma anche nel funzionamento.

 

– Ma sei criticato, sulla base delle dichiarazioni dei tuoi dirigenti, che vuoi uno Stato forte, ma allo stesso tempo uno Stato di partito. Qual è la tua risposta?

È ridicolo essere criticati in questo modo da coloro che hanno una visione proprietaria dello Stato, che hanno infranto tutti i record di funzionari trasferibili e incarichi diretti nella storia post-politica, da coloro che intervengono così clamorosamente nella giustizia e provocano persino reazioni internazionali alla persecuzione dei giornalisti e al deficit di pluralismo. Tuttavia, non esiterò a rispondere alla domanda sulla sostanza.

SIRIZA – PS non intende sostituire lo stato selettivo, impotente e inefficace lasciatoci dal signor Mitsotakis con un altro stato partito vecchio stile. L’opposto. Non solo perché non lo vogliamo, ma anche perché sappiamo che falliremo. Al contrario, ci riusciremo solo se riusciremo a staccare completamente lo Stato dal partito. Con strutture e istituzioni di meritocrazia, che saranno sezioni storiche, come ad esempio ASEP o Diavgeia. Non è un caso che non siano stati fatti da governi di destra, ma da governi progressisti.

ANDREA BONETTΙ

Non abbiamo fortuna se proviamo a colpire la destra con le sue stesse armi, giocando nel suo stesso stadio, quello dell’indegnità, dei rapporti con i clienti, del nepotismo. Sconfiggeremo la destra cambiando completamente il campo di confronto.

Di fronte a nozioni superate di pieno controllo dello Stato, di informazione, di appalti pubblici, che, come abbiamo visto, sono arrivate anche alla “notte” in Maximos, le forze progressiste non devono proporre né un progetto di gestione migliore né un ” stato – punizione”, ma lo stato sociale, democratico, meritocratico, umano che sostiene e protegge il cittadino.

Come affronterai questa ristrutturazione dello stato sociale? Cosa pensi di fare con la NSS, con la PPC?

Il SSN, la salute e la vita delle persone è per noi la prima, assoluta e urgente priorità. Il nostro obiettivo non è solo gestire la situazione attuale, chiudere alcuni buchi, ma creare le nuove NSS. Che si baserà sul coraggioso aumento della spesa per la Sanità, sul reclutamento di personale medico e sanitario -con priorità a chi da due anni si batte in prima linea, con contratti di lavoro, sul coraggioso aumento degli stipendi del personale medico e significative riforme istituzionali per rafforzare l’Assistenza Sanitaria Primaria.

Per quanto riguarda PPC, il nostro obiettivo è ripristinare D, non solo nel titolo, ma anche nel suo funzionamento. Non accetteremo che la Grecia e la sua economia siano tenute in ostaggio dagli speculatori energetici. Pochi giorni fa, anche il presidente Macron, che non lo definisce socialista, ha chiesto al PPC francese di congelare le bollette della luce, smettere di tagliare e sostenere le famiglie medie e povere. In Grecia, la preoccupazione del governo Mitsotakis è come i fondi non perdano un euro e non come sopravviveranno le famiglie. E PPC, invece di svolgere un ruolo determinante nel tenere il prezzo dell’energia elettrica, come oggi, quando non è aumentato di un solo euro di energia elettrica, è diventata un attore chiave insieme ai fornitori privati ​​nel rally del prezzo dell’energia elettrica, che provoca il rally e i prezzi dei beni di prima necessità.

La precisione è dilagante e tutti i sondaggi mostrano che è il problema numero uno dei cittadini, anche superando la pandemia. UN governo SYRIZA – PS Quali passi immediati sarebbero necessari oggi per contrastare l’aumento dei prezzi, sia nei beni di consumo che nel settore energetico?

Con l’elezione del nuovo governo aumenteremo il salario minimo a 800 euro, un fatto che trascinerà tutte le scale salariali del settore privato. Azzereremo o ridurremo drasticamente il debito delle piccole e medie imprese creato dalla pandemia. E si passerà a misure di soccorso temporaneo per famiglie e imprese per tutta la durata della crisi. Come la riduzione dell’IVA sui carburanti, alla soglia fissata dalla Commissione Europea, e la riduzione dell’IVA sugli alimenti di base, all’aliquota minima del 6%. Allo stesso tempo, metteremo fine in modo definitivo e decisivo all’impunità dei cartelli, con controlli intensivi e rafforzando il ruolo istituzionale e gli strumenti di controllo sia della Commissione concorrenza che della RAE.

Il N.D. ha approvato, subito dopo la sua elezione, leggi che cambiano drasticamente la vita economica e sociale, dal lavoro e dal fondo per la ripresa all’istruzione e allo stato esecutivo. Queste leggi verranno ribaltate se sarai eletto al governo? Stai già elaborando una tale legislazione e quali saranno le prime iniziative legislative che il governo prenderà se sarai eletto?

Abbiamo già preparato i primi interventi legislativi, che abbracciano l’intera gamma dei problemi della maggioranza sociale. Abolire le leggi anti-lavoro e sostenere il lavoro. Applicazione rigorosa dell’otto ore e applicazione sperimentale della 35 ore. Recupero dallo stato della responsabilità per l’assicurazione complementare. Riforma progressiva in materia di istruzione e salute. Basato su tutti i nostri tagli e interventi, uno Stato moderno, aperto al cittadino, democratico, sociale e forte. Tutte le consultazioni pubbliche che abbiamo organizzato nell’ambito della nostra Conferenza di Programma si sono tradotte in interventi legislativi. Per le nuove NSS, per il lavoro, il salario minimo e 35 ore, per la legge sul clima, per l’utilizzo delle risorse del recovery fund e il rafforzamento della piccola e media imprenditorialità, con il programma Grecia PLUS, per la cancellazione di parte del debito privato pandemico, per i giovani e il problema abitativo, per le persone con disabilità. Vi assicuro che siamo più preparati che mai, più esperti e più determinati. E sappiamo e vogliamo e possiamo. Permettetemi di aggiungere qui che apporteremo cambiamenti radicali nel funzionamento dello Stato. Porremo fine agli eserciti dei convertiti, utilizzando le risorse umane dello Stato. E concludiamo anche con gli incarichi senza alcun tipo di concorrenza in posizioni chiave nel settore pubblico, che negli anni si sono evolute in un business di convenienza e profitto. E sappiamo e vogliamo e possiamo. Permettetemi di aggiungere qui che apporteremo cambiamenti radicali nel funzionamento dello Stato. Porremo fine agli eserciti dei convertiti, utilizzando le risorse umane dello Stato. E concludiamo anche con gli incarichi senza alcun tipo di concorrenza in posizioni chiave nel settore pubblico, che negli anni si sono evolute in un business di convenienza e profitto. E sappiamo e vogliamo e possiamo. Permettetemi di aggiungere qui che apporteremo cambiamenti radicali nel funzionamento dello Stato. Porremo fine agli eserciti dei convertiti, utilizzando le risorse umane dello Stato. E concludiamo anche con gli incarichi senza alcun tipo di concorrenza in posizioni chiave nel settore pubblico, che negli anni si sono evolute in un business di convenienza e profitto.

Nei sondaggi, indipendentemente dai risultati numerici, SYRIZA – PS non sembra recuperare quanto ci si aspetterebbe. Da dove viene questo?

Nelle ultime elezioni in Portogallo i sondaggi hanno mostrato un derby e alla fine la destra ha perso di 13 punti. I sondaggi sono uno strumento utile, ma l’esperienza ci dice che è bene non fare affidamento solo su di esso. Qui nel nostro Paese, alle elezioni di settembre 2015, i sondaggi hanno mostrato un pareggio, ma SYRIZA ha vinto per 9 punti. Nei sondaggi per il referendum il SI era in vantaggio di 3 punti e il NO di 24 punti. Nei sondaggi delle elezioni di luglio 2019, due giorni fa, la media di tutte le società dava a SYRIZA il 24%. Ha ottenuto il 31,6%. I sondaggi condotti qualche mese fa per le elezioni interne del partito a KIN.ALL. ha dato al signor Loverdos il vincitore con un margine. È arrivato terzo. Pertanto c’è un problema con l’affidabilità delle misurazioni. E non sto parlando di soldi pubblici qui, che di volta in volta viene investito affinché il signor Mitsotakis emerga come un trionfante popolare. Ma per la possibilità dei sondaggi di stimare con precisione le percentuali di SYRIZA. Potrebbe avere a che fare con le caratteristiche particolari, demograficamente e socialmente, di una sezione dei nostri elettori. In ogni caso, il criterio più sicuro per la correttezza dei sondaggi è sempre l’urna.

Non cadiamo dalle nuvole per violenza intollerante

Negli ultimi mesi c’è stata un’escalation di violenza, dagli attacchi alle donne ai fan e persino agli attacchi di strada fascisti . È un problema sociale più ampio, che dovrà affrontare anche un governo progressista. Come pensi di affrontarlo?

È un problema complesso che richiede un’analisi approfondita. L’escalation della violenza e soprattutto del genere negli ultimi anni dovrebbe essere una seria preoccupazione per noi. Per le norme sociali, per l’alienazione delle persone che è stata esacerbata dalla pandemia e porta a comportamenti estremi, per il fanatismo e la riproduzione ovunque di stereotipi di comportamenti violenti. A scuola, in TV e su Internet, nei videogiochi, sul campo, nelle relazioni umane. In breve, però, posso dire che un governo progressista non può restare solo nell’analisi, ma deve agire, e agiremo immediatamente. Con logica, sensibilità e grande determinazione. Con il supporto dei maggiori movimenti sociali che hanno una presenza molto attiva. Con provvedimenti legislativi decisivi, sul modello degli altri paesi europei. E con un controllo rigoroso, misure di pulizia,

Nel calcio professionistico, per esempio. Tuttavia, nel caso di Alkis, non possiamo ignorare il fatto che il presunto carnefice non era solo un tifoso di una squadra di calcio ma anche un tifoso di un’ideologia intollerante di estrema destra che è stata incubata come l’uovo di serpente nei comizi per Makedoniko . Gruppi di estrema destra che hanno continuato indisturbati le loro attività a Salonicco, con gli attacchi all’Epal a Stavroupoli, con gli attacchi agli immigrati, con incendi dolosi nei ritrovi culturali e negli uffici delle organizzazioni di sinistra. Quindi almeno non cadiamo dalle nuvole.

caso Novartis

Ogni giudice conferma o nega l’indipendenza della magistratura

Nello scandalo Novartis, l’inchiesta per Adonis Georgiadis è stata archiviata. Lo stesso è successo a tutte le persone coinvolte tranne Andreas Loverdos. Infine, sollevi seri interrogativi sulla gestione della giustizia. Non ti fidi dei giudici? Pensi che ci fosse uno schema?

Vi cito una frase del compianto professore di diritto penale Ioannis Manoledakis: “L’indipendenza della magistratura non è, per la precisione, ‘indipendenza della magistratura’, ma ‘indipendenza del giudice’. “Ogni giudice conferma o nega l’indipendenza della magistratura”.

In un caso in cui lo Stato americano ha costretto Novartis a pagare 350 milioni di transazione extragiudiziale in America per gli scandali fatti in Grecia, lo Stato greco non solo non ha chiesto un solo euro, ma il governo greco attraverso il Primo Ministro ha stabilito che il lo scandalo era un piano. Giornalisti, giudici e ministri che hanno osato mettere in luce lo scandalo vengono perseguiti. La conclusione spetta a te.

Per fare SYRIZA – PS il partito più democratico d’Europa

Dobbiamo rendere conto ai membri del partito, e in effetti ogni giorno, non ai loro rappresentanti. Questa è la nostra forza, membri. E da dove prendono il potere i membri del partito? Dai legami di ognuno di noi con la società. Questo, e non alcuni calcoli interni, rende vitale la necessità che il funzionamento interno di SYRIZA respiri, abbracci senza fobie e stereotipi i movimenti e le persone in ogni spazio, diventi festa con loro e per loro

 

– Nelle misurazioni qualitative dei sondaggi dell’opinione pubblica, tuttavia, c’è una mancanza di credibilità di SYRIZA – PS. Sei preoccupato per il risultato rilevante? Qual è la strategia affinché – per dirla semplicemente – i cittadini considerino SYRIZA – PS. non come una forte forza di opposizione, ma il partito che è potenzialmente il prossimo governo?

Certo che ci preoccupa. Tanto più che non agiamo in condizioni di normalità democratica, ma di fronte a un intero sistema, che cerca con tutti i mezzi, di cui il più onesto è la menzogna, di screditare le intenzioni, le possibilità, la credibilità esecutiva e di governo di SYRIZA.

Quindi rispondo. Se vogliamo convincere coloro che sono influenzati che siamo il governo di domani, dobbiamo prima diventare una forte opposizione. Penso che ultimamente abbiamo raggiunto questo obiettivo in larga misura. Allo stesso tempo, però, dobbiamo dimostrare di essere una forza democratica, solida, efficace, con un senso di grandi obiettivi e responsabilità nei confronti della maggioranza sociale e della patria.

Oserei dire una parola che secondo me è una parola chiave. Credo che l’esigenza dei tempi sia la serietà. E in termini di nostre proposte motivate, il loro radicalismo realistico e in termini di nostro comportamento, il modo in cui comunichiamo le nostre posizioni ai cittadini. Ad ogni passo dobbiamo calcolare le correlazioni non all’interno del partito, ma all’esterno della società, e come le cambieremo a beneficio del progresso.

Alexis Tsipras - Intervista ad AVGI
Andrea Bonetti / Ufficio Stampa SYRIZA – PS

Ebbene, per cambiarli più velocemente, e in modo più deciso, e per cambiare il Paese, dobbiamo adattarci alle nuove situazioni e alle nuove esigenze. Cambiamo dove dobbiamo. E non intendo cambiare la nostra identità o le nostre posizioni politiche o, tanto più, rinunciare alla grande visione della giustizia sociale. Intendo diventare più estroversi, andare nella società invece di aspettare che la società venga da noi, far crescere il nostro partito in vista del congresso, capire il bisogno di collettività non solo come esigenza di libera espressione, ma anche come necessità e un metodo democratico unico di processo decisionale e di attuazione. Diventare un partito moderno, popolare, di massa, democratico. I nostri confini dovrebbero essere identificati in una certa misura con i movimenti sociali, le comunità locali, la società in generale,

– Proporrai alla prossima conferenza di SYRIZA – PS. l’elezione del presidente e del CdE dai membri del partito. Qual è lo scopo di questa proposta?

SIRIZA – PS non è solo un partito della sinistra moderna in Grecia. È un partito modello in Europa. È il partito che è riuscito a conquistare il favore del popolo ea governare in un momento estremamente difficile, quando gli occhi di tutta l’Europa e del mondo erano puntati su di noi. E cosa proponevamo allora oltre alla richiesta di giustizia sociale e la fine dell’austerità? La richiesta di democrazia. Abbiamo alzato il morale dicendo che le correlazioni di potere e potere economico non possono determinare la vita delle persone e che l’Europa non può andare avanti senza democrazia.

Quindi, quando una delle nostre caratteristiche identitarie di base è la democrazia, il potere del popolo, l’espressione non mediata dei cittadini, la loro partecipazione anche alle decisioni più difficili e marginali, non possiamo degradarlo nel nostro funzionamento interno. .

Quindi la mia visione è quella di diventare SYRIZA – PS. il partito più democratico d’Europa. Dare un nuovo significato alla partecipazione e al rapporto stesso del cittadino con la politica, il rapporto del partito con il partito. Non come applausi ed esecutori di decisioni di leadership, ma come co-formatori di quelle decisioni.

– E questo è assicurato dall’elezione della dirigenza dal basso?

Non assolutamente, ma è un passaggio molto importante. Ne devono seguire altri, previsti nella proposta di nuovo statuto. Ad esempio, l’obbligo di appellarsi immediatamente ai membri del partito per decisioni molto critiche, come la partecipazione a un governo. Sai, le nuove tecnologie ci danno questa opportunità. Direi che ci obbligano ad adattare la funzione di festa alle nuove strutture e abitudini della vita quotidiana. Ecco perché proponiamo di istituzionalizzare ora la funzione digitale. Un membro attivo può essere informato, consultato, votato e persino mobilitato da Internet.

– Tuttavia, ci sono critici di questa proposta che sottolineano che ciò crea uno “star system” nel partito. Qual è la tua risposta?

Rispetto il loro punto di vista e credo che possiamo avere una discussione molto significativa e fruttuosa nel corso del dialogo pre-conferenza. Comunque mi permetterai di esprimere il mio disaccordo.

Se è un problema essere eletti agli organi direttivi del partito dei nostri compagni popolari o al Parlamento dei candidati popolari e non dei capaci, la risposta al problema non è la minima democrazia. Non credo nel privilegio di pochi di scegliere con criteri più corretti dei tanti che non conoscono. E se loro “non sanno”, è dovere di tutti noi di sinistra imparare. Sarebbe esagerato dire che questo argomento somiglia a quello dell’aristocrazia, che non voleva che il diritto di voto diventasse universale perché molti non sapevano votare come si deve, come i nobili, che fino ad allora avevano saputo, avevano questo privilegio .

In ogni caso, però, siamo qui per scambiarci idee e proposte per garantire ulteriormente che questo processo aperto porti risultati migliori nella composizione degli organi del partito. Si propone già la partecipazione paritaria di entrambi i sessi. Un tetto massimo per la partecipazione di parlamentari e funzionari di governo, così da avere più seggi per i cosiddetti quadri nelle istituzioni. E ci sono altre proposte interessanti che danno peso alla composizione regionale. Discuteremo tutto apertamente e democraticamente e prenderemo le nostre decisioni.

– Condivide l’opinione che è stata anche espressa secondo cui ci sarà un deficit di responsabilità dei membri della direzione del partito, se l’elezione è fatta dai membri?

No, non capisco perché un Comitato Centrale eletto da un congresso che si riunisce ogni quattro anni sia più responsabile nei confronti dei membri del partito di un Comitato Centrale eletto direttamente dai membri. Dobbiamo rendere conto ai membri del partito, e in effetti ogni giorno, non ai loro rappresentanti. Questa è la nostra forza, membri. E da dove prendono il potere i membri del partito? Dai legami di ognuno di noi con la società. Questo, e non alcuni calcoli interni, rende vitale la necessità che il funzionamento interno di SYRIZA respiri, abbracci senza fobie e stereotipi i movimenti e le persone in ogni spazio, diventi una festa con loro e per loro.

Il che significa non solo aprire le nostre porte, come diciamo di solito, ma spostare la nostra intera operazione e azione dove la società sta conducendo le sue piccole e grandi battaglie. Quindi, quando capiamo che dobbiamo aprirci con fiducia alla società, non ha senso fidarsi dei membri del partito per tutte le questioni serie e per l’elezione della leadership?

Il chiaro primato di SYRIZA è una condizione fondamentale per un governo progressista

Messaggio ad Androulakis: o sarai con la destra o con la fazione democratica. La volontà popolare porrà davanti a ciascun partito la questione cruciale della governance, alla quale sarà chiamata a rispondere

– Il Movimento per il Cambiamento sembra attirare orizzontalmente gli elettori di entrambi i partiti forti. Temi che indebolisca decisamente le forze di SYRIZA – PS?

Consentitemi di avere i miei dubbi sul fatto che sia vero che attiri elettori orizzontali e uguali da entrambi i partiti. Se è così, N.D. non dovrebbe preoccuparsi affatto. Al contrario, irradia una grande preoccupazione, che non è nascosta. In ogni caso, e dato che per noi l’avversario è solo la Destra e il Sig. Mitsotakis, accetterei senza alcun timore una “competizione del progresso” con KIN.ALL. Ma temo che quello che stiamo vedendo, almeno finora, sia un confronto vecchio stile e un rifiuto di escludere consensi e collaborazioni con la destra, anche se sono state queste collaborazioni che hanno portato questo partito a rimpicciolirsi e il Paese alla tragedia.

– Il N.D. ma per lo stesso motivo afferma di attaccare KIN.ALL. Perché mantiene le stesse distanze.

Quando un partito di opposizione mantiene le stesse distanze dal governo e dall’opposizione, favorisce il governo. Quanto più un governo che va di fallimento in fallimento. In ogni caso, l’ho detto prima, non è facile mantenere le stesse distanze dalla destra e allo stesso tempo voler esprimere la fazione democratica. O starai con la destra o con la fazione democratica.

– Hai chiesto la formazione di un governo progressista. Il MOBILE e la sua nuova leadership sembra cercare di bilanciare la scena politica, il KKE rifiuta fermamente, il MERA25 pone le condizioni. Cercherai incontri immediati con i loro leader per una minima consultazione programmatica o aspetterai i risultati delle elezioni?

Il verdetto popolare sarà quello che determinerà gli sviluppi. Il chiaro vantaggio di SYRIZA alle elezioni è una condizione fondamentale per un governo progressista e per sviluppi a favore della maggioranza sociale. Tra il periodo prima e dopo le elezioni ci sono le elezioni. La volontà popolare porrà davanti a ciascuna parte la criticità della governance, alla quale sarà chiamata a rispondere.

Eva Kinsman

"Bacon buff. Internet guru. Future teen idol. Beer fan. Extreme web fanatic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.