Orfani lasciati a se stessi a Mariupol, senza acqua né elettricità

19:58: Zelensky attacca la Svizzera

Sabato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato direttamente con Berna alla Svizzera, accusando società come Nestlé di continuare le loro attività in Russia nonostante la guerra e chiedendo il congelamento dei beni dei parenti del Cremlino nelle banche svizzere. “‘Mangia bene. Vivi bene’ è lo slogan di Nestlé. La tua azienda si rifiuta di lasciare la Russia. Anche adesso, quando la Russia minaccia altri paesi europei. Non siamo solo noi”, ha detto Volodymyr Zelensky.

“Gli affari vanno bene in Russia anche quando i nostri figli muoiono e le nostre città vengono distrutte” e quando gli abitanti di Mariupol, una città ucraina assediata, sono “senza cibo, senza acqua, senza elettricità e sotto i bombardamenti”, si è scagliato contro, durante un discorso durato nove minuti.

“I soldi delle persone che hanno iniziato questa guerra sono nella tua banca. Aiutaci a combattere questo. Per avere questi fondi congelati”, ha anche implorato la banca. “È molto importante congelare completamente i beni di queste persone e i loro conti bancari. È una grande battaglia, ma puoi farcela”, ha detto Volodymyr Zelensky.

Apprezzato, ha chiesto che i funzionari russi fossero privati ​​delle loro proprietà e privilegi. Il numero di ricchi russi che vivono in Svizzera è aumentato negli ultimi anni. “Sono molto colpito, caro Volodymyr, dalla tua volontà di contrattaccare”, ha risposto in inglese il presidente svizzero Ignazio Cassis, che lunedì dovrebbe recarsi al confine tra Polonia e Ucraina.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.