Müller costante nel sistema cinematografico – ma non “papà”

Herzogenaurach (Dpa) – Thomas Müller potrebbe arrivare un po’ in ritardo per le parole di elogio dell’allenatore della nazionale.

Non è stato fino alla fine della dichiarazione di Hansi Flick prima della dura partita di sabato (20:45 / RTL) in Ungheria che il 32enne ha aspettato dietro una grande parete nera nella stanza “Feel 3” di Herzogenaurach – Flick ha da tempo è chiaro quanto sia importante Müller per il pallone della nazionale di calcio di nuovo. “Ha qualità straordinarie”, ha detto il tecnico della nazionale. Dentro e fuori dal campo.

“Cerco di essere lo stesso della mia squadra negli ultimi anni”, ha detto lo stesso Müller. “Cerco di fornire input quando vedo qualcosa, per solleticare i ragazzi e provocarli a interrogarsi”. Può influenzare le cose sportive, ma anche tutto il resto. Tuttavia, e il 114 volte giocatore della nazionale deve sorridere, non si sente il “padre” delle elezioni della DFB. “Neanche io.”

L’incertezza come forza

Il ruolo professionale del Bayern nell’emergente sistema di Coppa del Mondo Flick è chiaramente definito. Come con i campioni del record tedesco, lo stalker dall’aspetto offensivo ha fatto mosse che l’avversario non si aspettava. “Cerco di posizionarmi in modo relativamente logico e di andare logicamente”, ha detto Müller, che a volte può sembrare fuori luogo quando le cose non vanno come hanno fatto nell’1-1 di sabato in Italia. Tuttavia, durante il loro tempo insieme a Monaco, Flick e Müller hanno vinto tutto per vincere. “È un grande giocatore per ogni squadra”, ha detto Flick.

completato nel 2019

Il suo predecessore Joachim Löw ha visto le cose in modo diverso per un po’. Con Mats Hummels e Jérôme Boateng, Müller è stato completato a marzo 2019. Dopo la Coppa del Mondo 2018, deserta dal punto di vista della Germania e con il round eliminatorio, Löw non vede più un futuro sportivo per i campioni del mondo esperti. Almeno per Müller, quello è stato un errore di valutazione spietato. Dalla campagna di ritorno di Löw prima del Campionato Europeo dell’anno scorso, Müller ha fatto parte della tribù vicina.

“Certo, ho ancora dei gol da segnare per la nazionale”, ha detto Müller. Se “due, tre o cinque a sette” era importante per lui, “ma non importava nemmeno”. Ce ne sono 43 finora – l’ottavo posto nella lista dei migliori DFB insieme a Uwe Seeler.

Solo buon umore Lo zio Müller non avrebbe ceduto per il resto della sua carriera in DFB. Anche se ha quello che serve. “Giochi, divertimento ed eccitazione” curata nella sala squadre della DFB a Herzogenaurach, Müller fa pubblicità alla squadra femminile, che lì inizierà presto i preparativi per i Campionati Europei. E ha promesso: “Ripuliremo”.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.