I tennisti volano in Argentina con il desiderio di ripetere una sorpresa decennale – T sport – Czech Television

I capisquadra Jiří Lehečka e Vít Kopřiva sono partiti oggi con il capitano e la squadra di esecuzione dall’aeroporto Václav Havel di Praga. Tomáš Macháč arriverà più tardi dopo che gli sfidanti di Forlì, in Italia, e Zdeněk Kolář sono già entrati nel torneo in Sud America.

“Non andiamo da favoriti. Conosciamo la forza dell’avversario, ma non perderemo. La squadra è di buon umore, siamo partiti da zero e forse sabato saremo una squadra più felice”, ha sperato Navrátil prima del trasferta alla partita, che si svolgerà il 4 e 5 marzo.

La squadra argentina contro i cechi sarà guidata dal tredicesimo giocatore mondiale Diego Schwartzman, che ha raggiunto la finale in due tornei consecutivi sulla terra battuta. La squadra era composta anche da Federico Delbonis (37° singolo), Sebastián Báez (77°), doppio cinque Horacio Zeballos e Máximo González (23° doppio).

“Abbiamo una grande sfida davanti a noi, ma abbiamo una squadra che può vincere. La favorita è in casa in Argentina, nessuna possibilità, ma le possibilità di successo e il livello di gioco sono decisamente dalla nostra parte”, ha detto Lehečka. un ventenne che è passato al recente torneo di Rotterdam dalle qualificazioni alle semifinali.

Lungo la strada, ad esempio, si è sbarazzato degli allora dodici mondi, Denis Shapovalov, Canada. Grazie a questo, è volato per la prima volta dal 137° della lista al 100° al mondo e attualmente è al 92° posto.

Anche Macháč desiderava ardentemente il successo. “Lo vedo bene. Non li batteremo, li batteremo. Li batteremo”, ha detto Macháč, che l’anno scorso ha sbalordito nel girone della fase finale di Innsbruck vincendo molto miglior avversario. “Ho giocato bene a Innsbruck e spero che continui in Argentina. Questa è la forma”, ha detto il 132esimo giocatore di singolare.

Anche dieci anni fa, i tennisti non volavano a Buenos Aires come favoriti. Con Tomáš Berdych e Radek tpánek, invece, i rivali hanno subito la prima sconfitta in casa. “Ero bloccato in TV e lo guardavo”, ha ricordato Lehečka nel 2012.

“Non mi è mai venuto in mente che un giorno sarei andato in Argentina come giocatore. Apprezzo di più l’opportunità che ho e voglio avere successo anche lì”.

I tennisti stanno aspettando di abituarsi alla superficie in terra battuta su cui hanno giocato l’ultima volta sei mesi fa. “Non è facile, ma avremo cinque o sei giorni di allenamento e sono sicuro che ci adatteremo”, ha detto Navrátil.

Lehečka, che l’anno scorso ha vinto tre tornei minori sulla terra battuta, ha aggiunto: “Mi sono allenato sulla terra battuta questa settimana. Il mio corpo si sta abituando e il gioco sta migliorando in generale. Come ha detto il capitano, ci sarà tutto il tempo per abituati alle condizioni e non credo che influirà molto sul gioco”.

Fino a poco tempo, alla squadra mancava il numero uno ceco Jiří Vesel, che era d’accordo con il precedente capitano che questa volta avrebbe saltato la Coppa Davis perché l’ha saltata.

Il fatto che questa settimana abbia brillato a Dubai, dove giovedì ha eliminato il numero uno del mondo Novak Djokovic ed è destinato a tornare nella top 100 dell’ATP, non cambia nulla. “E’ un peccato che Jirka non sia qui, ma sono sicuro che rappresenteremo bene il suo ruolo”, ha detto Lehečka.

Il vincitore della partita di qualificazione accederà alla fase finale per le sedici squadre. “Cercheremo di arrivarci perché è un’esperienza inestimabile”, ha detto Navrátil. Lehečka ha confermato le sue parole. “Ogni partita di Coppa Davis è preziosa e mi ha aiutato a Rotterdam”, ha detto.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.