Le donne sulla quarantina avranno presto maggiori possibilità di rimanere incinta

Entrare nella maternità negli anni ’40 potrebbe diventare un evento normale nei prossimi dieci anni, affermano gli scienziati che hanno invertito con successo il processo di invecchiamento degli ovuli umani in laboratorio.

In questa scoperta fondamentale, i ricercatori israeliani hanno fatto sembrare le uova di una donna di 40 anni come le uova di una donna di 20 anni.

È noto che le donne nascono con tutti gli ovuli che avranno mai. Cambiano nel tempo e perdono le loro qualità, il che rende la loro fecondazione più difficile per le donne anziane.

Mentre la donna media tra i 20 anni ha l’80% di possibilità di rimanere incinta naturalmente entro un anno, quella percentuale si dimezza all’età di 40 anni.

Tuttavia, gli scienziati dell’Università Ebraica di Gerusalemme hanno dimostrato che questo processo può essere invertito dai farmaci antivirali usati per curare i pazienti affetti da HIV.

Si pensa che il farmaco agisca prevenendo i danni al DNA che si verificano durante il processo di invecchiamento.

Ci si chiede ancora se questo processo possa aumentare i tassi di fertilità. Il team ora prevede di testare le sue scoperte sugli animali e poi sugli esseri umani.

Sperano che il trattamento possa ridurre il rischio di aborto spontaneo e difetti alla nascita nel feto, che sono più comuni nelle donne in gravidanza anziane, riferisce Index.hr.

“Questo può aiutare le donne di età compresa tra 40 e 50 anni. Dopo di che si verifica la menopausa”, hanno spiegato gli scienziati.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista cellule che invecchiano.

Tag


Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.