Il blocco di Facebook da parte della Russia è un “atto di intimidazione” contro l’Occidente

Si prevede che la decisione delle autorità di regolamentazione russe di vietare Facebook abbia avuto solo un impatto limitato sulla vita quotidiana dei russi, che hanno relativamente pochi social network. D’altra parte, dovrebbe consentire di esercitare pressioni su altre piattaforme e app di messaggistica occidentali, secondo Washington Post.

Crescono gli appelli occidentali a difendere la libertà di espressione in Russia. Da venerdì 4 marzo, il social network Facebook, accusato dai regolatori Internet russi “differenziare” i media statali del paese non sono più disponibili in Russia.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, le aziende americane hanno concordato, insieme a Twitter, YouTube, TikTok o Telegram, di soddisfare le richieste europee e di ritirare alcuni media russi dalle loro piattaforme. Un atto che ha spinto il Cremlino a “unisciti al regime più repressivo del mondo”, basato su Washington Post. Lui ha spiegato:

Taglio russo i suoi cittadini dal più grande social network del mondo”.

Per i quotidiani americani sarebbe fuorviante concentrarsi esclusivamente sulla libertà di espressione degli internauti russi. Perché bloccare Facebook è soprattutto il frutto di una strategia più ampia, rivolta in primis agli occidentali.

“Certo, bloccare Facebook non è una questione di difesa della libertà di espressione, per Vladimir Putin”convinto i giornali di centrodestra, dove il leader russo “trascorsero anni minando la libertà di stampa e reprimendo l’opposizione”. Tuttavia, secondo lui, “Non riguarda

[…]

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.