Chi è l’inviato speciale per i Balcani occidentali? – Politica

L’Unione Europea, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti si sono uniti alla Germania, che ieri ha nominato l’ex membro del Bundestag dei Verdi Manuel Zaracin inviato speciale per i Balcani occidentali.

Ora lo farà, come lui ha detto il ministro degli Esteri tedesco Analena Berbok, “Lavorare a stretto contatto con il rappresentante speciale dell’UE per il dialogo Kosovo-serbo Miroslav Lajcak e l’alto rappresentante per la Bosnia-Erzegovina Christian Schmidt. Un balcanico occidentale forte, stabile e basato sulla pace determina anche il futuro dell’UE nell’Europa sudorientale”.

I “Big Four” inviano così il messaggio che questa parte dei Balcani è importante per lui perché i problemi del dialogo tra Belgrado e Pristina, la stabilità della Bosnia ed Erzegovina e la prevenzione del diffondersi dell’influenza negativa russa nella regione sono ancora aperti .

Verde dai giorni di scuola – Manuel Zaracin

Il nuovo inviato tedesco, Zaracin la prima intervista che ha rilasciato nella sua nuova posizione per la Frankfurter Allgemeine Zeitung ha detto di credere nel “futuro ingresso dei Balcani occidentali nell’Unione europea” ma anche che questo fosse un “brutto momento di esitazione”.

Wikipedia

Parlando della decisione della Serbia di non sostenere l’imposizione di sanzioni alla Russia, che l’UE si aspetta da lui, ha affermato di ritenere che anche il presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, consideri poco attraente l’opzione russa.

“E’ nell’interesse della Serbia prendere una posizione chiara”. L’Ucraina mostra cosa può succedere se ti affidi alle promesse della Russia. Credo che questo sia chiaro a tutti a Belgrado. È importante che l’UE definisca chiaramente le aspettative che abbiamo dalla Serbia”, ha aggiunto, come riportato dal portale Ewb.

E sul suo Twitter, nella sua prima reazione alle notizie mainstream, ha affermato che i paesi dei Balcani occidentali non sono solo geograficamente nel cuore dell’Europa, ma sono anche al centro dell’idea di Europa.

È felice dal profondo del suo cuore di lavorare con i partner della zona come inviato speciale.

Zaracin è stato membro del Partito dei Verdi al Bundestag da maggio 2008 a ottobre 2021.

È stato prima il portavoce dei Verdi per l’Europa e poi per l’Europa dell’Est. È entrato a far parte dei Verdi da studente all’età di 16 anni nel 1998.

È nato nel 1982 a Dortmund e vive ad Amburgo dal 1995. Ha studiato storia, studi dell’Europa orientale e diritto, prima all’Università di Brema e poi all’Università di Amburgo.

L’Inghilterra manda il miglior soldato Stuart Peach

E all’inizio di dicembre dello scorso anno, grazie al continuo impegno della Gran Bretagna per la stabilità e la prosperità nella regione, il primo ministro britannico Boris Johnson ha nominato Sir Stuart Peach inviato speciale per i Balcani occidentali.

Peach è subentrato alla carica di presidente del Comitato militare della NATO, ruolo che ricopre dal 2018.

Ha anche servito come capo di stato maggiore del Regno Unito.

Chi è l'inviato speciale per i Balcani occidentali?  3
Foto: EPA-EFE / STEPHANIE LECOCQ

Annunciato durante l’installazione che il suo lavoro includerà, tra l’altro, la promozione di solide istituzioni democratiche e società aperte, contribuendo ad affrontare la criminalità organizzata e grave e altre sfide alla sicurezza comune e incoraggiando la risoluzione di questioni legate al passato come i crimini di guerra e le persone scomparse.

In Bosnia-Erzegovina, le attività di Sir Stewart sosterranno il lavoro dell’Alto rappresentante Christian Schmidt, affrontando tutte le minacce alla stabilità nell’ambito degli accordi di pace di Dayton, e la Serbia e il Kosovo lavoreranno con i partner per sostenere il dialogo e la normalizzazione Serbia-Kosovo. Unione Europea.

Poco dopo la sua nomina, Peach ha visitato Belgrado a metà febbraio. per verificare l’orientamento filo-occidentale della Serbia, come ha scritto Danas.

Dopo un incontro con i rappresentanti della leadership del paese, una breve dichiarazione ha affermato che la sua nomina era un chiaro segno del continuo impegno della Gran Bretagna per la sicurezza, la stabilità e il progresso economico nei Balcani occidentali e che ha sostenuto e sostenuto l’integrazione europea della Serbia.

Dusan Janjic, fondatore del Forum sulle relazioni etniche, ha detto a Danas che questa è la prima volta che la Gran Bretagna ha un inviato nella regione,
Kontakc ha affermato che il primo ministro britannico ha affermato che la regione è in pericolo di violenza armata e questa è stata un’opportunità per prevenirla attraverso la diplomazia, i negoziati e i colloqui con i leader locali.

– Qui vengono selezionate persone che possono comunicare con i leader attuali e che hanno argomenti appropriati nella comunicazione. È molto chiaro per loro che la tua scelta non è la Russia. Se vuoi con la Russia, sei rimosso per l’UE e la NATO. E questo è il meglio che l’Inghilterra può fare – ha concluso Promise.

E Sir Stuart Peach, come nessun altro, aveva disciplina ed esperienza militare.

È un esperto ufficiale dell’intelligence dell’aviazione, capo maresciallo dell’aviazione, ex alto ufficiale della Royal Air Force. È stato comandante della NATO Air Force in Kosovo e Metohija nel 2000.

Dal 2016 al 2018 è stato capo di stato maggiore delle forze armate britanniche.

È nato il 22 febbraio 1956 a Walsall.

La mano forte dell’America – Gabriel Escobar

L’inviato statunitense nei Balcani occidentali Gabriel Escobar ha iniziato a settembre dello scorso anno, in sostituzione di Mayo Palmer.

La sua prima dichiarazione significativa è stata che il presidente serbo Aleksandar Vucic aveva il sostegno degli Stati Uniti fintanto che continua a seguire la rotta europea.

Ha detto ad Al Jazeera dei Balcani che le relazioni tra America e Serbia non sono né buone né cattive, ma complicate, e all’11° Security Forum dell’ottobre dello scorso anno che “gli Stati Uniti non hanno in programma di eleggere un leader nei Balcani”.

– Non voglio deludere alcuni, ma le sanzioni non saranno il nostro strumento principale, non sono una soluzione per i Balcani. La soluzione sono le elezioni e la motivazione dei cittadini e del pubblico a partecipare allo spazio politico. Occorre aprire più spazio al dialogo con la società civile. Indipendentemente dal fatto che i politici capiscano il mio messaggio, credo che il pubblico lo capisca – ha affermato Escobar.

Tuttavia, qualche mese dopo Escobar ha affermato che le sanzioni non erano il principale veicolo per il coinvolgimento degli Stati Uniti nei Balcani occidentali, ma hanno avuto un effetto e continueranno. Dal 5 gennaio, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni al leader serbo in Bosnia ed Erzegovina, Milorad Dodik, e ad altri nella regione, come il vicepresidente della Lista serba Milan Radoicic e l’uomo d’affari del Kosovo settentrionale Zvonko Veselinovic.

Escobar ha affermato che un anno di amministrazione del presidente Joe Biden non ha portato cambiamenti politici significativi, ma che lo sforzo è stato rinnovato per riattivare tutti i meccanismi che funzionavano, e cioè rafforzare Dayton, sostenere e rinnovare il dialogo tra Serbia e Kosovo. e una stretta cooperazione con i partner della NATO, per garantire che possano adempiere ai propri obblighi NATO.

È passato molto tempo ha espresso preoccupazione per l’atteggiamento delle autorità serbe nei confronti delle elezioni e ha sottolineato che le autorità nelle elezioni di aprile “devono riservare un trattamento equo” agli osservatori elettorali, ai media e all’attivismo civico.

Il potente SNS solleva polvere quando era a Washington parla con Dragon Djilas leader del Partito Libertà e Giustizia all’opposizione.

È stato nominato vice capo missione presso l’ambasciata degli Stati Uniti a Belgrado nell’agosto 2019 e fino all’arrivo dell’ambasciatore Anthony Goffrey ha servito come procuratore generale.

Aleksandar Vucic, Gabriel Escobar
foto di FoNet Aleksandar Barda

Questo diplomatico americano in carriera conosce bene la situazione nella regione, dal 1998 al 2001, ha servito quattro mandati consecutivi nell’ex Jugoslavia, comprese le posizioni di Capo di Stato Maggiore presso l’Ufficio dell’Alto Rappresentante a Banja Luka, Capo di Stato Maggiore all’Ambasciata degli Stati Uniti a Banja Luka, Vice Capo di Stato Maggiore della squadra diplomatica di collegamento a Podgorica e capo del dipartimento politico a Belgrado subito dopo la riapertura dell’ambasciata nel 2001, secondo la biografia ufficiale.

Prima di prestare servizio a Belgrado, ha ricoperto incarichi di rilievo presso l’Ambasciata degli Stati Uniti a Baghdad, nonché presso il Dipartimento di Stato e le missioni diplomatiche statunitensi in Bolivia e Pakistan.

Ha anche servito nelle ambasciate a Lisbona, Roma, Praga e Mosca.

Ha ricevuto più volte le più alte onorificenze dal Dipartimento di Stato.

Si è laureato alla Columbia University di New York e parla spagnolo, russo, italiano, serbo, ceco e portoghese, secondo la sua biografia ufficiale.

Nessun progresso finora – Miroslav Lajcak

Nell’aprile 2020, l’ex ministro degli Esteri slovacco Miroslav Lajcak è stato nominato rappresentante speciale dell’UE per il dialogo tra Belgrado e altre questioni regionali relative alla regione dei Balcani occidentali.

“I Balcani occidentali sono sempre stati vicini al mio cuore, ho lavorato a lungo nella regione e con la regione. Sono onorato di essere stato incaricato di questo importante compito. Non vedo l’ora di lavorare con i rappresentanti della Serbia e del Kosovo, capi della delegazione dell’UE e la cooperazione che sono vicini agli Stati Uniti”, ha dichiarato Lajcak sul suo account Twitter.

Pochi mesi dopo, si è recato a Belgrado e Pristina per prepararsi alla continuazione del dialogo, che da allora si è svolto a più riprese senza progressi significativi.

“Ci aspettiamo che prenda una decisione ampia e si chiede: come posso spiegare ai cittadini che gli fa bene?” “Fin dall’inizio, questo processo negoziale è stato collegato alla prospettiva di un paese europeo, e ora Vučić si chiede: quanto otterremo da quella prospettiva europea”, ha detto Lajčák alla Wiener Zeitung austriaca nell’ottobre 2020.

E alla fine del 2021 ha riconosciuto che il dialogo Belgrado-Pristine era difficile e che il calendario politico non sosteneva il dialogo e che moderato ottimismo sul dialogo.

Lajcaj è stato Presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dal 2017 al 2018.

Chi è l'inviato speciale per i Balcani occidentali?  4
Foto: EPA-EFE / ANDREJ UKIĆ

Per quanto riguarda la sua esperienza nella regione, è stato ambasciatore slovacco in Serbia e Montenegro, quindi è stato nominato inviato europeo per il referendum sull’indipendenza del Montenegro e alla fine è stato l’Alto rappresentante in Bosnia ed Erzegovina.
È nato il 20 marzo 1963 a Poprad, in Slovacchia.

Si è laureato in giurisprudenza presso l’Università Comenius di Bratislava.

Si occupa di relazioni internazionali presso l’Istituto statale di diritto internazionale di Mosca. Ha anche studiato presso il Centro George Marshall per gli studi sulla sicurezza europea a Garmisch-Partenkirchen, in Germania.

Dal 1988 è collaboratore del Ministero degli Affari Esteri cecoslovacco.

È stato ambasciatore slovacco in Giappone dal 1994 al 1998.

Tra il 1993 e il 1994 è stato capo del gabinetto del ministro degli Esteri Jozef Moravčik e capo di stato maggiore di Moravčik quando era Primo Ministro della Slovacchia.

Dal 1999 al 2001 è stato assistente di Eduard Kukan, inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per i Balcani. Tra il 2001 e il 2005 Lajcak è stato ambasciatore in FR Jugoslavia, Albania ed ex Repubblica Jugoslava di Macedonia.

Dal 30 giugno 2007 è Alto Rappresentante delle Nazioni Unite per la Bosnia ed Erzegovina, in sostituzione di Christian Schwarz-Schilling.

E il 16 dicembre 2007 è stato nominato “Persona dell’anno” nelle elezioni quotidiane “Nezavisne novine” e due settimane dopo, il 28 dicembre, ha ricevuto lo stesso titolo nelle elezioni “Dnevni Avaz”.

Nel gennaio 2009 è diventato ministro degli Esteri slovacco ed è rimasto in tale posizione fino al 9 luglio 2010.

Nel dicembre dello stesso anno, il Servizio europeo per l’azione esterna lo nomina direttore per la Russia, i Balcani orientali e occidentali.

Parla fluentemente inglese, tedesco, russo, bulgaro e serbo/croato/bosniaco.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.