Le aziende di lusso si stanno affrettando a mettere il loro piede digitale nel metaverso

Liberal Markets ha vagato più volte nel metaverso, un mondo digitale pieno di immagini 3D e applicazioni di realtà virtuale e aumentata, dove gli utenti di Internet saranno per ore ogni giorno. Oggi daremo uno sguardo al crescente rapporto del metaverso con il mondo della moda e dei beni di lusso.

Le grandi aziende di moda, haute couture, gioielli costosi, scarpe e accessori di lusso, hanno impiegato molto tempo a confrontarsi con internet ma negli ultimi anni, e soprattutto dopo le grandi avventure della pandemia, hanno fatto grandi sforzi per sviluppare il digitale. canali di vendita e promozione dei propri prodotti tramite internet.

Ma questa non è un’attività di cui ci occuperemo. Ciò che troviamo particolarmente interessante è il fatto che alcune grandi aziende globali hanno iniziato a essere attivamente coinvolte nella realtà virtuale, nella realtà aumentata, nella tecnologia blockchain e nell’NFT.

Alcuni di loro creano modelli digitali delle loro creazioni per presentarli ai loro potenziali clienti, mentre altri iniziano a sperimentare creazioni digitali pure che non sono accompagnate da versioni reali. Alcuni stanno già utilizzando il mondo dei videogiochi per vendere i propri prodotti.

Allo stesso tempo, ci sono aziende che sono state create di recente e si occupano esclusivamente della produzione di vestiti, gioielli, scarpe e accessori virtuali e sperano che crescano e abbiano successo senza dover creare nulla di reale.

Con l’aiuto di rapporti pertinenti di Bloomberg e del New York Times, ma anche di alcune ricerche su Internet, ci siamo imbattuti in alcune storie molto interessanti. Iniziamo con la famosa casa di moda italiana Dolce & Gabbana, che ha ospitato, a fine settembre, un’asta digitale in cui sono state vendute nove delle sue creazioni.

Secondo il New York Times, è stata la prima asta digitale in cui una casa di moda ha venduto una collezione di NFT (token non fungibili). Le cinque creazioni sono abbigliamento e gioielli in forme reali e digitali, ovvero vere creazioni che possono essere indossate dagli acquirenti, e le loro rappresentazioni digitali tridimensionali.

Le altre quattro creazioni, tre abiti e un gioiello, sono vendute solo in digitale. I banditori pagano con criptovaluta (etere) e, oltre agli abiti e ai gioielli nelle loro mani, ricevono da Dolce & Gabbana un certificato digitale noto come NFT. La società ha ricevuto 1.855.719 ether, che in quel giorno ammontavano a circa $ 6 milioni, e tra gli acquirenti c’erano noti collezionisti di NFT, come Pranksy e Seedphrase.

Oltre alle collezioni digitali delle case italiane, altre note aziende hanno compiuto sforzi simili, su scala ridotta e principalmente in collaborazione con piattaforme di videogiochi. Gucci con Roblox, Balenciaga con Fortnite, Burberry con Mythical Games.

La moda digitale non riguarda solo aziende famose del settore. Ci sono nuovi poteri, come Fabricant, che stanno solo creando vestiti digitali. Si definisce una casa di moda digitale e sul suo sito Web afferma che crea solo moda digitale che può essere utilizzata e venduta in un ambiente di realtà virtuale.

Le creazioni dei produttori vengono vendute anche attraverso società come The Dematerialised, che aiuta i creatori digitali a vendere i loro prodotti. Gli acquirenti di moda digitale ottengono il loro NFT che è un certificato di autenticità o, in altre parole, contratti intelligenti creati con la tecnologia blockchain.

Utilizzando questo certificato possono mostrare le creazioni che hanno acquistato. Questo viene fatto su piattaforme come VRChat, in un ambiente 3D in cui si muove l’alter ego digitale dell’utente, l’avatar come viene comunemente chiamato. L’avatar indossa abiti, scarpe o gioielli digitali e tiene in mano una borsa digitale acquistata tramite The Dematerialized o un altro negozio digitale o una casa d’aste simile.

Per molti, l’esistenza di abiti digitali indossati da avatar suonerebbe un po’ ridicola. Per i giovani cresciuti online, giocare ai videogiochi senza sosta può sembrare perfettamente normale. Ecco perché non siamo affatto impressionati dagli sforzi delle case di moda, tradizionali o giovani, in abiti reali o virtuali, per far sentire la loro presenza nel fiorente mondo di un nuovo metaverso, dove la “realtà tradizionale” sta diminuendo. virtuale e potenziato.

Nonostante la loro presenza digitale aiuti a promuovere le loro creazioni reali, la “produzione” e vendita di creazioni virtuali ha diversi vantaggi molto importanti. Margini di profitto molto ampi, perché né la fabbrica né i mezzi di trasporto sono necessari per il trasporto delle merci, pieno controllo della produzione, perché ogni scarpa digitale lascerà il computer della casa di moda non appena la NFT viene rilasciata agli acquirenti ed è fondamentalmente un concetto di scorta.

Qualcosa di molto importante è il fatto che il creatore riceverà una royalty ogni volta che la NFT per il suo lavoro cambia di mano, poiché questo certificato conterrà questa disposizione. Il produttore, ad esempio, stabilisce che riceverà ogni volta il 5% del valore di vendita del certificato.

È come dire che in ogni vendita di vestiti usati il ​​creatore avrà una quota. Un altro importante vantaggio è che la produzione di beni di lusso contraffatti non ha più senso, poiché la loro autenticità sarà facilmente dimostrabile tramite NFT. Le case di moda digitali non perderanno entrate come le case di moda tradizionali che vedono circolare milioni di copie dei loro prodotti in tutto il mondo. Offre anche l’opportunità alle vecchie case di moda di “rilanciare” le loro vecchie creazioni di successo in pura forma digitale.

È vero che le stime per la convergenza della moda con il mondo digitale 3D e il metaverso potrebbero rivelarsi premature e l’abbigliamento virtuale potrebbe non avere lo stesso successo che abbiamo ipotizzato sopra. Ma a giudicare dagli stili di vita dei giovani di tutto il mondo, e in particolare in Asia, è possibile che l’abbigliamento digitale riempia i nostri armadi più velocemente di quanto pensiamo ora.

Esclusione di responsabilità
Questo materiale è fornito solo a scopo informativo. In nessun caso deve essere interpretato come un’offerta, suggerimento o sollecitazione all’acquisto o alla vendita del prodotto in questione. Sebbene le informazioni qui contenute siano basate su fonti ritenute affidabili, non viene fornita alcuna garanzia che le informazioni siano complete o accurate e non debbano essere interpretate come tali.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.