“Questo è un evento culturale di natura apolitica”

La Russia potrà partecipare all’Eurovision Song Contest benché guerra scoppiata in Ucraina.

L’Unione Europea di Radiodiffusione (UER), l’organizzatore del festival, ha indicato che, as “eventi culturali di natura apolitica”La Russia parteciperà all’edizione 2022. Lo ha confermato in una lettera indirizzata all’emittente pubblica statunitense NPR a seguito di una richiesta della rete ucraina UA:PBC, chiedendo la sua espulsione dal concorso per essere il “portavoce del Cremlino e il principale strumento di propaganda politica finanziato dal bilancio statale russo”.

Le entità vogliono partire costose per monitorare ciò che sta accadendo. “L’Eurovision Song Contest è un evento culturale non politico. Tuttavia, l’EBU è preoccupante attualità in ucraina e continuerà a monitorare da vicino la situazione”.

Nello stesso anno, l’ucraina Alina Pash ha vinto le primarie del suo paese, ma dopo la sua vittoria è stata accusata di essersi recata in Crimea dopo l’annessione della Russia nel 2014 senza permessi adeguati. Nonostante abbia negato, la pressione lo ha fatto desistere e, alla fine, non si recherà a Torino (Italia) per partecipare al gran finale del prossimo maggio.

Non era la prima volta che accadeva una cosa del genere. Nel 2019, La televisione pubblica ucraina si rifiuta di partecipare al festival dopo che il vincitore delle elezioni all’inizio di quell’anno e uno dei favoriti “eurofan” per la vittoria all’Eurovision, Maruv, si è rifiutato di cancellare il suo concerto sul suolo russo. L’Ucraina aveva conosciuto la vittoria nel concorso poco prima, nel 2016.

Sebbene le canzoni con messaggi politici siano vietate, sono consentite Jamala ha gareggiato con la sua canzone ‘1944’ per raccontare un evento storico, la deportazione di migliaia di tartari di Crimea, qualcosa che la Russia ha violato, ancor di più dopo la sua vittoria. Per la precisione, l’edizione dell’anno successivo si svolge nel centro nevralgico di questo conflitto, il porto di Odessa. L’Ucraina, in quanto Paese ospitante, ha bloccato la partecipazione della rappresentante della Russia, Yulia Samoylova, impedendogli di entrare nel suo territorio per essersi recato in Crimea due anni prima “illegalmente” per partecipare a un concerto.

Questo è solo negli ultimi anni, poiché il messaggio diretto contro la Russia è apparso nella famosa partecipazione dell’Ucraina nel 2007, quando Verka Serdyuchka si è classificata al secondo posto con un’esibizione folle e una canzone, “Dancing lasha tumbai”, un titolo che fa giochi di parole – una parola che, quando pronunciata, è come dire ‘Addio Russia’.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.