Finalissima contro l’Italia: l’Argentina si sente campione del mondo – Sport

Si dice che gli argentini abbiano un’incredibile fiducia in se stessi; lo si riconosce, tra l’altro, in una serie di battute che, se da un lato prevenute, dall’altro hanno un tale nucleo di verità da aver ricevuto la più alta benedizione immaginabile. Anche papa Francesco, argentino, ne ha recitato uno, tra cui questo: “Sapete come si suicida un argentino?” chiese il Papa a margine di un viaggio in Messico, e risolse l’enigma: il suo ego e si gettò a terra”.

Cosa c’entra questo con il calcio? Bene, l’Argentina si sente nuovamente campione del mondo dopo una vittoria prestigiosa.

La nazionale argentina ha giocato mercoledì nella cattedrale di Londra chiamata Wembley e, in quanto attuale vincitrice della Copa America, ha vinto la “Coppa dei Campioni” intercontinentale con un impressionante 3-0 sull’Italia campione d’Europa. Un simile duello era già accaduto due volte nella storia. Nel 1985, la Francia ha battuto l’Uruguay 2-0 a Parigi; Nel 1993 l’Argentina ha battuto la Danimarca 5-4 ai rigori a Mar del Plata. È stato l’ultimo trofeo che Diego Maradona, morto nel novembre 2020, è stato nominato capitano dell’Argentina, e ovviamente Maradona era presente mercoledì, tra l’altro.

Certo, con l’Argentina si tratta sempre di Diego Maradona

Quando il trofeo è stato portato in campo prima della partita, il padrone di casa era anche dietro Benjamín Agüero, figlio dell’ex giocatore professionista Sergio Agüero e nipote di: Maradona. La canzone dei fan è stata aggiornata; Laddove si diceva che Maradona fosse più alto di Pelé, ora si dice che sia “más grande que Isabel”, cioè come la regina Elisabetta. E poi, naturalmente, c’è lo stendardo che ricorda Maradona e punta al presente: “Con Dio in cielo, con Dio in terra”.

Lionel Messi, che ha recentemente riferito dello stato quasi paranormale del suo omaggio alla morte di Maradona, è sembrato da tempo all’Argentina come Dio in terra. Ricordiamo che, pochi giorni dopo la morte di Maradona, Messi ha infilato una maglia degli Old Boys di Newell sotto la maglia del suo club di allora, l’FC Barcelona; Messi è cresciuto al Newell’s, mentre Maradona è entrato a far parte del club del Rosario verso la fine della sua carriera. Messi ha detto che la maglia era appena apparsa davanti a lui. Mentre si chiede come rendere omaggio a Maradona, una porta della sua casa che è sempre stata misteriosamente chiusa a chiave viene lasciata aperta. E quando ha guardato attraverso la fessura, i suoi occhi sono caduti sulla maglia rossonera di Newell, che non sapeva nemmeno di avere più.

La sua esibizione a Wembley mercoledì è stata un altro tributo a Maradona: Messi ha giocato, sì, come un angelo.

Il modo in cui ha alimentato Lautaro Martínez per l’1-0, superando il difensore italiano Giovanni Di Lorenzo, dribblando fino alla linea di fondo e poi ha visto Lautaro Martínez meglio piazzato nell’area delle sei yard è stato di per sé uno spettacolo. Poi ngel Di María (45′) e Paulo Dybala (90’+4′) hanno segnato il 3-0. “L’Argentina ha inviato un messaggio al mondo”, ha commentato il quotidiano La Nazione a Buenos Aires.

Esso Urbi et orbi l’argentino ha riassunto per capitan Messi: “Possiamo affrontare chiunque”. Il fatto: sotto la guida dell’allenatore di fortuna Lionel Scaloni, 44 anni, ingaggiato nel 2018, la squadra è maturata così tanto che non solo ha vinto la Copa America 2021 in Brasile (!), ma ha anche fatto 32 partite senza sconfitte.

L’Argentina era stata una rivelazione nelle qualificazioni ai Mondiali in Qatar, l’incertezza derivante unicamente dal fatto che Messi & Co non giocavano un duello con l’Europa da anni. Ora i campioni d’Europa sono stati eliminati dal campo – meno di un anno dopo il trionfo dell’Italia nella finale degli Europei di Wembley contro l’Inghilterra, e anche quando il campione di lunga data Giorgio Chiellini si è detto addio. Dopo 117 partite internazionali, ha giocato la sua ultima partita per Squadra Azzurra. La precedente partita contro una squadra europea è stata un’amichevole 2-2 tra Argentina e Germania a Dortmund nell’ottobre 2019.

“Dobbiamo tenere la testa bassa ora… ehm, scusa, con i piedi”, ha detto Di María, ridendo come se avesse sentito una bella battuta argentina. Ad esempio, quella che il Papa ha detto personalmente a Rafael Correa, l’ex presidente dell’Ecuador: “La gente è sorpresa che abbia scelto il nome Francesco. Aspettavano Gesù II”. Ad ogni modo: se pensi di avere angeli, dei e balene in tasca ai Mondiali, puoi contare su questo. Amen.

Correzione: in una versione precedente di questo articolo, avevamo erroneamente scritto che l’Italia aveva vinto la finale di Euro 2021 contro la Spagna. È vero che l’Inghilterra è andata in finale e ha perso contro l’Italia ai rigori; La Spagna ha perso contro l’Italia nella prima semifinale.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.