Liberazione dalle profondità dell’oceano. L’imbarazzante incidente aereo britannico è sotto controllo

Un aereo F-35 britannico si è schiantato nel Mar Mediterraneo a novembre invece di decollare dalla portaerei Queen Elizabeth. Successivamente, su Twitter sono emersi filmati del caccia che si avvicina al ponte e si prepara al decollo. Invece di prendere velocità, ha rallentato un pendio fino a raggiungere il mare senza mai alzarsi in aria. Il pilota è uscito all’ultimo momento.

Il Regno Unito ha arrestato un uomo responsabile del video trapelato. Questo è un marinaio, forse un membro dell’equipaggio della portaerei Queen Elizabeth, dove è avvenuto l’incidente. Secondo il Journal of Defense del server britannico, è stato trasportato in aereo dalla nave a una base in Gran Bretagna.

Il rapporto sui detriti segue un’operazione di salvataggio segreta di una settimana con gli obiettivi principali: Prevenire per far cadere gli aerei nelle mani del nemico con radar e sensori avanzati.

Il Regno Unito ha impiegato quasi tre settimane per raccogliere esperti che potessero arrivare alle macerie dalle profondità dell’oceano. Dovrebbe essere posizionato in base al server Notizie del cielo più di 1,6 chilometri sotto la superficie. Fonti della difesa hanno affermato di essere “profondamente sorprese” dalla velocità dell’operazione, dovuta al maltempo in condizioni estremamente difficili.

Secondo le fonti, il relitto “non era un milione di pezzi” e l’unità è riuscita a estrarre tutti i suoi pezzi dal mare. L’operazione può utilizzare un veicolo d’altura telecomandato, che può attaccare un grande air bag all’aereo e usarlo per portarlo sopra la superficie.

Il segretario alla Difesa britannico ha rivelato che una nave di soccorso americana e una nave di soccorso italiana noleggiata con personale militare britannico stavano prendendo parte all’operazione di salvataggio sotto copertura. La Royal Navy britannica ha quindi protetto i detriti in modo che altri paesi, come la Russia, non rubassero la tecnologia dall’aereo. All’azione hanno preso parte anche le navi da guerra italiane.

Fonti della British Defence Force hanno successivamente affermato di poter affermare con certezza che nessuna nazione nemica era in grado di acquisire l’equipaggiamento del velivolo sensibile. Non vi è alcuna minaccia per l’equipaggiamento del caccia F-35B Lightning II da 120 milioni di sterline, hanno detto al giornale Volta.

I resti dell’aereo rimorchiato saranno trasportati in una base navale nel Mediterraneo. La fonte del diario ha parlato Volta, ha dichiarato di non essere in grado di comunicare la posizione esatta, poiché si tratta di informazioni sensibili. Tuttavia, hanno affermato che la base apparteneva a un “alleato”.

“L’operazione di ritiro dell’F-35 del Regno Unito dal Mediterraneo si è conclusa con successo”, ha affermato il ministero della Difesa britannico. “Ringraziamo i nostri alleati della NATO, dell’Italia e dell’America per la loro assistenza nell’operazione di salvataggio”.

L’Agenzia per la sicurezza della difesa del Regno Unito sta attualmente indagando sul motivo per cui l’incidente è effettivamente avvenuto. Una possibile variante è che l’incidente sia stato causato da un coperchio del motore economico, che è stato accidentalmente lasciato sull’aereo e quando l’aereo è decollato, è entrato nel motore.

L’F-35 che si è schiantato era uno degli otto velivoli simili a bordo della Queen Elizabeth prima dell’incidente. L’incidente è stato il primo incidente del genere di un caccia F-35 britannico, ma ci sono stati diversi incidenti di un caccia americano di questo tipo.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.