Thriller di Djokovic: informazione che è “in custodia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 15.12

Un altro sconvolgimento nel caso Novak Djokovic. Poco dopo l’annuncio della decisione del tribunale federale di Melbourne, che ha accolto il ricorso della tennista serba contro la decisione delle autorità australiane di aver annullato il suo visto d’ingresso, è stato riferito che una forte forza di polizia era stata fuori dall’hotel dove da allora si trovava. . Giovedì e Djokovic è stato arrestato.

Le informazioni riprodotte da molti media internazionali, a cominciare da quanto trasmesso da un giornalista serbo, si riferiscono al padre del campione. Tuttavia, questa informazione è stata negata dal governo australiano.

Novak Djokovic non è stato arrestato, secondo quattro fonti del governo e del tennis. Il ministro dell’Immigrazione ha ancora il diritto di decidere se annullare nuovamente il visto, affermano The Age e The Sydney Morning Herald.

La star mondiale del tennis Novak Djokovic è stato assolto dalla decisione del tribunale di rimanere in Australia quando il tennista serbo ha presentato ricorso contro la decisione di annullare il visto. Cioè, gli è aperta la strada per difendere il suo titolo agli Australian Open. Tuttavia, tutto è soggetto alla decisione del governo australiano.

Secondo il Guardian, la motivazione della decisione si basava sul fatto che il governo ha riconosciuto che Djokovic non gli aveva concesso il tempo sufficiente per informarlo della sua intenzione di annullare il visto, parlare con gli altri e rispondere in modo comprovato . Tuttavia, il ministro dell’Immigrazione, Alex Hawk, è stato ora in grado di intervenire personalmente e ha deciso comunque di annullare il visto per nuovi motivi.

In un accordo tra le due parti, il governo coprirà le spese del processo e Djokovic potrà lasciare l’hotel dove si trova da giovedì mattina, ricevendo il passaporto e gli effetti personali.

L’avvocato “Nole” ha affermato (ha depositato un memorandum di 35 pagine) che la revoca del visto era illegale, in quanto l’atleta si era ammalato di recente e quindi aveva il diritto di recarsi nel Paese, in base a quanto era stato detto ai tennisti. parte autorizzata.

I tifosi di Djokovic fuori dal campo festeggiano ballando e cantando.

Tuttavia, fino ad ora la partecipazione del nove volte vincitore dell’Australian Open al Melbourne Grand Slam che inizierà il 17 gennaio non è stata assegnata al 100%.

Come sottolineato dai media australiani, il ministro dell’Interno del Paese, Karen Andrews, ha il diritto di vietare la presenza dell’atleta nel Paese e di… chiederne la partenza.

Durante l’udienza, oltre a una descrizione dettagliata delle posizioni di ciascuna parte, i funzionari dell’immigrazione hanno confermato che Novak Djokovic non ha causato incidenti all’aeroporto quando gli è stato detto che il suo visto era stato revocato. Nonostante le voci e l’impressione che ha suscitato, la superstar del tennis serbo rimane calmo e collaborativo.

FONTE: thetoc.gr

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *