Cosa nasconde l’inquietante interno dell'”isola fantasma” d’Italia dove morirono 160.000 persone?

Foto: Shutterstock/Snot Kruclitis

L’isola di Povelja si trova al largo della costa di Venezia e Lida in Italia ed è ora chiusa a tutti tranne ai turisti più avventurosi che si intrufolano o ottengono permessi speciali per visitarla.
160.000 persone sono morte sull'”isola fantasma” abbandonata e c’erano anche manicomi dove i pazienti venivano torturati.

Le acque blu schizzano sulla riva e il fogliame lussureggiante copre la base della torre centrale della chiesa, che si trova sulla spiaggia. Tuttavia, un po’ più nell’entroterra troverai un tetto medievale che è crollato in una stanza d’ospedale abbandonata da tempo.

Negli ultimi 54 anni, Charter Island e l’ospedale psichiatrico che vi si trova sono stati chiusi e abbandonati.

Alcune persone possono essere felici di vedere le impronte umane trasformarsi in polvere, perché all’interno di quelle mura ci sono ricordi di molta sofferenza e dolore perché per decenni dozzine di persone sono state portate sull’isola contro la loro volontà se hanno mostrato il minimo sintomo della peste. .

Il terreno dell’isola è stato utilizzato anche come fossa comune dove si ritiene che circa 160.000 vittime siano state cremate per fermare la diffusione della malattia, e ancora oggi le ceneri umane di queste cremazioni rappresentano oltre il 50% della superficie totale dell’isola. suolo.

Dopo che la minaccia della peste è passata, Charter trova nuova vita come sede di un vasto ospedale psichiatrico. La leggenda locale narra che un medico dell’ospedale torturò e uccise molti dei suoi pazienti, massacrandoli orribilmente.

Secondo vari rapporti, l’ultimo di Travel Channel, un medico saltò da un campanile negli anni ’30 dopo aver detto di essere pazzo di spiriti. Decenni dopo, i residenti locali affermano di sentire ancora la campana anche se è stata rimossa.

Diversi intrepidi esploratori britannici si erano già avventurati a visitare l’isola, che descrissero come terrificante.

“È stato davvero spaventoso. Si potrebbe anche dire che il tassista aveva paura, non solo della polizia ma del posto stesso, non poteva andarsene abbastanza in fretta”, hanno detto.

Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.