Omicron bussa alla porta, Vučić dispiaciuto di non essere responsabile al 100% in Arena

Le autorità Italia, Germania, Austria, Belgio, Paesi Bassi – tutte hanno segnalato i primi casi di infezione con il nuovo ceppo di coronavirus – omicron. Ufficialmente, il nuovo ceppo non è stato ancora registrato in Serbia, ma solo pochi giorni quando compariranno le prime infezioni di omicron. E mentre il resto del mondo attende con ansia la quinta ondata e alcuni paesi, come il Giappone, stanno nuovamente chiudendo i propri confini, le misure in vigore in Serbia non vengono rispettate. Quanto ci costa un comportamento irresponsabile?

Sabato più di 50 persone sono morte ufficialmente a causa del coronavirus in Serbia e più di 2.000 persone sono state infettate. Ministri al Governo, Primi Ministri, membri dello Staff di Crisi, personalmente e ventimila persone erano in Arena contemporaneamente senza distanza e per lo più senza mascherine.

“Penso che tutti abbiano una maschera. Tutti. Assolutamente tutti quelli che entrano”, ha detto il presidente serbo e SNS, Aleksandar Vučić, in rosa.

“La maggior parte delle persone ha le mascherine, alcune non le hanno. Spero che il pubblico stia attento, mi scuso ancora una volta perché non siamo certamente responsabili al 100%”, ha detto.

Rischi epidemiologici e ben accetti per un nuovo ceppo di omicron che, come ha affermato il presidente della Serbia, non è ancora arrivato nel nostro Paese.

Gli epidemiologi avvertono che il nuovo ceppo ha 30 nuove mutazioni, ma anche per i ceppi esistenti qualsiasi violazione delle misure epidemiologiche è un “gioco d’azzardo”. Non sono escluse dal reato di azione le proteste e gli assembramenti pubblici all’aperto

“Vedi cosa sta succedendo nel nostro Paese, si stanno organizzando raduni. Nessuno indossa la mascherina. Non vengono rispettate le misure epidemiologiche di base. Nessun vaccino ci salverà, se non ci comportiamo adeguatamente in senso epidemico”, dice il professore di farmacologia Radan Stojanovi.

“Ovviamente, da quell’incontro è stato inviato ieri un messaggio a tutti i serbi: il Partito progressista serbo, guidato da Aleksandar Vučić, non sostiene l’attuazione delle misure. Il Partito progressista serbo considera ridicola questa epidemia e, come abbiamo sentito, è stato sconfitto di cinque volte. Dirò solo che in questi due anni il numero di morti in eccesso è stato di 40.000 cittadini, una città”, ha affermato Rade Pani, dell’Assemblea libera serba.

Il pneumologo Dejan ujovi ha affermato di essere stato infettato dal coronavirus in una riunione del SNS all’Arena di Belgrado. Ha detto che gli attivisti del SNS di Vranje, minacciati di licenziamento, hanno costretto i lavoratori della “Jumko” ad andare a Belgrado, nonostante molti di loro siano risultati positivi al coronavirus.

Doppi standard, frivolezza, irresponsabilità? Le conseguenze sono inevitabili. Entro due settimane al massimo, sapremo che la portata del movimento è andata storta quando la quinta ondata dell’epidemia è alle porte.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.