Quando si tratta di sanzioni, non parteciperemo

Il presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ha affermato che la Serbia, quando si tratta di votare all’assemblea delle Nazioni Unite in occasione della crisi in Ucraina, “si unisce” quando si tratta di demolizioni e violazioni dell’integrità territoriale, mentre “non aderirà” quando si tratta di sanzioni.

“Ieri avevamo nove voti, in otto non ci siamo uniti a quello che abbiamo fatto. Oggi ne abbiamo uno in cui ci uniremo, quindi ogni giorno, fammi sapere alla fine di quei numeri. Per qualsiasi cosa abbia a che fare con il vandalismo e violazioni dell’integrità territoriale, la Serbia si unisce, per coloro le cui sanzioni sono discutibili, la Serbia non si unirà, almeno finché possiamo durare ancora un po’, qualche giorno in più mentre io sono il presidente de facto della repubblica. avendo votato per qualcun altro, questa è un’altra storia”, ha detto Vucic.

Alla domanda sulla pressione che deve affrontare il nostro paese, ha risposto che era enorme.

“Fino a tarda notte, ho parlato con i rappresentanti di diversi paesi, e oggi è lo stesso tutto il giorno. Tanto per il grande rispetto per l’indipendenza e il diritto di decidere degli altri paesi”, ha detto Vucic.

“Credo che saremo in grado di resistere a varie pressioni, mantenere l’orgoglio e la dignità nazionali ed evitare la grande rabbia, perché i grandi di solito sfogano la loro rabbia sui piccoli. Cercheremo di salvare e difendere il Paese e mantenere le nostre guance. senza macchia”, ha concluso Vucic.

Leggi tutte le notizie su Russia e Ucraina sul nostro live blog, minuto per minuto …

“La Croazia ha il diritto di aumentare la prontezza al combattimento, non ci è venuto in mente”

Il presidente serbo ha affermato che la Croazia ha il diritto di aumentare la prontezza al combattimento delle sue forze armate, ma ha anche aggiunto che “alla Serbia non è venuto in mente” che la Serbia facesse una cosa del genere.

“Lasciali fare il loro lavoro, non abbiamo motivo di aumentare la prontezza al combattimento”, ha detto Vucic.

Ha nuovamente accusato i media in Croazia di fare campagna contro la Serbia.

“Non è giusto o giusto, ma capisco. Perché sono dalla parte del successo della Serbia, come spiegare che la Serbia ha un centro clinico migliore o per costruire più autostrade? Hanno tre volte più chilometri di autostrade e oggi noi si stanno avvicinando a loro per diventare primo ministro, il loro Pil è di 43 miliardi e il nostro è di 32, oggi il Pil di entrambi è di 53 miliardi”, ha detto Vučić.

Commentando la dichiarazione del primo ministro croato Andrej Plenkovich secondo cui Zagabria stava “monitorando la situazione nella regione”, Vučić ha detto che era “buona”.

“Sono molto sicuro che seguirà il nostro treno, che va a 200 chilometri all’ora, perché non hanno treni o rotaie del genere”, ha detto il presidente serbo.

Ha negato le accuse secondo cui domani avrebbe iniziato a raccogliere firme per la nuova nomina a presidente della Serbia, perché, come ha detto, il presidente del SNS non ha ancora deciso chi sarà il candidato alla sessione prevista per il 7 marzo.

“Chi affronterà le elezioni ora che abbiamo innumerevoli problemi e problemi. Manca ancora un mese alle elezioni, prenderemo una decisione sul candidato il 7 marzo”, ha detto Vucic.

Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.