Sette abitudini che riducono il rischio di ictus

In uno studio pubblicato sulla rivista “American Heart Association”, 11.500 adulti di mezza età negli Stati Uniti sono stati seguiti per quasi 30 anni. Gli scienziati hanno analizzato come il loro stile di vita influisce sul rischio di ictus. È stato stabilito che sette semplici abitudini di vita che le persone dovrebbero seguire, scrivere Mail giornaliera.


Fonte: B92, klix.ba

Foto: Shutterstock/Anton Wattman

Sebbene elencati in un gruppo di sette, solo quattro di loro erano fattori variabili. Gli altri tre – mantenimento della pressione sanguigna normale, controllo del colesterolo e riduzione della glicemia – sono effetti indiretti di mantenimento della salute.

È noto che l’età, la pressione alta, il fumo, l’obesità, una vita sedentaria e il diabete aumentano il rischio di ictus. Un altro fattore di rischio è una storia familiare della malattia.

Tutti i partecipanti hanno ricevuto una valutazione del rischio di ictus poligenico, basata su esami del sangue che hanno identificato mutazioni associate a un esito fatale.

Stima la probabilità che una persona abbia un ictus nel corso della sua vita, basandosi esclusivamente sul proprio DNA. Le loro cartelle cliniche sono state anche controllate per vedere quanto stavano seguendo le sette abitudini di vita.

Queste sette abitudini possono ridurre il rischio di ictus

* Mantenere una dieta buona ed equilibrata

* Esercizio regolare

* Vita senza fumo

* Mantieni il peso normale

* Mantenere la pressione sanguigna normale

* Controlla il colesterolo

* Abbassa la glicemia

Il colesterolo basso è stato valutato in base alla quantità e alla quantità di farmaci ipolipemizzanti che stavano assumendo. La pressione sanguigna è stata anche misurata in base ai farmaci che le persone stavano assumendo, mentre la glicemia è stata valutata in base al fatto che fossero in trattamento per il diabete.

Sono stati inoltre registrati anamnesi di fumo, BMI, peso e abitudini alimentari e l’attività fisica è stata misurata a intervalli settimanali. I partecipanti con il più alto rischio genetico e la peggiore salute del cuore avevano il più alto rischio di ictus nella vita, circa il 25%.

Tuttavia, secondo l’analisi, coloro che praticavano le sette sane abitudini avevano un rischio inferiore del 30-43%. Questa pratica ha finito per aggiungere quasi sei anni in più a una vita senza ictus.

Nel complesso, il gruppo che ha seguito l’abitudine in modo più coerente ha avuto il minor numero di casi di ictus (6%), mentre quelli che hanno seguito l’abitudine meno (57%) hanno avuto il maggior numero di ictus.

“Il nostro studio conferma che la modifica dei fattori di rischio dello stile di vita, come il controllo della pressione sanguigna, può neutralizzare il rischio genetico di ictus. Possiamo utilizzare le informazioni genetiche per determinare chi è a rischio più elevato e incoraggiarlo ad adottare uno stile di vita sano”. , ha detto lo studio. autrice principale, la professoressa Miriam Fornage, genetista dell’Università del Texas a Houston.

Seguici su Facebook e Instagram pagina, Twitter Account e unisciti a noi Viber Pubblico.

Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.