Come si risolverà la crisi in Kosovo, Pepe e Presidente?

Dopo la sessione del Consiglio di sicurezza nazionale, il presidente Aleksandar Vučić ha prima spiegato di aver respinto, come ha detto, la “presunta soluzione di compromesso” degli stati di Quinto e dell’Unione europea, e poi ha affermato che Belgrado ha chiesto il ritiro dell’unità speciale dal nord Kosovo per tornare allo stato precedente, in modo che tutto possa essere discusso e concordato a Bruxelles. Il primo ministro del Kosovo Albin Kurti ha affermato che la reciprocità non è stata una provocazione.

“Vieni al negozio per comprare cinque chilogrammi di arance, che costano mille dinari” (indirizzo Vučić).

Per farla breve, alla fine hanno chiesto 300 dinari per le arance. Il presidente ha cercato di spiegare chiaramente la proposta di compromesso occidentale per risolvere la nuova crisi del Kosovo: Pristina avrebbe dimenticato il 70 per cento di quello che voleva fare, per introdurre il 30 per cento di nuove misure.

“Se la Serbia accetta, l’unità di Rosa verrà immediatamente ritirata… non lo accettiamo”, ha detto Vučić.

E mentre, come dice lui, non è d’accordo con i trucchi barbari e una politica di azione tardiva, Vučić suggerisce che la polizia del Kosovo si dimetta da sola per cominciare. Tuttavia, il Primo Ministro del Kosovo ha parlato anche con i Big Five ambasciatori e rappresentanti dell’Unione Europea.

“La decisione di introdurre la reciprocità sulle targhe dei veicoli non è una provocazione o una discriminazione. Con questa decisione, applichiamo la legge e garantiamo parità di trattamento per tutte le strade che conducono ai valichi di frontiera intorno a loro”, ha affermato Albin Kurti.

N1: Hai rifiutato l’offerta Quint plus EU…

Vucic: Sì

H1: Pristina non vuole tirarsi indietro ora, NATO e KFOR non vogliono reagire, quindi cosa faremo?

Vučić: Niente, cosa hai intenzione di fare?

N1: Non lo so, te lo sto chiedendo.

Vučić: Ho fatto tutto quello che potevo, non avrei accettato le richieste di persone che erano d’accordo con Priština su come farlo, non mi è venuto in mente.

H1: Allora come si risolverà la crisi?

Vucic: Vedremo.

E mentre ci “guarderemo” l’un l’altro, in attesa di una soluzione alla crisi, entrambe le parti hanno detto che insisteranno per mantenere la pace e continuare il dialogo, anche se secondo il presidente serbo Belgrado ha le condizioni per Bruxelles.

“Chiediamo una risposta urgente dall’UE se l’accordo di Bruxelles è in una transazione legale o meno e quando sarà formato il JCC stiamo cercando una risposta nel prossimo mese, e il loro silenzio sarà un chiaro segno che il L’accordo di Bruxelles non esiste più”, ha detto Vucic.

In una reazione finale, l’inviato speciale dell’UE a Belgrado ea Pristina Miroslav Lajcak si è detto preoccupato e ha chiesto una distensione urgente, che è importante ridurre le tensioni, ripristinare la pace e consentire la libertà di movimento… Vedremo.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *