Il futuro del ciclismo: manca la generazione d’oro del ciclismo – notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro ancora

Jan Ullrich ha scatenato l’isteria ciclistica in Germania 25 anni fa. Ora i ragazzi del boom si stanno gradualmente salutando e si preoccupano per il futuro.

Marcel Kittel brilla come esperto televisivo della televisione olandese, Tony Martin in pista come tifoso del team Jumbo-Visma e André Greipel guarda il Tour de France in televisione.

I protagonisti tedeschi dell’ultimo decennio sono in meritato pensionamento – e con loro il successo.

I re della montagna Simon Geschke e John Degenkolb sono attualmente gli ultimi rappresentanti della generazione di Jan Ullrich al Giro di Francia, poco prima della pubertà quando vinsero il tour 25 anni fa e beneficiarono di un boom in Germania.

La generazione d’oro è invisibile

“Questo non è un grande sviluppo. Negli ultimi anni siamo stati viziati nel Tour con le vittorie di tappa di André Greipel o Marcel Kittel. Sarà molto più difficile nei prossimi anni”, ha detto Geschke di dpa, ma ha sottolineato: ” La generazione dopo di me si è sempre trovata molto bene. Questa è anche la generazione che ha beneficiato del boom”.

Maximilian Schachmann, Nils Politt e Lennard Kämna hanno tutti vinto le tappe del Tour. Georg Zimmermann guida in modo offensivo e appare spesso in gruppi separatisti. La domanda è: cosa succede dopo? Naturalmente ci sono talenti come il nuovo Campione Europeo U23 Felix Engelhardt o il talentuoso Marco Brenner. Ma la grande massa, la generazione d’oro, non si vede da nessuna parte. “Quest’anno siamo ancora nove corridori in tour, non accadrà sicuramente”, ha detto Geschke.

Leggi anche

Giro di Francia 109

Politt, Kämna & Co.: piccolo contingente tedesco in tournée

L’ultima volta che ci sono stati così pochi tour iniziati come quest’anno è stato 20 anni fa. La Germania non è affatto un’esclusiva dei guai imminenti dei giovani talenti. Ma paesi del ciclismo come Belgio, Francia o Italia trovano più facile trovare talenti. Si comincia con le gare juniores. “Avevamo un campo di partenza molto piccolo in Germania. Il pool di talenti si sta riducendo. È caduto ai nostri piedi”, ha affermato Ralph Denk, capo della migliore squadra tedesca, Bora-hansgrohe. Gli organizzatori saranno scoraggiati dalle richieste più ampie delle autorità: “È più facile in Belgio o in Italia. Due ore prima della partenza non ti rendi nemmeno conto se la gara si svolgerà lì”.

Le gare Junior non si svolgono più in Germania

Ma non è stata solo la preferenza della Germania per il regolamento e i requisiti a essere il motivo per cui la gara si è interrotta. La costruzione è iniziata presto. “Dopo un grande scandalo, quasi tutte le gare junior in Germania sono state eliminate. Con Bora abbiamo una squadra World Tour, che è anche molto internazionale. Da corridore junior tedesco, è molto difficile anche entrare nel campo professionistico”, dice premio Non c’è squadra ProConti seconda nel campionato di ciclismo e alcune buone squadre Conti non hanno piattaforme per mancanza di gare.

Inoltre, la pandemia di coronavirus è l’ultimo fattore di preoccupazione per i giovani. “Se non puoi correre per due anni in gioventù, perdi interesse per lo sport se non puoi competere. Distrugge lo sport, non solo il ciclismo”, ha detto il campione tedesco Politt. L’uomo di Colonia vede l’associazione come un dovere in questo senso: “Certo che spero che il gap si colmi e che l’associazione escogiti qualcosa. Poi avremo di nuovo più corridori in tour”.

Tuttavia, all’inizio, ci saranno meno volti familiari. Geschke ha ancora un anno di contratto e vuole correre il Giro l’anno prossimo. Neanche Degenkolb sarà in giro per sempre. “Dobbiamo supportare i giovani piloti”, ha affermato il vincitore della Roubaix 2015. “Dobbiamo dare loro una prospettiva ed essere modelli di ruolo. Poi si atterranno ai loro sogni”. Degenkolb, Greipel, Martin e Co. ha dimostrato che i piccoli sogni possono trasformarsi in grandi vittorie.

© dpa-infocom, dpa:220719-99-75352/2

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.