Mario Draghi, presidente del Consiglio, quanto tempo? | Internazionale

L’Italia ha avviato uno storico processo di modernizzazione in cui investirà circa 230.000 milioni di euro per cambiare le sorti del Paese. La maggior parte di quel denaro proviene dalle casse dell’UE, non rimborsabili o sotto forma di prestiti. Ma le riforme strutturali che lo Stato non ha intrapreso negli ultimi 50 anni sono ormai una condizione fondamentale per l’accesso ai fondi. L’assicurazione che saranno fatte, in un Paese la cui credibilità nel mantenere le promesse fatte a Bruxelles è molto discutibile, è sotto forma di una moneta con una faccia su entrambi i lati del presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi. Il problema è che nessuno sa se dal febbraio 2022 continuerà a guidare il Paese. E alcuni hanno iniziato a cercare risposte.

Il mese successivo luglio inizia il cosiddetto semestre bianco, il semestre che precede le elezioni presidenziali repubblicane. Il momento in cui le Camere non possono essere sciolte e in cui tutte le parti iniziano le trattative per selezionare la persona che occuperà il Quirinale per i prossimi sette anni. Sergio Mattarella, l’attuale inquilino, scadrà a febbraio e il nome principale a sostituirlo è Mario Draghi. L’ambiente circostante non lo negava. Invece, ha ignorato ciò che aveva in testa. Ma alcuni ministri tecnici esecutivi, come recentemente pubblicato StampaHanno già ammesso di avere una stima del lavoro di un anno e hanno fissato quel limite.

Nessuno dubita che il profilo dell’ex presidente della Banca centrale europea (BCE) sarebbe l’ideale. Più che un servizio reso quest’anno accettando di guidare un governo di unità con un Parlamento frammentato con più di 216 casi di abuso in tre anni. L’unico problema è che a febbraio il Paese inizierà ancora le sue riforme. Quindi l’unico modo per mantenere l’incarico per lui è prolungare il mandato di Mattarella di un altro anno, come è successo con il suo predecessore, Giorgio Napolitano. Oggi molti ricordano come il vecchio capo di stato avesse fatto traslocare la scatola quando aveva deciso di restare più a lungo.

Le parti hanno iniziato a prendere posizione. Ognuno ha le sue preferenze. In Lega, hanno spiegato fonti del partito, sarebbero disposti a sostenere la candidatura di Draghi alla presidenza, ma solo se la sua sostituzione al Quirinale avverrà a febbraio e poi in Italia si terranno le elezioni anticipate. Il partito può portare il sostegno dell’intera coalizione centrale e di destra, che comprende Forza Italia e Fratellanza italiana. “Abbiamo rimandato troppo le elezioni. Se è Draghi, fantastico. Ma sia in un tempo ragionevole”, ha detto pubblicamente a questo giornale mercoledì scorso il leader della Lega, Matteo Salvini. Questa posizione si spiega anche con l’urgenza di Salvini di andare alle elezioni prima che Giorgia Meloni, la leader dei Fratelli Italiani, gli subentri e prenda il controllo della coalizione di destra. E la sua posizione, più o meno, coincide con quella di uno degli interessati.

Mattarella non ha voluto ripetere o prolungare la sua rottura. Se c’è un disastro, se non si trova un candidato consensuale, come è successo con Napolitano, può studiare questo tipo di richiesta. Ma non è quello che vuole in questo momento, fa notare al giornale una fonte del suo quartiere. Al Quirinale si sono resi conto che c’era una differenza di interesse in Parlamento per eleggere il prossimo presidente a febbraio o chiedere una proroga. Per alcuni partiti di un certo peso e leader in caduta libera, come Italia Viva (Matteo Renzi) o Forza Italia (Silvio Berlusconi), sarà l’ultima occasione per far valere il loro folto gruppo di parlamentari per una decisione importante prima di confermare il loro declassamento in elezione. Ma il gioco è molto complesso.

Il Partito Democratico (PD) e il Movimento 5 Stelle (M5S), in una revisione completa, non vogliono che questo problema si risolva entro febbraio. “Ovviamente questo significa che si devono tenere le elezioni. Soprattutto se è stato Draghi a finire al Quirinale. Sarebbe troppo complicato eleggere un terzo primo ministro che non sia fuori dai seggi in questa legislatura. Ma Enrico Letta è appena arrivato in segreteria del Pd e ha bisogno di tempo per ricostruirlo”, ha detto una fonte dei socialdemocratici. Stessa cosa è successa al M5S, in piena ricostruzione con Giuseppe Conte alla guida.

Unisciti a EL PAÍS per stare al passo con tutte le notizie e letture illimitate.

Cliente

Ulteriori informazioni

Quella griglia —Chi preferirebbe l’attuale ministro della Giustizia, Marta Cartabia, come presidente della Repubblica — ha bisogno di tempo per riarmarsi e delle elezioni anticipate che farebbero sì che il salto di Draghi al Quirinale non lo consenta. Hanno perso un centinaio di parlamentari solo in questa legislatura e il loro potere è diviso. Inoltre, entrambi i partiti chiedono una riforma della legge elettorale prima di tornare al voto. Se si mantiene quella attuale, sono consapevoli che una coalizione di destra spazzerà via e potrà costruire un Parlamento adatto a loro.

La figura di Draghi, che è la garanzia del compimento delle riforme, è chiara a tutte le parti, potrebbe essere un po’ sfocata a partire da febbraio. E molti dei suoi grandi promotori in Europa, come Paolo Gentiloni (uno dei principali promotori del suo arrivo a Palazzo Chigi), avrebbero voluto che rimanesse più a lungo nel suo incarico di Presidente del Consiglio. Tuttavia, il gioco del carrom che si aprirà a partire da luglio non permette di essere sicuri di nulla.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.