Duplantis ha vinto il titolo mondiale con un record di 621 cm, la staffetta ceca è stata l’ottava

Eugene (USA) – Il saltatore con l’asta Armand Duplantis sta disputando un campionato di fiabe a Eugene. L’americano nato con i colori svedesi ha vinto il titolo mondiale, che era l’ultima cosa che gli mancava nella collezione del trofeo, e in seguito ha impreziosito la sua performance con un record mondiale assoluto di 621 centimetri. Ha aumentato di cinque centimetri la migliore prestazione all’aperto. L’ultima giornata di campionato ha visto la partecipazione della terza ceca alla finale. Il quartetto a staffetta composto da Matěj Krsek, Pavel Maslák, Michal Desenský e Patrik Orm ha portato il record ceco a 3:01.63 e ha preso l’ottavo posto.

Il ventiduenne Duplantis entra nelle statistiche storiche per la quarta volta in questa stagione. In sala al meeting e poi al WC di Belgrado, ha gradualmente spostato il record del mondo a 620 cm. Poco prima dei Mondiali nella Diamond League di Stoccolma ha creato un massimo storico all’aperto con una prestazione di 616 cm, e ora ad Eugene fa un punto fermo dopo il campionato aumentando il massimo assoluto.

Al primo tentativo Duplantis ha solo guardato la traversa, ma la seconda volta l’ha incrociata con sicurezza. Secondo le classifiche televisive, il fenomenale svedese ha una riserva di quasi quindici centimetri. “Pensi inconsciamente ai record mondiali, ma oggi ero davvero concentrato sulla vittoria. Volevo davvero questo oro. Era una medaglia che mi mancava”, ha detto Duplantis. “Ero piuttosto stanco in quel momento, ma il pubblico mi ha svegliato ancora una volta”, ha aggiunto.

Alla fine, i quarti di finale cechi hanno avuto otto rivali in finale, poiché l’arbitro ha incluso anche il Botswana nella corsa alle medaglie, che era in posizione non progressiva davanti alla carambola nel passaggio. I cechi hanno lasciato la Polonia e hanno eguagliato il lanciatore di giavellotto Nikola Ogrodníková, che è il secondo miglior risultato dei cechi in questo campionato dopo il bronzo Jakub Vadlejch.

Anche il tempo di 3:01.63 è stato del 79% migliore della loro prestazione dall’inizio e allo stesso tempo del record ceco, ottenuto lo scorso anno nel primo campionato europeo a squadre dal quartetto, dove Jan Tesař e Vít Müller erano nel primo e nel terzo. “Nessuno ha rovinato tutto, ci siamo divertiti moltissimo, un record nazionale. Ma non ci vorrà molto, l’Europa tra tre settimane”, ha detto Maslák alla televisione ceca. In termini di risultati, avrebbe preferito vedere il quartetto ceco un posto più in alto. “Avrebbe dovuto essere settimo, ma il Botswana è arrivato in finale automaticamente quasi senza correre”, ha detto.

Nella finale, dominata dall’America, i cechi sono stati la terza staffetta europea dietro il bronzo vincitore del Belgio e la settima Francia. Questo dà loro grandi speranze per i Campionati Europei di Monaco di Baviera ad agosto. “Dobbiamo prepararci, riadattarci. Spagna e Inghilterra sono perse qui, la competizione sarà grandiosa lì”, ha detto Desenský.

La staffetta femminile è stata vinta anche dal quartetto della squadra di casa degli Stati Uniti, dietro il quale è arrivata Sydney McLaughlin, detentrice del record mondiale di ostacoli. Il leggendario Allyson Felix, che ha aiutato nella rincorsa, ha così una medaglia per il 20° anniversario della Coppa del Mondo e una 14a medaglia d’oro. “Quando (Felix) è tornato ieri ho pensato, andiamo avanti e ne valga la pena. Sono felice per la sua incredibile carriera”, ha detto McLaughlin.

Jiří Sýkora ha concluso il decathlon al tredicesimo posto con 8107 punti. Dopo una prima giornata senza successo domenica, ha brillato nel discus, dove ha ottenuto la migliore prestazione di decatleta nella storia del WC con 54,39 yard ed è entrato nella top ten. Ma poi si è infortunato quando la sua barra si è rotta durante il tentativo di apertura a 480 cm. Ha lasciato il settore con solo un’altezza di base di 460, ma anche con una mano sinistra paralizzata ha completato il giavellotto e l’ultimo quindicesimo giro. Alla fine, era vicino a un record personale di quindici punti.

Il detentore del record mondiale Kévin Mayer è diventato campione del mondo per la seconda volta nella sua carriera. Ha vinto titoli nel salto con l’asta (540) e nel giavellotto (70.31), conducendo e mantenendo il comando negli ultimi 15 metri. Ha segnato 8816 punti e ha seguito la vittoria del WC 2017.

Tobi Amunová conferma la posizione di detentore del nuovo record mondiale stabilito nella finale dei 100 metri a ostacoli. Il velocista nigeriano ha segnato 12,12 secondi in semifinale, e in finale ha volato seicento secondi più veloce, ma lì era già un passo avanti al suo record di tutti i tempi perché i venti erano troppo forti per lui. posteriore 2,5 m/s. Dopo il quarto posto ai WC 2019 e alle Olimpiadi dello scorso anno, ha vinto il suo primo grande metallo prezioso. “L’obiettivo è portare a casa l’oro, il record è un bonus”, ha detto Amusan.

Jakob Ingebrigtsen è diventato campione del mondo nei 5.000 metri. La stella norvegese ha guadagnato un gusto per l’argento dal 1500, dove è stato sorprendentemente battuto dal britannico Jake Wightman e ha vinto la sua seconda medaglia. Per i campioni d’Europa 2018, questa è la prima medaglia mondiale a una distanza di cinque chilometri.

Per la prima volta in questa stagione, l’ottagono ha visto un incontro dal vivo tra la donna olimpica dell’anno dello scorso anno a Tokyo, casa di Athing Mu, e la britannica Keela Hodgkinson. Come alle Olimpiadi, la donna americana era più brava a duellare contro una ventenne. Sul traguardo ha respinto l’assalto dei suoi rivali europei e ha vinto per ottocento nel miglior tempo mondiale della stagione con 1:56.30.

La campionessa olimpica tedesca Malaika Mihambová ha difeso il suo titolo mondiale sulla lunga distanza con una prestazione di 712 centimetri.

Duplantis completa la collezione, secondo suo padre può saltare 640 cm

Il saltatore con l’asta svedese Armand Duplantis ha completato una collezione di vittorie in grandi eventi all’età di 22 anni. Al titolo di vincitore olimpico e campione d’Europa, ha aggiunto la medaglia d’oro dei mondiali di Eugene di domenica, oltre al record mondiale di 621 centimetri. Nella stanza c’erano anche il campione continentale e mondiale in carica, i nativi americani, e ha tenuto fede alla sua reputazione di prodigio e affermato super talento nella categoria giovanile, quando ha vinto i campionati del mondo juniores, così come gli europei junior e campioni del mondo.

“Incredibile, non posso lamentarmi”, ha detto Duplantis con un sorriso caratteristico sul viso poco dopo aver realizzato il suo famoso punto dietro il campionato del mondo a Eugene. Ha vinto la competizione dopo essere stato l’unico a superare i 600 cm, poi ha anche stabilito un record di campionato per la prima volta saltando 606 e infine allo stadio Hayward Field, dove mentre tutte le altre competizioni erano terminate, ha anche saltato. al secondo tentativo oltre 621. Ha aumentato di un centimetro il suo massimo assoluto precedente, che ha stabilito a marzo nel WC indoor di Belgrado.

“Pensi inconsciamente ai record del mondo, ma oggi ero davvero concentrato sulla vittoria. Questa volta non ci ho pensato troppo. Volevo davvero questo oro, ovviamente. Era una medaglia che mi sono perso”, ha detto Duplantis. “Ero piuttosto stanco in quel momento, ma il pubblico mi ha svegliato ancora una volta”, ha aggiunto.

Ha condiviso la sua eccitazione con il pubblico entusiasta del pubblico subito dopo il salto record. Salta selvaggiamente, “taglia” una capriola in avanti sulla pista e, nonostante le sue mosse vincenti, a un certo punto sembra stringersi la testa incredulo. E ha anche ricevuto un bacio dalla ragazza di Desire Inglander e ha finito per abbracciarla. “È arrivato come un’aggiunta dalla Svezia, quindi ho dovuto fare qualcosa di speciale”, ha detto Duplantis.

E in futuro ci si può aspettare da lui prestazioni eccellenti. Duplantis ha superato i sei metri come su un tapis roulant, quest’anno ha fallito solo una volta su cinque partenze all’aperto, nella stagione indoor lo ha fatto in tutti e sette i casi. E la riserva senza precedenti durante il salto da record di Eugene – secondo le classifiche televisive, quasi quindici centimetri – mostra che non sta raggiungendo i limiti delle sue possibilità.

“Può saltare 640”, dice suo padre e allenatore personale, Greg Duplantis. Il popolare “Mondo” è più attento a tali previsioni. “Non riesco ancora a indovinare”, ha detto. “Ma ora è il momento di bere una birra e trascorrere del tempo con la famiglia e gli amici”, ha aggiunto.

Risultati atletiche:

Finale:

Uomo:

5000 m: 1. J. Ingebrigtsen (Nor.) 13:09.24, 2. Krop (Kenya) 13:09.98, 3. Chelimo (Ug.) 13:10.20, 4. Grijalva (Guat.) 13:10, 44, 5. Ahmed (Can.) 13:10.46, 6. Fisher (USA) 13:11.65, 7. Kipkorir (Kenya) 13:11.97, 8. Kejelcha (et.) 13:12,09.

Bastone: 1. Duplantis (Svezia) 621 – record mondiale, 2. Nilsen (USA), 3. Obiena (Filip.) entrambi 594, 4. Braz (Brasile), 5. Zernikel (Germania) e R. Lavillenie (Fr.) , 7. Lita Bähre (Germania) tutti 587, 8. Sasma (Tour.) 580.

Decathlon: 1. Mayer 8816 (100m: 10.62 – distanza: 754 – tiro: 14.98 – altezza: 205 – 400m: 49.40 – 110m volo: 13.92 – disco: 49.44 – albero: 540 – giavellotto: 70.31 – 1500 m: 4:41,44 ) , 2. Lepage (Can.) 8701 (10.39 – 754 – 14.83 – 199 – 46.84 – 13.78 – 53.26 – 500 – 57 ,52 – 4:42.77), 3. Ziemek (USA) 8676 (10.57 – 770 – 15.37 – 208 – 49.56 – 14.47 – 48.40 – 540 – 62, 18 – 4: 44.97), 4. Owens-Delerme (Portor.) 8532, 5. Victor (Gren.) 8474, 6. Kaul (Germania) 8434, 7. Uibo (Est. ) 8425, 8. Dubler (Aust.) 8246 , …13. Pettoe (CZ) 8107 (11.11 – 714 – 14.89 – 193 – 49.29 – 14.14 – 54.39 – 460 – 61.49 – 4:55.90)

4x400m: 1. USA (Godwin, Norman, Deadmon, Allison) 2:56.17, 2. Giamaica (Bloomfield, Allen, Powell, Taylor) 2:58.58, 3. Belgio (D. Borlée, Watrin, Doom, K. Borlée) 2: 58.72, 4. Giappone 2:59.51, 5. Trinidad e Tobago 3:00.03, 6. Botswana 3:00.14, 7. Francia 3:01.35, 8. CR (Krsek, Maslák, Desensk, orm) 3:01.63 – Record ceco.

Donna:

800 metri: 1. Mu (USA) 1:56.30, 2. Hodgkinson (UK) 1:56.38, 3. Moraa (Kenya) 1:56.71, 4. Welteji (et.) 1:57.02, 5. Goule (Ora) 1: 57.90, 6. Rogers (USA) 1:58.26, 7. Horvat (Slovenia) 1:59.83, 8. Wilson (USA) 2:00.19.

100 m (vento +2.5 m/s): 1. Amusan (Nig.) 12.06, 2. Anderson (H.), 3. Camachová-Quinn (Portor.) entrambi 12.23, 4. Armstrong (USA) 12.31, 5. Sember ( Ing.) 12.38, 6. Williams (H.) 12.44, 7. Charlton (Bah.) 12.53.

Distanza: 1. Mihambová (Germania) 712, 2. Brumeová (Nig.) 702, 3. Orová Melová (Bras.) 689, 4. Burksová (USA) 688, 5. Buschkuehlová (Aust.), 6. Sagniaová (Svezia) entrambi 687, 7. Vuletaová (serb.) 684, 8. Bechová-Romančuková (Ucraina) 682.

4x400m: 1. USA (Diggs, Steiner, Wilson, McLaughlin) 3:17.79, 2. Giamaica (McLeod, Russell, McPherson, Young) 3:20.74, 3. Inghilterra (Ohuruogu, Yergin, Knight, Nielsen) 3:22.64, 4. Canada 3:25.18, 5. Francia 3:25.81, 6. Belgio 3:26.29, 7. Italia 3:26.45, 8. Svizzera 3:27.81.

Riscaldamento e qualificazione:

Donna:

100 m rana – semifinali: 1. Amunová 12.12 – record mondiale.

finale di atletica

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.