Il Palermo FC sogna una nuova gloria con i soldi di Abu Dhabi – Sport

Si può immaginare un mondo più diverso in Europa di Palermo e Manchester? Sono agli antipodi, nell’estremo sud e nell’alto nord, in ogni modo. Ebbene, i due mondi si sono uniti, almeno in termini di calcio, e lo stanno trovando piuttosto interessante in Sicilia in questo momento.

Il City Football Group, con sede ad Abu Dhabi, proprietario del Manchester City, ha aggiunto il Palermo Football Club al già fertile portafoglio di club. Era stato appena e inaspettatamente promosso in Serie B, il secondo campionato italiano. Quindi la città non deve essere troppo euforica: lo è. Ma ora, con i soldi del Golf e l’annunciata ispirazione di un nuovo manager, ovviamente si sogna in grande. Esso Giornale in Sicilia si aspettava una “rivoluzione gentile”, ma in realtà, con l’impegno dello sceicco Mansour Bin Zayed Al Nahyan, qualcuno si è trasferito in un’altra galassia.

L’unica domanda è quale modello adotteranno i nuovi proprietari: il modello del club catalano Girona, che controllano dal 2017, o il Troyes, squadra della Ligue 1, che hanno rilevato nel 2020. Girona, recentemente tornato nella massima serie, diventare una vetrina e un campo di allenamento per i talenti, in particolare dall’accademia The Citizens – 101 giocatori sono andati e venuti in cinque anni. Stretto rapporto: Girona è comproprietà di Père Guaradiola, fratello di Pep, allenatore del City. A Troyes, City Football Group mira a una rapida promozione e a investire in nuovi giocatori per farlo.

Ma il principio di base è sempre lo stesso: ManCity è una stella fissa attorno alla quale orbitano tutti i satelliti. I club conglomerati un po’ più lontani hanno tutti “City” nel nome in modo da poter essere riconosciuti da lontano: New York City, Mumbai City, Melbourne City, Montevideo City Torque. In Europa, dove le tradizioni di questo sport sono un po’ più radicate, chiaramente non è possibile. Il Palermo FC, fondato nel 1900, non si chiamerebbe Palermo City, è inconcepibile, anche se sei appena tornato dall’inferno.

Una grande città, milioni di tifosi nel mondo: Palermo è un indirizzo

Tre anni fa, il Palermo è stato schiacciato dal suo discutibile comportamento finanziario e retrocesso con la forza in Serie D. È stata una vergogna incomparabile per una città di 600.000 abitanti, per milioni di emigrati nel mondo e per un club di così onorevole reputazione. storia. Tra il 2005 e il 2011, ad esempio, hanno giocato cinque volte in Europa League e Coppa UEFA. Recentemente. Poi l’incidente.

L’imprenditore locale Dario Mirri, tifoso, acquistò il club dalla città che lo aveva inserito nei suoi ranghi amministrativi e, in modo semplice, lo riportò in preélite. Mirri una volta disse che era il suo sogno d’infanzia diventare Presidente del Palermo, tuttavia, uno dei suoi antenati era il venerato Renzo Barbera, che chiamano “il Presidentissimo”. Lo Stadio Renzo Barbera porta il suo nome. Si è sentito dire che i nuovi proprietari vogliono mantenere Mirri in gestione per mantenere l’identità. In carica dovrebbe essere confermato anche coach Silvio Baldini.

L’obiettivo ora è riportare il Palermo in Serie A molto rapidamente, se possibile entro l’inizio del prossimo anno. È passato molto tempo da quando il club siciliano era nella massima serie. L’opinione generale è che per questo occorrono cinque o sei nuovi giocatori – e l’acquisizione definitiva della superstar della scorsa stagione: Matteo Brunori, 27 anni, centravanti, nato in Brasile, in Italia. Ha contribuito con 29 gol per la promozione. Il gol decisivo nella finale playoff contro il Padova è stato opera sua.

È così che ti fai diventare un eroe. E poiché Brunori si era sposato pochi giorni prima della risurrezione, la felicità nell’amore e la felicità nel lavoro furono miracolosamente condensate nella felicità di tutto il paese. Brunori è di proprietà della Juventus Torino, che lo ha sempre e solo ceduto in prestito. Adesso che la Juve vuole cederlo, il Palermo offre cinque milioni di euro. Questa non è più una cosa.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.