La Polonia accusa la Germania di gestire il “Quarto Reich” nell’UE

Cracovia – Il vicepresidente del governo polacco, Jaroslaw Kaczynski, ha accusato la Germania di cercare di imporre un “Quarto Reich” nell’Unione Europea (UE) nella forma di uno “Stato centralista” in cui Berlino prende tutte le decisioni.

Lo ha detto Kaczynski, capo del partito Diritto e Giustizia, che governa la Polonia dal 2015, in un’intervista pubblicata ieri dal settimanale polacco. Rete che “la Germania ha dichiarato pubblicamente che erano loro a decidere e che” il termine del Quarto Reich era pienamente giustificato. “Non c’è nulla di negativo, non si riferisce al Terzo Reich (il regime nazista), ma al Sacro Romano Impero”, ha spiegato.

Riferendosi al nuovo governo di coalizione tedesco, il leader ultraconservatore ha affermato che possono essere “grati, in un certo senso, per aver chiarito che vogliono stabilire uno stato federale europeo – sotto la loro autorità, ovviamente”.

Ha anche sottolineato che, a suo avviso, la parola “federazione” era un eufemismo per riferirsi a uno stato centralista che “richiede il riconoscimento ufficiale della dominazione tedesca”.

Kaczynski fa invece riferimento a “forze di resistenza che si oppongono a questo piano, anche nei paesi più grandi, come Italia, Spagna e Francia” in riferimento alle formazioni nazionaliste e antieuropee di questi paesi, come Vox, i francesi Gruppo Nazionale. o Fratellanza Italiana.

spiare ‘Pegaso’ Inoltre, il vicepresidente della Polonia ha ammesso che il suo governo ha ottenuto programmi per computer per spiare le comunicazioni Pegaso, ma ha negato che fosse stato usato contro membri dell’opposizione politica.

Tuttavia, secondo un’indagine dell’Università di Toronto, il governo polacco ha utilizzato il software, sviluppato da una ONG aziendale israeliana, con tre critici esecutivi: Ewa Wrzosek, un pubblico ministero che si oppone alle controverse riforme giudiziarie in Polonia; Roman Giertych, leader dell’opposizione, e il senatore Krzysztof Brejza.

Brejza ha guidato la campagna elettorale del 2019 della Coalizione civica di opposizione, nata dall’omonimo partito liberale-conservatore. Secondo le indagini, il suo cellulare è violato dozzine di volte durante il periodo della campagna che ha portato alla Pilkada di ottobre 2019.

elezioni anticipate Sulla politica interna, ha indicato la possibilità di tenere elezioni anticipate nel 2022, visto “l’anno molto difficile” della coalizione conservatrice che guida, con “i problemi causati dalla pandemia dell’ex vicepremier Jaroslaw Gowin (…), inflazione e guerra ibrida con la Bielorussia”.

Il 10 agosto il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, ha destituito Jaroslaw Gowin, leader di uno dei tre partiti che compongono la coalizione di governo, per divergenze di opinione sulla linea politica principale dell’Esecutivo.

Jaroslaw Kaczynski, 72 anni, ha annunciato mesi fa che avrebbe lasciato il governo nelle prossime settimane per concentrarsi sulla leadership e sulla riorganizzazione del partito Law and Justice, che ha co-fondato nel 2001.

Fine del semestre

cambia il sistema giudiziario

Commissione europea. Dopo la mezzanotte di questa sera, scade il termine per la Polonia per spiegare alla CE come i suoi piani di smantellare il sistema disciplinare per i suoi giudici scadono prima che venga inviata la prima lettera di richiesta del pagamento di una multa per inadempienza che ammonta già a quasi 70 milioni di euro. La Commissione Europea (CE) ha confermato la scadenza di un termine per Varsavia, la cui indipendenza della magistratura è da anni messa in discussione da Bruxelles, per fornire informazioni sulle misure che intende adottare per conformarsi alla decisione europea del 14 luglio, che tiene conto della regime disciplinare e la Camera dei giudici nazionali.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *