Il vincitore della Coppa Perisic avvelena la vetta dell’Inter

Roma (AP) – Ivan Perisic è ormai la garanzia del successo dell’Inter – nella finale di Coppa Italia l’ex professionista della Bundesliga ha segnato una doppietta ai supplementari battendo la Juventus Torino.

Dopo una serata così bella, però, il vicecampione del mondo croato non ha voluto solo festeggiare. Internamente c’era disaccordo tra Perisic e il tecnico dell’Inter, come ha rivelato a sorpresa il veterano dopo 4 a 2. La sopravvivenza con i campioni della stagione precedente sembrava incerta.

Il contratto del 33enne scade a fine giugno – ha detto prima della finale di coppa il ds Giuseppe Marotta di credere in un prolungamento. Alla domanda su questo Perisic è stato tossico dopo la partita: “Non hai a che fare con giocatori importanti in questo modo, non aspetti fino all’ultimo momento. Anche questo fa parte della verità, dovresti saperlo.

Troppi pochi premi?

A quanto pare, l’attaccante apparso in Germania per Borussia Dortmund, VfL Wolfsburg e Bayern Monaco non si è sentito apprezzato. All’Inter l’attenzione si è concentrata soprattutto su attaccanti come Lautaro Martinez, e recentemente si è anche ipotizzata un grande interesse per il professionista della Juve Paulo Dybala. A differenza di Perisic, il talentuoso argentino è rimasto in gran parte pallido in finale.

Il croato ha dimostrato ancora una volta di cosa è capace. Mentre alcuni dei giocatori più giovani si sono indeboliti col passare del tempo, Perisic ha davvero aumentato il suo calore nei tempi supplementari. Prima ha trasformato un calcio di rigore in 3:2, poi si è assicurato il punteggio finale con un deciso tiro dalla distanza.

“Mi sento un leader qui”, ha detto Perisic, “e quando la squadra è molto forte, è più facile”. Ora vuole ancora vincere con l’Inter nelle ultime due giornate e difendere il titolo. “Dobbiamo vincere e poi aspettare. Ma ci abbiamo sempre creduto”. I nerazzurri sono due punti dietro i rivali cittadini del Milan in classifica di Serie A.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.