“E’ stato commesso un errore, ma è emerso l’opportunismo politico”

Cafiero: “Chi si è sempre opposto alle misure di toelettatura ora si strappa i vestiti”

Capo di Gabinetto, Santiago Caffeero, lo sottolineo “È stato commesso un errore che non sarebbe dovuto accadere ed è stato sbagliato” per quanto riguarda le immagini rilasciate per il compleanno della first lady Fabiola Yañez a Olivos nel luglio dello scorso anno, ma ha avvertito che “oggi non è in gioco la foto ma come stiamo, come usciamo dalla pandemia”.

“Si è rivelata una svista, c’è stato un errore che non sarebbe dovuto accadere ed è stato sbagliato”, ha detto il capo di stato maggiore, venerdì, dopo la socializzazione e la pubblicazione della foto.

In questo contesto, spiega che “allora, in quel contesto, Olivos operava con un centro operativo pandemicoUn sacco di persone che entrano, escono, ministri, incontri con epidemiologi, molti di quegli incontri si tengono lì perché Olivos funziona così”.

“Oggi non è in gioco la foto ma come stiamo, come usciremo dalla pandemia e quale modello politico ed economico porteremo avanti”Caffè Santiago

“Una volta c’è stato un evento sociale che non doveva accadere e per di più non c’era”, ha aggiunto il funzionario, supponendo che “l’opportunismo politico è in aumento” e che “coloro che si sono sempre opposti all’azione vigilante ora sono si sono strappati i vestiti».

In tal senso, Cafiero ha ritenuto che l’opposizione “cerca permanentemente di produrre uno scandalo per nascondere i piani economici che hanno danneggiato così tanto l’Argentina”..

“Riconosciamo l’errore. È stata una svista che non sarebbe dovuta accadere, ma questo non è un problema per il popolo. L’opposizione ha giocato un ruolo zero durante la pandemia”, ha sottolineato il capo di stato maggiore.

Di fronte alle elezioni legislative, Cafiero lo ha giudicato “Oggi non è in gioco la foto, ma come stiamo, come usciremo dalla pandemia e quale modello politico ed economico faremo”.

“Ci dedichiamo alla campagna di vaccinazione. Il nostro compito è far uscire il Paese dalla crisi della pandemia e tracciare un modo per recuperare l’Argentina dai cosiddetti quattro anni di macrismo”, ha affermato.

Per Cafiero, l'opposizione sta cercando di distrarre cercando di fare speculazioni elettorali con questo
Per Cafiero l’opposizione intende “distogliere l’attenzione” cercando di “speculare su questo tema”.

Per Cafiero, l’opposizione “non può spiegare il passato e non può offrire un futuro ed è molto chiaro che stanno cercando di distrarre e provare a speculare su questo tema”.

Allo stesso modo, ha sottolineato che “quello che non vogliamo è dimenticare la posta in gioco nelle elezioni, perché proprio nel bel mezzo di questa campagna emerge”.

Ha anche considerato l’opposizione “grossolanamente disorientata” e ha criticato il fatto che “non hanno avuto alcun ruolo durante la gestione della pandemia e che hanno messo in dubbio l’esistenza del virus e della pandemia”.

“Il nostro compito è far uscire il Paese dalla crisi della pandemia e tracciare un modo per recuperare l’Argentina dalla prostrazione che è stata destinata a quattro anni di marxismo”Caffè Santiago

“Cercano costantemente di creare scandali dopo scandali per nascondere i piani economici che sono costati così tanto all’Argentina”, ha detto il funzionario.

“Riconosciamo l’errore ma non ci distrarrà dal problema che è importante per le persone, perché il problema che è importante per loro è come uscire dalla pandemia, come ci riprenderemo nell’economia, nei salari , al lavoro”, ha sottolineato.

Cafiero ha anche affermato che l’opposizione “non ha fornito una spiegazione quando (l’ex presidente Mauricio) Macri ha viaggiato per il mondo, è tornato, non ha rispettato le misure e non lo ha fatto quando (capo del governo di Buenos Aires, Horacio) Rodríguez Larreta è andato a Buzios e non ha seguito il protocollo”.

“Siamo stati in grado di dimostrare tutto ciò che abbiamo fatto in una pandemia, come la trasformazione delle infrastrutture ospedaliere in un breve lasso di tempo e con un investimento di oltre 45 miliardi di pesos”Caffè Santiago

Ha anche ricordato che l’ex governatore e vice candidata nazionale María Eugenia Vidal “ha tenuto un incontro in cui il visitatore che ha invitato o lo stesso Rodríguez Larreta sono stati infettati quando ha scoppiato la bolla per scattare foto per la campagna con Soledad Acuña”.

“Ho visto i bauli doppi, siamo abituati ai bauli doppi perché, per noi, quello che conta è un’altra cosa”, ha concluso.

“Andando avanti, possiamo dimostrare tutto ciò che abbiamo fatto durante la pandemia, come la trasformazione delle infrastrutture ospedaliere in breve tempo e con un investimento di oltre 45 miliardi di pesos”, ha sottolineato.

Cafiero ricorda che il governo ha investito nella Sanità oltre 45 miliardi di pesos
Cafiero ricorda che “Il governo ha investito più di 45 miliardi di pesos” nella Sanità.

Caffeero lo ricorda il sistema sanitario “è sottofinanziato da anni” nella gestione di Macrista e per questo “non c’è possibilità di rispondere a una pandemia per come l’hanno fatta sgretolare”, prima che il presidente Alberto Fernández si attivasse per ampliarla “affinché non accada ciò che accade negli altri paesi, dove il il sistema crolla”.

“Qui il sistema sanitario non crolla perché il sistema sanitario prende la decisione di fare gli investimenti necessari”, ha detto e fatto un esempio. “Unità di terapia intensiva ampliata del 40%” nelle strutture di tutto il paese.

“Si nascondono con scandali che promuovono ciò che conta davvero, ovvero i piani economici che stanno portando avanti e quanti danni stanno facendo all’Argentina”, ha concluso Cafiero.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.