Individuali e club vincitori di medaglie per Belgrado (36): Momento da star del giocatore di pallamano

Notizia

Svetlana Kiti

La nostra storia ci ha portato decenni di felicità grazie alle nostre brillanti vittorie nelle competizioni in tutto il mondo. Alle Olimpiadi del 1980 a Moksha vinsero l’argento e nel 1984, alle Olimpiadi di Los Angeles, salirono al trono dei vincitori. Quanto ai Mondiali, hanno una “raccolta” di medaglie invidiabile: a Belgrado nel 1957, in Ungheria nel 1982 e in Italia nel 2011 hanno vinto il bronzo, l’argento nel 1965 in Germania, il 1971 in Olanda, il 1990 in Corea del Sud e il 2013 in Belgrado, mentre vinsero la medaglia più brillante nel 1973 ai Mondiali nella capitale serba.

guidare

Il miglior giocatore di pallamano in Jugoslavia, Serbia e nel mondo è Svetlana Ceca Kiti. È nato a Tuzla il 7 giugno 1960. Ha giocato per Jedinstvo e Radnički di Belgrado, con i quali ha ottenuto i migliori risultati. Per due volte, nel 1980 e nel 1984, ha vinto la Coppa dei Campioni, ha giocato dal 1980 al 1985 in tutte le finali per club di Belgrado. Dal 1996 al 2000 ha difeso il colore eljezničar, e con sua figlia Mara per sei anni a Jedinstvo, e all’età di 48 anni ha detto addio alla sua carriera attiva con l’uniforme Radnički.

Ha giocato in nazionale per 11 anni. Ha segnato 911 gol in 202 partite. Era tutto, l’organizzatore, l’assistente, il tiratore e, soprattutto, la forza trainante della squadra. Alle Olimpiadi di Mosca del 1980 vinse l’argento con 29 gol in cinque partite. Quattro anni dopo, con 22 gol, contribuì a vincere la medaglia d’oro a Los Angeles. Ha vinto una medaglia d’argento ai Mondiali del 1990 in Corea. Dai Giochi del Mediterraneo nella medaglie d’oro di Spalato nel 1979. Ha ricevuto molti premi nella sua carriera. È stato votato il miglior junior del mondo nel 1997, poi il miglior giocatore del mondo nel 1988 e, sulla base dei voti nel sondaggio della World Handball Federation del 2010, è stato nominato il miglior giocatore di tutti i tempi. La sua compagna di club e amica Svetlana Vujicic ha pubblicato un libro su di lui.

Arte in campo

Anche Dragana Pešić Belojević ha ricevuto un lusinghiero premio per il migliore al mondo con il suo talento. È nato il 10 dicembre 1963. Ha giocato per Radnički, Budućnost, Voždovac, Olimpija. Era affascinato dal senso del gioco, soluzioni inaspettate e sottili. Gli esperti dicono che camminare fa arte dall’esercizio. Ha giocato per la nazionale all’età di 16 anni. Ha vinto una medaglia d’argento ai Mondiali del 1990 in Corea. Ha vinto l’oro ai Giochi del Mediterraneo del 1991 ad Atene. Ha donato tutte le medaglie vinte al Nuovo Fondo Umanitario di Belgrado.

Nel 2013 Andrea Lekić è stato nominato primo giocatore al mondo. È nato a Belgrado il 6 settembre 1987. Ha esordito con la nazionale serba nel 2006. Ha giocato più di 100 partite e segnato 500 gol. È stato il quarto leader della squadra in Europa nel 2012 e il secondo ai Mondiali un anno dopo. Entrambe le competizioni si sono svolte a Belgrado. Ha partecipato a questo concorso altre due volte. Agli Europei è stata votata di nuovo centro nella formazione ideale… Queste sono solo alcune perle della nostra pallamano femminile.

Miglior stratega

Gli allenatori di Milorad Miki Milatović e Sasa Boškovi dovrebbero essere menzionati nelle storie di successo dei giocatori di pallamano. Topolino ha trascorso la sua intera carriera da giocatore in Red Star. Nonostante fosse uno dei migliori portieri jugoslavi, ha rappresentato la nazionale solo sette volte perché Abaz Arslanagić e Zoran ivkovi erano inviolabili, a quel tempo anche i migliori portieri del mondo. Ha compensato ciò che gli mancava giocando nella sua carriera di allenatore. Come selezionatore o allenatore sulla panchina della nazionale, ha giocato in più di 700 partite. Ha vinto due medaglie olimpiche, un argento a Mosca nel 1980 e un oro a Los Angeles quattro anni dopo, tre ai Mondiali: un bronzo nel 1982 in Ungheria, un argento nel 1990 in Corea del Sud e un bronzo in Italia nel 2001 .

Boskovic è stato il selezionatore della nazionale dal 2011 al 20’16. Sotto la sua guida, è stato raggiunto il più grande successo di pallamano della Serbia. Agli Europei del 2012 è arrivato quarto, un anno dopo primo nel Mediterraneo e argento ai Mondiali.

Promemoria

Ivana uprinovi, classe 1949 al Virovitica, è l’incubo di un portiere. Ha giocato per la nazionale 96 volte e ha segnato 199 gol. Il più grande successo è stato vincere l’oro ai Mondiali del 1973, la finale dei Pionieri di Belgrado. Jadranka Antić, nata il 9 gennaio 1953 a Belgrado, ha giocato 103 partite con la nazionale e segnato 129 gol. Ha vinto due medaglie ai Mondiali, l’argento nei Paesi Bassi nel 1971 e l’oro, due anni dopo, in Jugoslavia.

Milenka Sladić, nata nel 1952 a Zavidovići, ha giocato 116 volte in nazionale e segnato 589 gol. Ha vinto due medaglie ai Mondiali, l’oro a Belgrado nel 1973 e l’argento a Budapest nel 1982. Mirjana urica Vermezović, è nata l’11 marzo 1961 a Sombor. Ha giocato per la nazionale 1.092 volte e ha segnato 250 gol. Ha partecipato tre volte alle Olimpiadi, una medaglia d’argento a Mosca nel 1980 e una medaglia d’oro a Los Angeles quattro anni dopo. Dragica urić, nato il 26 marzo 1963 ad abac, appartiene alla ristretta cerchia dei migliori portieri della zona. Ha vinto l’oro alle Olimpiadi di Los Angeles.

Domani – Medaglia individuali e club per Belgrado (37): gioiello del basket femminile

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.