I serbi fanno causa alla NATO – Alo.rs

Secondo l’avvocato Srdjan Aleksic, che ha intentato causa per conto di circa 3.000 persone, sono in preparazione altre cause contro l’Alleanza in collaborazione con avvocati italiani.

La precedente causa è stata intentata nel gennaio dello scorso anno e inviata all’imputato, vale a dire la NATO, ma non è stata ancora ricevuta risposta, ha detto Aleksić.

La causa contiene tutti i documenti rilevanti, le prove, in inglese e ora è stato dato loro un termine per dichiararsi, ha spiegato Aleksić, osservando che oltre alle due nuove cause, sono in preparazione ulteriori cause.

Alla domanda su chi fossero i querelanti contro l’Alleanza, ha spiegato che finora si sono registrate circa 3.000 persone, serbi, membri dell’esercito serbo, riservisti, civili che erano in Kosovo durante Nato bombardamento.

Inoltre, ha aggiunto Aleksic, la causa è stata scritta in collaborazione con un avvocato italiano, che ha partecipato agli ultimi 250 casi, in cui il tribunale ha deciso di risarcire i soldati italiani che hanno sviluppato una malattia mortale a causa dell’uranio impoverito.

Come ha spiegato Aleksić, si trattava di tumori molto specifici, e in tutti questi casi era evidente la presenza di metalli pesanti nel sangue. Lo stesso, ha proseguito, con i nostri soldati, riservisti, ma anche civili che si trovano in zone di lancio di bombe, ma il loro caso è ancora più difficile.

Le prove erano solide, ha concluso, sostenendo che è su di loro che i tribunali italiani hanno emesso 250 decisioni definitive a favore dei soldati italiani che si trovavano in Kosovo e Metohija durante i bombardamenti della NATO.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.