Il premio per i cineasti in erba va a Cannes con una coppia di registi francesi

Il primo premio nella sezione Un Certain di cose per i cineasti in uscita al Festival di Cannes va a Les Pires (The Worst), creato dai registi francesi Lise Akoka e Romane Gueret. 20 film competono nella sezione.

La trama del film vincitore si svolge in un sobborgo operaio della città di Boulogne-sur-Mer, nel nord della Francia, dove l’arrivo di una troupe cinematografica, che seleziona gli attori per le riprese durante un casting di strada, agita l’acqua.

Il premio della giuria, presieduta dall’attrice italiana Valeria Golinová nel 75° anno del festival, è andato al film pachistano Joyland (Land of Joy) del regista Sáim Sádik. È il primo film pakistano a competere per uno qualsiasi dei premi al Festival di Cannes.

Il regista israelo-palestinese Maha Hajj ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura per La febbre mediterranea. La giuria ha assegnato un premio speciale al film francese Rodeo di Lola Quivoron.

La regista rumena Alexandra Belc, che ha presentato il suo film Metronome a Cannes, ha vinto il premio per il miglior regista. L’attrice lussemburghese Vicky Krieps ha vinto il premio per il suo ruolo in Corsage e l’attore franco-tunisino Adam Bessa ha vinto la sua interpretazione in Harka.

Anche il film ucraino Butterfly, realizzato in una coproduzione ceca, è stato proiettato in alcune sezioni di Un. Il Festival di Cannes si concluderà sabato sera con i premi per i film in concorsi importanti, tra cui il più alto riconoscimento: la Palma d’Oro.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.