Un metabolismo più lento non è la causa dell’aumento di peso nella mezza età

La maggior parte delle persone dopo i 30 anni incolpa il metabolismo per l’aumento di peso, gli scienziati ritengono che questo non sia vero.

Uno studio condotto su 6.400 persone, di età compresa tra 8 e 95 anni, in 29 paesi, ha mostrato che il metabolismo è rimasto allo stesso ritmo dai 20 ai 60 anni. Raggiunge il picco a un anno di età e dopo i 60 rallenta bruscamente.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, rivela quattro fasi della vita metabolica:

Dalla nascita al primo anno, quando il metabolismo accelera da quello della madre, e raggiunge un picco del 50 per cento superiore a quello di un adulto.

Poi c’è un leggero rallentamento fino all’età di 20 anni, senza salti durante tutti i cambiamenti della pubertà.

Non ci sono stati cambiamenti tra i 20 e i 60 anni.

Che dopo 60-90 anni, il metabolismo sarà del 26% più lento rispetto alla mezza età.

“Questa è un’immagine che non abbiamo mai visto prima e contiene molte sorprese”, ha affermato uno dei ricercatori, il professor John Spickman dell’Università di Aberdeen.

“Ciò che mi ha sorpreso di più è che nulla è cambiato durante l’età adulta. “Se aumenti di peso nella mezza età, non puoi più dare la colpa a un metabolismo lento”.

Malnutrizione nei bambini

Un’altra sorpresa è arrivata da ciò che questo studio non ha rivelato.

Non vi è alcun salto metabolico né durante la pubertà, né durante la gravidanza, né un rallentamento durante la menopausa.

Il rapido metabolismo nei primi anni di vita sottolinea anche quanto sia importante questo momento nello sviluppo e perché la malnutrizione infantile può avere conseguenze per tutta la vita.

“Quando le persone parlano di metabolismo, pensano alla dieta e all’esercizio, ma il metabolismo è più di questo, stiamo davvero osservando il tuo corpo, le tue cellule mentre fanno il loro lavoro”, ha detto il professor Herman Ponzer della Duke University. BBC.

Dosaggio del farmaco

I ricercatori affermano che una piena comprensione dei cambiamenti metabolici potrebbe avere implicazioni per il trattamento.

Il professor Ponzer ha affermato che potrebbe aiutare a scoprire se il cancro si diffonde in modo diverso con i cambiamenti nel metabolismo e se le dosi dei farmaci possono essere regolate in fasi diverse.

C’è persino dibattito sul fatto che i farmaci che alterano il metabolismo possano rallentare la malattia nella vecchiaia.

La dottoressa Rosalyn Anderson e Timothy Roads dell’Università del Wisconsin hanno affermato che “studi senza precedenti” hanno portato a “nuove importanti scoperte sul metabolismo umano”.

E la malattia della “coincidenza impossibile” nella vecchiaia si verifica a causa di un rallentamento del metabolismo.

Obesita ‘epidemica

Il professor Tom Sanders del Royal College di Londra ha affermato che è “interessante che abbiano trovato una differenza molto piccola nel consumo totale di energia tra la prima e la mezza età adulta”.

“Questi risultati sosterrebbero l’idea che l’epidemia di obesità sia alimentata da un’eccessiva assunzione di energia attraverso il cibo, non da una riduzione del consumo di energia”.

Il dottor Soren Brage, dell’Università di Cambridge, ha affermato che l’energia totale consumata è “molto difficile da misurare” e ha aggiunto:

“Abbiamo urgente bisogno di attirare l’attenzione, non solo sulla crisi energetica globale definita dalla combustione di combustibili fossili, ma anche sulla crisi energetica causata dalla combustione di calorie insufficienti nei nostri corpi”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.