Polemiche tra Turchia e Italia dopo la maleducazione di Erdoan nei confronti di Ursula von der Leyen

Prima modifica:

Questo giovedì, il governo turco ha convocato l’ambasciatore italiano ad Ankara, dopo che il primo ministro italiano, Mario Draghi, ha bollato il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, come un “dittatore”. Draghi ha lanciato le accuse dopo che martedì scorso la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, è stata isolata dal centro di un incontro da lei organizzato con Erdogan e il presidente del Consiglio d’Europa, Charles Michel, nella capitale turca, un incidente che ha suscitato grandi polemiche ed è stato descritto come un atto “sessista”.

L’apparente errore di protocollo aggrava le accuse di virilità contro il governo turco, che ha recentemente ritirato il proprio Paese dalla principale convenzione europea volta a combattere la violenza sulle donne.

La Turchia respinge con veemenza le accuse di aver insultato, a causa del suo genere, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, uno dei dirigenti più potenti del blocco comunitario, dopo che sarebbe stata rimossa da un incontro chiave ad Ankara martedì scorso. Questi eventi sfociarono in uno scontro frontale con il governo italiano.

Il ministero degli Esteri turco ha convocato giovedì l’ambasciatore italiano ad Ankara, Massimo Gaiani, per protestare contro i commenti fatti ore prima dal premier Mario Draghi, in cui si riferiva al presidente turco Recep Tayyip Erdogan definendolo un “dittatore”.


“Condanniamo fermamente l’inaccettabile retorica populista del primo ministro italiano Draghi e le sue dichiarazioni brutte e irrazionali sul nostro presidente eletto”, ha scritto il ministro degli Esteri turco Mevlüt avusoglu in una breve dichiarazione pubblicata sul suo account Twitter.

Il rimprovero è arrivato poco dopo che Draghi ha condannato che von der Leyen sarebbe stata isolata, a causa di una donna, negli incontri da lui organizzati con Erdogan e il presidente del Consiglio d’Europa, Charles Michel.


“Non condivido assolutamente il comportamento di Erdogan con il presidente von der Leyen. Mi dispiace molto per l’umiliazione che ha subito (…) Come ho detto in altre conferenze stampa, dobbiamo considerare che dobbiamo collaborare con questi dittatori, noi li chiameremo per quello che sono”, ha detto Draghi alla stampa a Roma.

Un insulto a Ursula von der Leyen o un errore di protocollo?

La polemica è incentrata sul fatto che l’8 novembre, quando funzionari tedeschi e Charles Michel si sono incontrati al palazzo presidenziale turco, insieme al presidente del Paese, Recep Tayyip Erdogan, per discutere dei rapporti tra il loro governo e l’Unione europea. .

Gli ospiti sono stati portati in una stanza per parlare con il presidente turco, ma c’erano solo due posti davanti alle bandiere dell’UE e della Turchia per i tre leader.

Von der Leyen guardò l’uomo seduto al centro, mentre doveva essere seduto sul divano laterale, lontano dalla persona con cui stava parlando.

Rapidamente, le immagini hanno causato polemiche sui social network, nei media e nei politici europei per quello che è stato visto come un insulto a von der Leyen.

Anche la sua controparte dell’UE è stata oggetto di pesanti critiche per aver presumibilmente accettato la situazione. Questo giovedì, Michel ha rotto il silenzio e ha risposto che era dispiaciuto di essere stato frainteso e che era d’accordo con quello che ha definito “trattamento diverso, persino ridotto” da parte delle autorità turche, cosa che “lo rattrista”.

Ha aggiunto che, all’epoca, sia lui che il leader tedesco erano “consapevoli della deplorevole natura della situazione”, ma avevano scelto di “non aggravarla con un incidente pubblico” e di concentrarsi sulla “sostanza del problema politico”. “. discussione” con il tuo ospite.

Il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer, ha sottolineato mercoledì che von der Leyen si aspetta di ricevere lo stesso trattamento di Michel alla riunione e che “dovrebbe ricevere esattamente lo stesso seggio”.

In termini di protocollo, la Turchia insiste affinché vengano applicate le proprie regole dell’UE, ma il capo del protocollo del Consiglio dell’UE, Dominique Marro, ha affermato che la sua squadra non ha avuto accesso alle pre-ispezioni nella stanza in cui è avvenuto l’attacco. .incidente.

“Se la stanza è stata visitata, suggeriremo ai nostri ospiti che, per cortesia, sostituiscano il divano con una doppia poltrona per il presidente della Commissione”, ha scritto Marro in una nota pubblica.

Inoltre, ha spiegato che l’incidente potrebbe essere causato dalla sequenza del protocollo stabilita dal trattato UE.

“In generale, il protocollo per i paesi terzi opera una netta distinzione tra la condizione del capo di Stato occupato dal presidente del Consiglio d’Europa e la condizione del primo ministro detenuta dal presidente della Commissione europea”, ha affermato. .

L’evento ha suscitato scalpore soprattutto quando è stato presentato poche settimane dopo che Erdogan ha rimosso la Turchia dalla Convenzione di Istanbul, dal nome della città con cui era stata firmata nel 2011, tra il Paese e l’Unione Europea. Si tratta di un patto volto a combattere la violenza di genere.

Il ritiro è un duro colpo per il movimento per i diritti delle donne in Turchia, che sostiene che la violenza domestica e le uccisioni di donne sono in aumento. Durante la sua visita ad Ankara, von der Leyen ha chiesto a Erdogan di revocare la sua decisione di recedere dall’accordo.

Con AP, Reuters ed EFE

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *