Lo usiamo tutti i giorni e non sappiamo chi l’abbia fatto; pioniere nella produzione ora – in bancarotta – Biz

Guidi quel “veicolo” ogni giorno e non sai chi l’ha fatto.


Izvor: Deutsche Welle

Illustrazione: Kzenon/Shutterstock

“Caddie” è la più antica e grande fabbrica di carrelli per supermercati in Europa. A partire da questa settimana, è fallito di nuovo, riferisce DW.

Ci siamo così abituati che non ce ne accorgiamo nemmeno: i carrelli della spesa. Si trovano anche in molti musei di design, in quanto sono un connubio quasi perfetto di forma e funzione.

Che si tratti di supermercati, grandi magazzini, materiali da costruzione o negozi di mobili, un’ampia varietà di carrelli ti accoglierà all’ingresso. E ognuno di essi è un promemoria di quanto sono cambiate le nostre abitudini di acquisto.

I primi supermercati sono stati fondati negli Stati Uniti, ma hanno iniziato a svilupparsi lì solo dopo la seconda guerra mondiale.

Uno degli entusiasti di questa forma di commercio a metà degli anni ’50 fu il francese Marc Joseph. Presta attenzione a un altro dettaglio: il cliente mette le cose nel carrello, ma non è pratico, perché in questo modo si compra meno.

I carrelli sono apparsi rapidamente in questi “nuovi” negozi americani, anche se quelli più alti sembravano cestini leggermente più grandi con ruote. Non sono particolarmente stabili o belli, ma questo è sicuramente il futuro della vendita al dettaglio.

Dal pollo alla new age

Dopo essere tornato in patria, Joseph iniziò un’attività: c’era un’azienda metalmeccanica a Schiltigem vicino a Strasburgo, fondata nel 1928 da suo zio Raymond, e il loro prodotto principale erano le mangiatoie per polli.

La nuova era è stata anche segnata da un cambiamento nel nome dell’azienda: “Ateliers Réunis” in “Caddie” – e il nome per l’americanizzazione, da cui il nome golf cart attraverso l’Atlantico. Dal 1958 consegnano carrelli per il primo supermercato francese a Rhei-Malmesson, uno dei primi in tutta Europa.

L’attività andava bene: nel 1973 aprirono un nuovo stabilimento completamente automatizzato di 30.000 metri quadrati a Drusenheim, in Francia, e all’inizio di questo secolo stabilirono filiali in Cina e Portogallo.

Ma dagli anni ’90 ha smesso di investire nello sviluppo dell’azienda, quindi è stata rilevata e poi rilevata da un concorrente tedesco, l’azienda “Wanzl” della bavarese Lepheim – e oggi è una delle più grandi fabbriche di carrelli per supermercati in il mondo. Perché si cerca sempre qualcosa di nuovo e bisogna stare al passo con i tempi.

Pericoloso botteghino vuoto

Circa dieci anni fa, “Caddie” è fallita e nell’ultimo decennio i nuovi investitori stanno andando bene: sono arrivati ​​grandi ordini, principalmente dall’Arabia Saudita, quindi l’azienda è stata rilevata da “Electropoli” e si è espansa nella produzione di carrelli elevatori. Anche gli affari non stavano andando male, ma a causa dell’enorme investimento, le casse dell’azienda erano piuttosto vuote.

La società polacca “Damix” rileverà il 70% dell’azienda nel 2018 e il resto rimarrà con il precedente proprietario Stefan Dedje, distributore italiano e gruppo tedesco “ShopBox”.

Ma l’attività non ha ancora coperto i costi: nel 2020 chiude lo stabilimento di Drusenheim e si trasferisce la sede a Detwiller. L’anno scorso è stato lanciato un nuovo programma di riabilitazione e dismissione dei dipendenti in esubero, ma anche questo non è bastato: questa settimana è stato nuovamente dichiarato fallimento.

Non può più fare a meno di una sedia a rotelle

In realtà c’è del lavoro da fare perché i negozi di oggi non possono più essere immaginati senza carrelli della spesa. Un grosso problema per i negozi è il furto del carrello: un carrello può costare diverse centinaia di euro e basta una moneta o un gettone di plastica per averlo.

Ecco perché l’azienda “Caddy” ha iniziato a produrre carrelli con locazioni elettroniche, per bloccare i carrelli al momento dell’uscita dallo spazio del negozio.

Ci sono sempre più elettronica: ora vengono prodotti carrelli che si caricano automaticamente per tutto ciò che ci viene messo e ti ricordano anche cos’altro potresti aver bisogno dato quello che hai preso dallo scaffale.

Se la sedia a rotelle del futuro continuerà ad essere prodotta dai pionieri di un nuovo modo di fare shopping in Europa è una grande domanda. In precedenza il gigante era rimasto con una fabbrica con soli 140 dipendenti e il procuratore del consiglio dei lavoratori, Herve Bertron, ha affermato che “lo stato dell’azienda è stato catastrofico” poiché doveva più di sette milioni di euro ai soli fornitori.

Seguici su di noi Facebook io Instagram pagina, Indonesia Account e unisciti a noi Viber Pubblico.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.