Orano ospita i Giochi del Mediterraneo, un evento multisport pensato per la Federazione

La prima volta che l’Algeria ha ospitato i Giochi del Mediterraneo è stato nel 1975 nella capitale, l’Algeria.

Oggi, dopo 47 anni, le Olimpiadi si ripetono sul suolo algerino, con la diciannovesima edizione che si svolge ad Orano.

L’evento multisport, che prende il via il 25 giugno, riunisce più di 3.000 atleti provenienti da 26 paesi della regione mediterranea. I festeggiamenti sono iniziati nel magnifico Stadio Olimpico della seconda città dell’Algeria. La sede ha accolto le fortunate 40.000 persone, che hanno potuto assistere alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi in tutto il suo splendore.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza anche per l’attesissimo evento, accogliendo visitatori provenienti dall’Africa e dall’Europa.

“Vengo da Orano e sono venuto principalmente da Varsavia in Polonia per partecipare alle Olimpiadi”, ha detto un visitatore.

Quanto a una giovane donna, ha affermato che ospitare le Olimpiadi va oltre lo sport: “È motivo di orgoglio per noi di Orano e per l’Algeria ospitare questi Giochi del Mediterraneo. È fantastico! »

Cerimonia di inaugurazione

In occasione del ritorno delle Olimpiadi in Algeria, si è svolta una sontuosa cerimonia di apertura alla quale hanno preso parte centinaia di artisti, musicisti e ballerini. Due ore di intrattenimento con uno spettacolo pirotecnico animato che celebra il paesaggio algerino, la sua storia e l’influenza sulla regione mediterranea.

I delegati dei 26 paesi partecipanti sono partiti in un’atmosfera vivace, che è stata un vero motivo di gioia.

Secondo la consuetudine, la delegazione greca, che tradizionalmente rappresenta la culla delle Olimpiadi, è stata la prima ad entrare nell’atletica leggera. La delegazione algerina ha ricevuto una standing ovation dal pubblico.

Tra gli atleti anche il portabandiera Iman Kahlev, il pugile che detiene il titolo di vice campione del mondo nella categoria ultraleggeri. L’alzabandiera e il dovere sono diventati motivo di orgoglio per la giovane atleta che ha lasciato il segno nella storia della boxe femminile nel suo Paese. Nel maggio 2022 è diventato il primo giocatore algerino a giocare una finale del campionato del mondo.

“Sono molto felice e orgoglioso di vedere il mio paese ospitare i Giochi del Mediterraneo”, ha detto il pugile 23enne. “Posso dirvi che l’intero bacino del Mediterraneo è nel mio Paese. Come atleti, ci sentiamo come un’unica famiglia… Siamo atleti dei bacini di Italia, Spagna, Egitto e Tunisia. Tutti questi paesi costituiscono un paese. »

Gioco di celebrazione dell’unità

solitudine. È il motto del gioco che unisce tre continenti: Africa, Asia ed Europa. Questa competizione multi-sportiva è seconda solo alle Olimpiadi, dove si incontrano culture, religioni e lingue diverse.

La chiave è la partecipazione, come ha spiegato il presidente dell’ICMG David Tisano: “C’è una grande diversità tra i popoli mediterranei, ma c’è anche una grande unità, e lo sport è il filo conduttore che unisce i giovani. spiccano i pilastri del movimento sportivo, ovvero: stare insieme, conoscere una nuova cultura, andare d’accordo con altre culture, rendersi conto che il mondo stesso non esiste e che tutto ruota intorno a noi, ma che ci sono diversi mondi nel mezzo, e ognuno di loro ha il suo mondo. , quindi li combiniamo.

Punto d’incontro mediterraneo

Per 12 giorni gli atleti hanno vissuto in un “villaggio mediterraneo”, creato per l’evento su 39 ettari di terreno, a pochi chilometri da Orano. Nel villaggio dormono, mangiano e fanno anche esercizio. Ogni paese ha i suoi edifici, ma le strade di campagna incrociate consentono ai giovani atleti di conoscersi e creare legami che trascendono culture e tradizioni diverse.

“Vogliamo tutti vincere il giorno della gara, ma alla fine ci abbracciamo e ci rispettiamo, e questa è la vera vittoria”, ha detto Luigi Bossa, karateka italiano, portabandiera e campione olimpico di Tokyo 2020. “Perché ad un certo punto, la vita sportiva passa, ma il legame umano con le persone che combattiamo rimane sul tatami o in pista o altrove. E questo è ciò che deve essere perpetuato per i posteri. »

atleta soddisfatto

Gli eventi sportivi si svolgono in 37 sedi, sparse in città e nei dintorni. Alcuni sono nuovi e altri sono stati aggiornati per concorsi e lezioni. Il lavoro è andato avanti per anni, ei risultati sono sembrati accontentare tutti, come testimonia il pallavolista e portabandiera francese Luca Pesek.

“È vero che rispetto ad altre competizioni che usiamo come pallavolisti, l’organizzazione è diversa, ammette. “Ma siamo molto felici di essere qui ora. Non vediamo l’ora di scoprire tutto, divertirci e far amare questo sport, ed è esattamente quello che cercheremo di fare. »

I Giochi del Mediterraneo proseguiranno ad Orano fino al 6 luglio.

Jacqueline Andrus

"Unable to type with boxing gloves on. Total alcohol enthusiast. Unapologetic thinker. Certified zombie junkie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.