Eitan Biran sopravvive allo schianto della funivia: l’hanno rapito! ha detto la zia

Le autorità italiane hanno avviato un’indagine sul presunto rapimento di un ragazzo che era l’unico sopravvissuto all’orribile incidente della funivia in Italia a maggio. Il bambino di sei anni stava per essere rapito dal nonno, in Israele, da dove proveniva la famiglia. Tuttavia, le autorità italiane hanno deciso che avrebbe dovuto rimanere con la famiglia di sua zia.

Eitan Biran (6) è stato l’unico delle 14 persone a sopravvivere alla caduta della cabina della funivia, crollata da un’altezza di decine di metri il 23 maggio. La cabina si trova a pochi metri dal traguardo in cima al Monte Mottarone, che sovrasta il Lago Maggiore nel nord Italia.

Tra i morti c’erano i genitori di Eitan – che hanno la cittadinanza israeliana e vivono in Italia da cinque anni – e suo fratello di due anni. Dopo la tragedia, Hošík ha combattuto per la vita in un ospedale di Torino. Gravi lesioni alla testa, al torace, all’addome e alcune fratture richiedono il ricovero in ospedale per diverse settimane. Fu un miracolo quando i medici riuscirono a svegliarlo dal sonno artificiale.

La zia del padre del ragazzo, Aya Biran, ora accusa il nonno di Eitan di aver rapito il ragazzo in Israele dopo che era stato dimesso dall’ospedale. contro la sua volontà. Dopo la morte dei suoi genitori, è il tutore del ragazzo sopravvissuto. Biran vive in Italia, lavora come medico e ha diversi figli suoi. Tuttavia, i parenti di sangue non erano d’accordo con la decisione del tribunale.

I nonni di Peleg si sono trasferiti da Israele in Italia dopo l’incidente, spiegando che era vicino al ragazzo.

Peleg ha informazioni Notizie del cielo Il ragazzo è stato portato via sabato 11 settembre da una visita programmata dal tribunale. La mattina è venuto a prenderla a casa di sua zia e doveva tornare con lei la sera. Invece, si sono imbarcati su un aereo privato e si sono diretti verso Israele con altri membri della famiglia. Secondo la lettera Custode la veridicità di queste informazioni è stata confermata dalla polizia italiana e da fonti diplomatiche.

Gli amici piangono la morte dell'uomo d'affari Matlák († 39): è rimasto con una moglie e due bambini piccoli

La zia di sua madre, Gali Peleg, che vive a Tel Aviv, si è difesa dal rapimento del bambino. “Non abbiamo portato Eitan, non userei affatto quella parola. Abbiamo portato il bambino a casa. Abbiamo dovuto perché non abbiamo avuto alcuna informazione sulle sue condizioni fisiche e mentali. Se non fosse stato per l’autorità della riunione che è stata ordinata, non l’avremmo visto affatto”, ha detto Pelegová, secondo il Guardian. La zia “israeliana” ha persino affermato che Biran teneva Eitan in ostaggio.

Il motivo per cui la cabina della funivia è caduta è ancora sotto inchiesta. Di recente è stata acquisita una “scatola nera” e l’analisi del software richiederà almeno tre mesi. Quattordici persone della società che gestisce i meccanici delle funivie vengono interrogate dalla polizia.

Tutti tranne la madre rifiutano il bambino dalla testa quadrata: il padre lo chiama seme del diavolo e lascia la famiglia

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *