I professionisti del calcio brasiliano in Ucraina chiedono aiuto

Kiev. Dopo l’attacco della Russia, un gruppo di calciatori brasiliani in Ucraina ha chiesto aiuto.

“Chiediamo il sostegno del governo brasiliano”, ha detto Marlon Santos dello Shakhtar Donetsk in Brasile in un video sul suo account Instagram. In esso si vede – ovviamente in un albergo – con altri giocatori, donne e talvolta bambini. “A causa della mancanza di carburante, delle frontiere chiuse e dello spazio aereo chiuso, non possiamo lasciare il Paese”, ha affermato. Una delle signore ha detto che non sapevano se avrebbero mangiato.

Più di 30 giocatori brasiliani sono sotto contratto con i migliori club ucraini, 12 solo con lo Shakhtar Donetsk. Club come i campioni del sorteggio non giocano nel loro paese d’origine nella regione separatista filo-russa dell’Ucraina orientale da diversi anni. I giocatori e gli allenatori dello Shakhtar vivono e si allenano nella capitale, Kiev.

Secondo i media, la squadra italiana e l’allenatore Roberto De Zerbi sono intrappolati in un hotel lì. La Federcalcio ucraina ha sospeso le partite della prima divisione. Infatti, le partite di Premier League avrebbero dovuto riprendere il 25 febbraio dopo la pausa invernale.

Nonostante l’attuale conflitto, Roberto De Zerbi resta in Ucraina. “L’ambasciata italiana ci ha detto di partire, ma da sportivo non posso ignorare i club e il calcio”, ha detto al telefono l’italiano all’agenzia di stampa Italpress. Secondo la sua stessa dichiarazione, il 42enne bresciano si trovava in un albergo. “È una brutta giornata”, ha detto, aggiungendo: “L’esplosione ci ha svegliati la scorsa notte”. Almeno per ora, De Zerbi non crede di essere in pericolo.

© dpa-infocom, dpa:220224-99-268321/3

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.