L’Italia campionessa del mondo di pasticceria a Lione

L’Italia ha vinto sabato sera, a Lione, la Coppa del Mondo di Pasticceria 2021, una delle prestigiose competizioni della Fiera Internazionale della Gastronomia (Sirha). È la terza volta che Transalpins vince una medaglia d’oro nella storia di questa competizione.

Posta all’insegna della resilienza e della creatività, questa 16a edizione di Sirha (Fiera Internazionale della Ristorazione, dell’Ospitalità e dell’Alimentazione) tenutasi a Lione fino al 27 settembre 2021, ha visto l’incoronazione dell’Italia, nuovo campione del mondo di pasticceria. Ha sostituito la Malesia, i vincitori del titolo nel 2019.

La squadra italiana, contro altre dieci nazioni in gara, ha vinto all’unanimità una giuria presieduta da Pierre Hermé per le sue creazioni intorno alle api e all’impollinazione.

000_9nh8hz_61503ed377545.jpg

© Olivier CHASSIGNOLE / AFP

Formata dal pasticcere torinese Andrea Dalmasso, la “squadra d’oro” è composta da tre pasticceri: Lorenzo Puca, 32 anni, pasticcere e capitano della squadra; Massimo Pica, 36 anni, specialista del cioccolato a Milano; Andrea Restuccia, 28 anni, intenditore di gelati. Entro dieci ore dal test, hanno dovuto preparare un dessert al cioccolato da condividere, un dessert da ristorante, un dessert ghiacciato, una statua di zucchero alta 1,65 m e una di cioccolato.

Sul podio l’Italia ha battuto il Giappone, medaglia d’argento, e la Francia, bronzo. Altri paesi degni di nota sono la Svizzera, che ha ricevuto il premio per la responsabilità ambientale, e il Cile, che ha ricevuto il premio per lo spirito di squadra.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.