Medjugorje non vale la pena visitare

Il luogo in Bosnia-Erzegovina, come luogo di pellegrinaggio di Maria, è diventato anche una calamita per la criminalità organizzata. Per più di quarant’anni, gli eventi di Medjugorje hanno causato confusione e divisione nella Chiesa.

Si parla da molto tempo dei luoghi di pellegrinaggio di Maria. Il sito web in lingua tedesca del Centro informazioni di Medjugorje recita: “Dal giugno 1981 la Madonna è apparsa quotidianamente a Medjugorje, un villaggio della Bosnia/Erzegovina. Con la sua venuta, vuole condurci a un incontro vivo e profondo con Cristo e mostrare al mondo la via della pace. Nella sua apparizione, Gospa ha parlato ai veggenti Vicka Ivankovic, Ivan Dragicevic, Marija Pavlovic-Lunetti, Jakov Colo, Ivanka Ivankovic-Elez e Mirjana Dragicevic-Soldo e ha parlato nei suoi messaggi di pace, fede, preghiera, digiuno e pentimento”.

Poiché milioni di pellegrini visitano il sito ogni anno, si presentano notevoli opportunità economiche e vantaggi finanziari. Che questo attiri criminali non è una calunnia tradizionalista.

Nel 2018 l’inviato speciale di papa Francesco, il prelato polacco mons. Henryk Hoser, scomparso nel 2021, che ha detto in modo chiaro e pensieroso: “Da un lato, ci incontriamo [in Medjugorje] Migliaia di giovani si avvalgono del sacramento della penitenza, ma d’altra parte dobbiamo renderci conto che a causa del massiccio afflusso di pellegrini, questo luogo è stato infiltrato dalla mafia, in particolare dalla mafia napoletana che qui ci guadagna molto. . ”

Queste dichiarazioni hanno suscitato le proteste di molti cattolici a Napoli, ma si basavano su un’indagine reale da parte di un tribunale italiano. Gli investigatori si sono concentrati sui “pellegrinaggi” organizzati per i camorristi, che a quanto pare hanno trascorso più tempo ad acquistare terreni, costruire alberghi e organizzare la vendita di prodotti contraffatti ai pellegrini che a pregare il rosario ai piedi della Vergine Maria.

Gli apparenti dubbi degli eventi di Medjugorje, che non furono indagati dalla massima autorità ecclesiastica, favorirono il luogo. Si stima che ventotto milioni di pellegrini vi si siano recati tra il 1981 e il 2013. Ciascuno di loro ha speso una media di quarantatré euro per il giro del Tempio.

Non pochi dei 4.000 residenti che vivevano coltivando tabacco e bestiame ora sono imprenditori del turismo. La presunta famiglia “veggente” ora affitta camere, gestisce un ristorante e un bar: c’è qualcosa da offrire per tutte le tasche. Complessivamente, la capacità dell’hotel a Medjugorje è stimata in 17.000 posti letto. La strada per la base conosciuta come la “Collina dei panorami” ricorda un suk mediorientale. I 200 negozi vendono quasi di tutto: articoli religiosi, ma anche scarpe, borse, magliette e profumi, quasi tutti fake. Ma la chiesa locale è anche orientata agli affari. Beneficia di questa “manna” che è stimata in 290 milioni di euro e gode di sussidi statali.

In questo contesto e dato che si sostiene che solo il 43% del reddito documentato sia tassato, è comprensibile che Medjugorje sia una vera manna per la criminalità organizzata.

Può anche spiegare la riluttanza di alcuni membri della gerarchia ecclesiastica a commentare definitivamente gli eventi meno credibili che sono stati mostrati dalle serie indagini svolte.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.