Salvataggio dal Venezuela? Nuova speranza per la raffineria di petrolio a Schwedt

Raffineria di petrolio PCK a Schwedt

Le raffinerie di petrolio dipendono dalle forniture dalla Russia.


(Foto: dpa)

Bruxelles, Berlino All’ultimo vertice dell’UE a Bruxelles, il cancelliere Olaf Scholz ha sorpreso i suoi colleghi con una presentazione dettagliata del dilemma energetico della Germania. Nelle precedenti riunioni dei leader dell’UE, i politici dell’SPD sono sempre stati silenziosi, secondo i partecipanti. Ma ora è concreto. Scholz ha assicurato che il governo federale sta facendo tutto il possibile per ridurre la dipendenza dal petrolio e dal gas russi il più rapidamente possibile. Tuttavia, questo richiede tempo e ci sono seri problemi pratici.

Uno di questi è la raffineria di petrolio a Schwedt, nel Brandeburgo. L’impianto, che finora ha lavorato solo petrolio russo, fornisce carburante alla maggior parte della Germania orientale, compreso l’aeroporto di Berlino. Nella più ampia regione di Berlino-Brandeburgo, il 90 percento dei combustibili fossili proviene da Schwedt. Finora, nonostante gli intensi sforzi, il governo federale non è stato in grado di garantire un’operazione di raffineria senza il petrolio russo.

Leggi ora

Ottieni l’accesso a questo e ad ogni altro articolo su

Il web e la nostra app sono gratuiti per 4 settimane.

Continua

Leggi ora

Ottieni l’accesso a questo e ad ogni altro articolo su

Il web e la nostra app sono gratuiti per 4 settimane.

Continua

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.