Un medico del Centro sanitario di Zemun inizia lo sciopero della fame – Società

Dott. Zeljko Ranilovic, un dipendente del Centro sanitario di Zemun, ha iniziato uno sciopero della fame a causa, come sostiene, delle percosse e degli abusi, che sostiene di aver subito da parte della direttrice ad interim del Centro sanitario, Aleksandra Cvetkovic.

Ranilovi, che lavora nei servizi di assistenza domiciliare, ha terminato il suo turno oggi alle 14:30, dove, come ha detto, ha terminato il suo ultimo pasto.

“Ho dichiarato ufficialmente lo sciopero della fame all’ufficio anagrafe, sarò al Puskesmas e farò lo sciopero della fame fino alla sostituzione del direttore. Non ho preso un congedo per malattia, ho lavorato da lunedì, finché il mio corpo non mi ha tradito”, afferma il dottor Ranilovic.

I medici affermano che le molestie sul posto di lavoro iniziano dal lavoro, oltre che a livello personale.

“Dal 2018, quando Cvetkovi è stato nominato direttore ad interim, la mia persecuzione è iniziata in tutti i modi. Spesso mi umiliava commentando che ero un medico inesperto, anche se avevo molta esperienza, e che avrei dovuto acquisire conoscenze lavorando in il villaggio.”, ha spiegato Ranilovi.

Ha detto di avere il sostegno dei suoi colleghi, così come che altri hanno subito percosse, ma sono rimasti in silenzio perché “temevano per il loro lavoro e per paura che il governo venisse attuato nell’istituto”.

Oltre alle percosse, motivo principale dello sciopero, Ranilovi ha affermato irregolarità nel concorso per la specialità dei medici, nonché la perquisizione illegale del direttore delle cartelle cliniche dei dipendenti.

“Nel luglio di quest’anno si è tenuto il terzo concorso per la specializzazione, in cui sono stato sabotato. Il concorso è stato giudicato secondo due parametri oggettivi: la media dei voti nella facoltà e gli anni di servizio, nonché secondo la valutazione del dirigente. Il mio primo desiderio era la medicina interna ed ero l’unico al Puskesmas ad avere 14 punti su quindici possibili, ma non sono stato accettato”, ha affermato il medico.

Il medico, tra l’altro, si è lamentato del comportamento poco professionale del direttore, che avrebbe letto la sua tessera sanitaria, vale a dire il referto di uno psichiatra che scriveva di provare stress sul lavoro.

“Solo il mio medico e tribunale di scelta hanno il diritto di vedere la mia tessera sanitaria, ma lui, in quanto mio datore di lavoro, non ne ha una. Come hai ottenuto la mia tessera, diciamo, lavorando al Maxi?”, ha detto Ranilovi.

Durante il suo sciopero della fame, il Dr. Zeljko Ranilovic sarà al Medical Center di Zemun, la notte dormirà in sacco a pelo, e da lunedì continuerà a ricevere i pazienti regolarmente.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.