Leclerc rende “felice” la Ferrari – Disastro di Verstappen – notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro ancora

Un ottimo inizio di stagione di Formula 1. La Red Bull ha subito un fiasco totale tardivo. Una vittoria Ferrari – e come ha funzionato: prima vittoria e primo doppio successo dopo circa due anni e mezzo di frustrazione.

Il disperato campione del mondo Max Verstappen rimane senza carburante in un disastro nel deserto, Charles Leclerc si getta tra le braccia del suo equipaggio dopo l’impresa della Ferrari in Bahrain.

Con il doppio successo del monegasco e dello spagnolo Carlos Sainz, la Scuderia ha assicurato un inizio promettente a una lunga stagione di Formula 1. I meccanici esultanti cantavano ad alta voce canzoni italiane: hanno dovuto aspettare 910 giorni per farlo.

“Sono molto contento, gli ultimi due anni sono stati molto difficili per la squadra”, ha detto il vincitore di Leclerc, godendosi gli assordanti fuochi d’artificio nel cielo notturno di Sakhir. Sul podio, il campione del record si congratula con lui con un sorriso Lewis Hamilton. Il 24enne non vuole sapere nulla sulla forma del titolo. “Dobbiamo vedere come si svilupperà nelle prossime tre o quattro gare”, ha avvertito Leclerc. Il caposquadra Mattia Binotto “contento per la squadra. Hanno fatto tanto lavoro per molto tempo. Certo, la doppietta è stata grandiosa”.

Nuova speranza Mercedes

Hamilton ha anche inviato le sue “grandi congratulazioni”. “Sono contento che stiano facendo di nuovo bene”, disse il perdente, ma l’inglese non provava antipatia. Terzo posto per i campioni del record, quarto posto per il suo nuovo compagno di squadra George Russell. “Le aspettative stanno cambiando così velocemente. L’anno scorso saremmo stati molto tristi con il terzo e il quarto posto”, ha detto il capo del team Mercedes Toto Wolff su Sky TV.

Questa volta hanno beneficiato principalmente del secondo ritiro delle Red Bull, Verstappen ha lamentato problemi allo sterzo e poi è dovuto rientrare nel box senza intoppi. Manca il secondo posto. Il compagno di squadra Sergio Perez è andato in testacoda prima della fine e non è riuscito a proseguire. Manca il terzo posto. “Abbiamo avuto molti problemi”, ha detto Verstappen. “Pensavo che con così tanti problemi il secondo posto sarebbe stato buono. Ma poi non c’era più benzina nel motore. È stato davvero imbarazzante e brutto alla fine, non abbiamo segnato punti con entrambe le vetture”.

Sfortuna per Schumacher

Leggi anche

Formula 1

È qualcosa a cui prestare attenzione al Gran Premio del Bahrain

di Mick Schumacher le legittime aspettative per il primo punto della sua carriera non sono state soddisfatte. Dopo l’incidente iniziale non per colpa sua, inizialmente era dietro il campo di Haas. A causa della fase finale della safety car, è scivolato al decimo posto, ma non è riuscito a mantenere una posizione con gomme usate ed è finito. undicesimo. D’altra parte, un clamoroso ritorno di Kevin Magnussen è entrato direttamente nella top ten al quinto posto ad Haas.

Sebastian Vettel dovrebbe risentire molto delle prestazioni della nuova Aston Martin in casa svizzera. Il quattro volte campione del mondo è in quarantena per il coronavirus. Il sostituto Nico Hülkenberg era quasi a metà gara ed è finito al 17° posto.

98 giorni dopo il finale drammatico con molte discussioni, Verstappen era curioso fin dall’inizio in Bahrain. Ma i campioni non sono riusciti a superare Leclerc, che partiva davanti. A pochi metri di distanza, Sainz vide la Mercedes argento di Hamilton nello specchietto retrovisore.

Il sette volte iridato si è guadagnato il posto proprio mentre si spegneva il semaforo rosso, lasciandosi alle spalle Perez. Anche se la nuova Freccia d’Argento non è stata messa a punto per diventare campione del mondo, Hamilton ha un solo obiettivo quest’anno: un ottavo titolo mondiale e una finale agrodolce il 12 dicembre 2021 con una vittoria in Coppa del Mondo condivisa dall’allora direttore di gara Michael Masi, che da allora ha rovesciato, facendolo dimenticare. Sarà una lunga strada quest’anno.

duello sopra

Al comando Verstappen ha provato a cambiare le gomme prima di Leclerc. Si è avvicinato, ma non è stato sufficiente per prendere il comando durante il pit stop. Ma poi: al 17esimo giro, le scintille sono volate presto e sono finite appena sotto la Red Bull, Verstappen ha frenato in ritardo, superando Leclerc all’interno. Monegasse si vendica subito, superando nuovamente Verstappen. E così via per diversi round. Pneumatici fumosi.

Il rivale Verstappen ci ha riprovato fermandosi presto per un secondo cambio gomme. Ma la Ferrari ha reagito immediatamente e ha portato anche Leclerc. Questo è sufficiente.

campione del mondo non è soddisfatto

Verstappen ha preso in giro la sua stessa squadra e si è lamentato di problemi allo sterzo dopo il secondo cambio gomme. Poi la fase di safety car perché l’Alpha Tauri di Pierre Gasly ha preso fuoco. Dopo lo scandalo di Abu Dhabi, i regolamenti sono stati rivisti e i controlli di gara sostituiti. E tutto è andato liscio.

Leclerc ha nuovamente difeso la sua posizione contro Verstappen e ha ottenuto la prima vittoria per la Ferrari dal 19 settembre 2019 dall’allora compagno di squadra Sebastian Vettel in una finale altrettanto spettacolare. Leclerc era secondo in quel momento.

© dpa-infocom, dpa:220320-99-601510/6

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.