Attacchi di rabbia e sport estremi possono causare ictus

In uno studio pubblicato di recente sull’European Heart Journal della Società Europea di Cardiologia, un team internazionale di ricercatori ha studiato più di 13.000 pazienti in 32 paesi che avevano subito un ictus, nell’ambito di uno studio chiamato “Interstroke”.

Utilizzando un “approccio di eliminazione dei casi”, il team ha cercato di determinare se i fattori scatenanti entro un’ora dall’insorgenza dei sintomi fossero associati a un ictus acuto, rispetto allo stesso periodo del giorno prima, ha scritto Fox News, riporta Index.hr.

Analisi del trigger

“La prevenzione dell’ictus è una priorità per i medici e, nonostante i progressi, è ancora difficile prevedere quando si verificherà un ictus.

Molti studi si sono concentrati sui rischi a medio e lungo termine, come ipertensione, obesità o fumo. “Il nostro studio mirava a esaminare i rischi acuti che potrebbero agire come fattori scatenanti”, ha affermato il ricercatore capo e professore Andrew Smith della National University of Galway in Irlanda.

Questo studio ha analizzato i modelli in pazienti affetti da ictus ischemico e da emorragie intracerebrali meno frequenti.

Un sopravvissuto su undici aveva sperimentato un episodio di rabbia o irritazione nell’ora precedente e uno studio globale di Interstroke ha rilevato che un paziente su 20 era sottoposto a un’attività fisica faticosa.

Rabbia, stress emotivo e attività fisica faticosa

I dati raccolti hanno mostrato che la rabbia o il disagio emotivo erano associati a circa il 30% di aumento del rischio di ictus entro un’ora dall’episodio.

Un’attività fisica faticosa, come gli sport estremi, può essere associata a un rischio aumentato di circa il 60% di emorragia intracerebrale, una rara forma di ictus che provoca sanguinamento nel cervello.

Tag


Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.