Perché le persone si mangiano le unghie e quanto questa abitudine può nuocere alla loro salute?

Se ti mangi le unghie, non preoccuparti, non sei l’unico. Secondo uno studio, dal 20 al 30 percento della popolazione si mangia le unghie, il che significa che in realtà è un’abitudine comune tra i bambini, ma anche tra gli adulti.

Anche se a prima vista sembra innocuo, ma se fatto spesso può portare a infezioni della pelle o trasmissione virale, ha scritto. Corpo Mente Verde.

Gli esperti hanno la loro opinione su questa abitudine.

Perché le persone si mangiano le unghie?

Anche se non sei uno di quelli che si mangiano le unghie, è probabile che conosci qualcuno che lo fa. Secondo lo psicologo Gauri Kurani, mangiarsi le unghie è una forma di comportamento controproducente.

“Le unghie sono facilmente accessibili e i risultati generalmente non sono facilmente visibili agli altri”, afferma.

“Il motivo più comune per cui le persone si mangiano le unghie è perché muoiono quando hanno fame, quando sono annoiate, quando sono frustrate o quando svolgono compiti difficili. In sostanza, mangiarsi le unghie è una di quelle abitudini indesiderate che spesso non facciamo nemmeno sapere.”

Secondo gli psicologi, mangiarsi le unghie può iniziare già dall’infanzia e alcuni studi suggeriscono addirittura che la genetica possa svolgere un ruolo importante. Tuttavia, non si può dire con certezza se questo tipo di comportamento sia appreso e imitato o innato.

Mangiarsi le unghie fa male?

A volte mordere è innocuo, ma se ti mordi le unghie fino a quando non raggiungono la pelle e addirittura la rompono, l’infezione è sicuramente possibile.

“Mangiarsi le unghie cronica, chiamata anche onicofagia, può danneggiare la pelle intorno all’unghia e l’unghia stessa”, afferma il dermatologo Dr. Tiffany Zhou Libby.

“Può anche aumentare il rischio di infezione batterica dell’unghia, che può manifestarsi come arrossamento doloroso, gonfiore e spesso richiede un trattamento con antibiotici.

“Non sono solo le tue mani che possono essere infettate da germi, ma anche le tue unghie, quindi mangiando le unghie o la pelle intorno alle unghie, i germi possono essere trasmessi alla bocca, aumentando il rischio di virus e altre infezioni.

Identificare il grilletto

Se vuoi rompere questa abitudine, il primo passo è identificare la causa. Se puoi, determina cosa fa scattare il mangiarsi le unghie. Cerca di metterti in situazioni diverse che ti aiuteranno a evitare questa abitudine.

“Evitare questi fattori scatenanti o trovare modi per gestirli può aiutare a ridurre al minimo il mangiarsi le unghie”, afferma il dott. Libby.

Se la tua abitudine è un comportamento consapevole che si verifica quando provi un’emozione negativa intensa, “cerca di capire che qualcosa ti sta influenzando nel momento in cui devi liberarti di quell’emozione”, afferma Michela Chacimanoli, psicologa clinica.

“Guarda il tuo corpo, poi fai un respiro profondo attraverso il naso ed espira lentamente attraverso la bocca, lasciando che questo rilascio avvenga in un modo diverso.”

Tieni le mani occupate

È quasi impossibile mangiarsi le unghie se le mani sono occupate. Il Corano consiglia di adottare altri comportamenti divertenti che usino le mani.

“Questo potrebbe includere la lettura, il lavoro a maglia, vari mestieri, accarezzare animali o varie faccende domestiche. Potresti notare che la tua abitudine di mangiarti le unghie diminuisce e la tua produttività aumenta.

unghie corte

“Se le tue unghie sono corte, non ti morderai così tanto, e questo può essere meno allettante”, afferma il dott. Libby.

Per facilitare il tuo lavoro, taglia le unghie regolarmente per evitare la tentazione.

Consulta gli esperti

Se hai mai avuto un’infezione della pelle o delle unghie da un morso, il dott. Libby suggerisce di visitare un dermatologo per un controllo. Il tuo dermatologo non solo può aiutarti a curare l’infezione, ma può anche aiutarti a liberarti completamente dell’abitudine.

“Se qualcuno si sta ancora mangiando le unghie, nonostante l’infezione, e non riesce a smettere, questo è un problema. C’è un circuito di feedback positivo nel tuo cervello che deve essere interrotto”, afferma la psichiatra Dr. Amy Wexler.

In questi casi possono essere necessari interventi più significativi, come la terapia cognitivo comportamentale (CBT).

In un senso più ampio, la CBT implica il lavoro con un praticante per identificare i pensieri che si hanno quando si selezionano o si affrontano comportamenti indesiderati e li si sostituisce con altri più sani.

“Ma funziona solo se sei motivato”, afferma Wexler.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.