La Russia rifiuta ogni collegamento con la crisi politica in Italia e nel Regno Unito

Il governo russo venerdì ha negato di avere alcun legame con la crisi politica in paesi europei come l’Italia e la Gran Bretagna, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov.

“Questa è una questione interna per questi paesi. Non interferiremo in alcun modo e non abbiamo alcun rapporto con esso”, ha detto durante la sua conferenza stampa quotidiana, citato da EFE.

Il 7 luglio, il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato le sue dimissioni dopo lo scoppio di una serie di scandali nel suo governo che hanno portato alle dimissioni di 50 membri del gabinetto.

Tuttavia, Johnson rimarrà in carica ad interim fino al 5 settembre, quando entrerà in carica un nuovo primo ministro. I candidati alla carica saranno eletti alla Camera dei Comuni.

Italia

Nel caso dell’Italia, anche il presidente del Consiglio Mario Draghi ha annunciato le sue dimissioni dall’incarico, che però sono state respinte giovedì dal capo dello Stato Sergio Matarella.

Per quanto riguarda le domande dei giornalisti, Peskov ha insistito sul fatto che “non è necessario aggiungere altro” sulla crisi politica in questi paesi.

Il presidente del Consiglio italiano dovrà presentarsi al Senato mercoledì prossimo per annunciare le sue dimissioni e condurre il dibattito sulla crisi politica, come ha chiesto il presidente Mattarella.

In precedenza, Draghi avrebbe dovuto recarsi in Algeria lunedì per firmare un accordo sulle forniture di gas.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.