Ue – Il “supporto” della Germania per salvare la Turchia dalle sanzioni contro la Varosia – Notizie – notizie

“Freno” nell’imposizione delle sanzioni europee su tacchino, in risposta alle sue azioni unilaterali nella zona chiusa di Varosia, piazzando Tedesco.

I lavori del Consiglio Affari Esteri Ue si sono “chiusi” senza un accordo sulle misure proposte, nonostante le pressioni e gli avvertimenti che era in gioco la credibilità dell’Ue.

Variante Omicron – Governo bloccato in una partita con il tempo – Paura delle pozzanghere epidemiologiche

Il nuovo ministro degli Esteri tedesco, Analena Berbok, ha affermato di essere “impreparata” perché aveva appena fatto e non è riuscito a studiare i documenti pertinenti dell’alto rappresentante dell’UE, Josep Borrell.

L’Italia si è schierata con lui, mentre i Paesi Bassi hanno espresso riserve generali sulla possibilità di intraprendere qualsiasi azione.

Pertanto, l’imminente imposizione di sanzioni europee in risposta alle azioni unilaterali della Turchia nell’enclave di Varos è stata deferita al prossimo Consiglio per la discussione.

Non ha tempo per studiare i documenti

In particolare, secondo i media ciprioti, durante la discussione, il ministro degli Esteri tedesco ha affermato che il nuovo documento di selezione è stato pubblicato la scorsa settimana, in contemporanea con l’insediamento del nuovo governo tedesco.

Ha detto che è necessario più tempo per studiare i documenti, nonché le implicazioni della decisione da prendere.

L’Alto Rappresentante dell’Unione Europea Josep Borrell, introducendo la questione delle azioni illegali della Turchia a Varos, ha sottolineato la necessità di una decisione poiché questo problema è stato a lungo all’ordine del giorno.

Anche il ministro degli Esteri della Repubblica di Cipro, Nikos Christodoulidis, ha condiviso la posizione di Borrell, sottolineando che un’eventuale mancata decisione metterebbe a repentaglio la credibilità della stessa Ue.

Secondo le informazioni del “Partito liberale di Cipro”, Grecia, Irlanda, Francia, Belgio, Estonia, Austria, Malta e Lussemburgo sostengono l’approccio comune dell’Alto rappresentante e di Nicosia alla necessità di decisioni speciali.

Questi paesi hanno espresso il parere che questo approccio è perfettamente ragionevole e giustificato, perché altrimenti invieranno, tra l’altro, un messaggio sbagliato alla Turchia.

Coronavirus – L’Europa e il dilemma dei nuovi vincoli – Quanto più azione possono resistere la società e l’economia?

Seguire in Google News e sii il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.