Rapimento: errori che portano all’indagine sul caso – Notizie – notizie

Materiali visivi e dati da un acquisto di una scheda di un cellulare in un negozio a Peristeri ha condotto l’Hellenic Post. per chiarire il rapimento di 67 giorni dell’uomo d’affari di 40 anni George Kyparissis. L’uso di telefoni cellulari, chiamate di prova e il cambio di schede SIM o dispositivi sono alcuni dei reati legati al carbonio che i rapitori in Grecia commettono, a seguito dei quali vengono traditi, affermano agenti di polizia esperti alla “NEA”. Inoltre, poiché il rapimento è una forma di reato a bassa frequenza nel nostro Paese, gli autori non sono a conoscenza dei nuovi sistemi tecnici che le forze dell’ordine regolarmente inseriscono nelle loro indagini e si trovano quindi di fronte a spiacevoli sorprese. Altro errore comune, secondo la stessa fonte, è la successiva “sconsiderata” transazione con riscatto (spesso con note precontrassegnate), mentre la dettagliata deposizione degli ostaggi “tradisce” importanti informazioni sulle persone coinvolte, sul luogo di detenzione ecc. su.K.

Eccezione

La conseguenza di quanto sopra è che solo due ostaggi (su un totale di circa 25) non sono stati indagati a fondo dalla Polizia ellenica. ultimi 30 anni. Le eccezioni che confermano la regola sono il rapimento nel 1996 dell’uomo d’affari cretese Michalis Metaxas, che, sebbene abbia avuto un lieto fine, è ancora coperto di “ombre”, così come il rapimento cinque anni fa dell’uomo d’affari cretese Michalis Lempidakis, dove è pensava che almeno quattro colpevoli non fossero stati assicurati alla giustizia.

Energia dell’Armageddon

Un tipico errore con i cellulari è stato commesso nel caso di sequestro – nell’ottobre 2001 – del figlio di un uomo d’affari di 34 anni, Giannis Zonas, che è stato rilasciato dietro pagamento di un milione di euro, dopo due mesi di prigionia – sorprendentemente .

Tecnologia

Fu allora che il primo rapitore fu catturato mentre utilizzava i dati del cellulare che usava per comunicare con i suoi parenti. In particolare… chi non ha familiarità con i player tecnologici utilizza per la comunicazione quotidiana, anche con parenti o amici, la stessa SIM che usa per 20 conversazioni con la famiglia Zona!

L’11 aprile 2002, Markella Hazaki, una bambina di nove anni, figlia di un uomo d’affari di Plagiari, Salonicco, è stata rapita ei tre autori che hanno trattenuto la bambina per 26 giorni hanno chiesto un riscatto di 3 milioni di dollari. EL.AS. tuttavia, li ha rintracciati utilizzando un innovativo dispositivo italiano per l’epoca (secondo la “valigia” di EYP) che ha trovato il luogo della loro chiamata ma ha anche approfittato della loro ignoranza, poiché hanno chiamato da due appartamenti specifici, in uno in cui tenne un bambino di nove anni quell’anno.

Conversazione

Rispettivamente, nel rapimento – nel giugno 2018 – sempre da Salonicco dell’uomo d’affari George Mylonas, quando è stato chiesto un riscatto di 15 milioni di euro, gli autori avevano commesso errori simili che alla fine sono costati loro la libertà. In particolare, hanno acquistato lo stesso piano prepagato che usano per le conversazioni con la famiglia dell’ostaggio e altri due collegamenti che usano per parlare tra loro o con gli amici. Così, agenti di polizia esperti, quando trovano la prova d’acquisto, procedono a rimuovere la riservatezza delle comunicazioni di questi due telefoni “privati” e con l’IMEI “driver” del dispositivo raggiungono le loro tracce. Come se non bastasse, i rapitori – tra cui il latitante Vassilis Paleokostas, criminali e antiautoritari – hanno chiamato a processo anche pizzerie locali con uno dei loro cellulari “business”.

Tuttavia, nel rapimento dell’uomo d’affari Michalis Lempidakis a Chania, le persone coinvolte non hanno evitato di commettere illeciti: tre di loro, durante l’interrogatorio della polizia, hanno gettato via i cellulari in loro possesso, che si presumeva fossero stati utilizzati per comunicazioni di riscatto. Inoltre, un’auto di 22 anni è stata trovata su una tangenziale a sud di Creta, che aveva uno dei telefoni cellulari degli autori. Secondo le informazioni, questa localizzazione è stata resa possibile con l’aiuto di speciali dispositivi portatili di scansione e monitoraggio reclutati per alcuni casi dalla polizia ellenica.

Identificazione

Nel recente caso di rapimento da parte di Drafi a fine dicembre, la polizia ha identificato gli autori (coinvolti in rapine in banca, sparatorie di agenti di polizia, ecc.) non solo per l’acquisto di schede telefoniche ma anche per il fatto che si erano trasferiti i loro veicoli privati ​​da e verso i luoghi da cui si è scoperto che i parenti di Kyparissis erano stati convocati. Dimitris Gavelas, il rappresentante legale di uno degli autori, tuttavia, ha osservato che “ulteriori indagini sul caso riveleranno cosa è realmente accaduto”.

Nel frattempo, i casi sono stati “risolti” sulla base della testimonianza critica di testimoni oculari o addirittura delle stesse vittime: il 16 settembre 1995 Costas Dalakas, che allora aveva 11 anni, è stato rapito mentre tornava da scuola nella sua casa nell’area di Anavyssos. Pochi giorni prima, i suoi genitori hanno vinto alla lotteria 130 milioni di dracme (circa 300.000 euro). Le persone che conoscevano queste informazioni volevano approfittarne, ma si accontentarono di 41 milioni di dracme (120.000 euro) e quattro giorni dopo lasciarono andare il piccolo. L’arresto dei sequestratori – organizzato dalla zia dello studente – è il risultato della testimonianza dell’11enne, che ha descritto dettagliatamente il nascondiglio, mentre aveva notato e poi testimoniato alle autorità che gli autori avevano riferito informazioni personali che solo i suoi parenti lo sapevano. Alla fine, nel gennaio 1997, Eleni Loulaki, una bambina di sei anni, figlia di un rivenditore di automobili, è stata rapita fuori dalla sua scuola a Heraklion, Creta. L’indagine su questo caso è iniziata con la testimonianza di un autista di scuola che in quel momento ha visto fuori dalla scuola un conoscente che sarebbe stato coinvolto nel caso. A quel tempo è stato stabilito che l’organizzatore della prigionia era la maestra d’asilo della ragazza.

Rapporto greco-russo tra martello e incudine

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.