Dani Alves: non accetterò l’offerta di Bartomeu

Il Barcellona ha riacquistato la sua grandezza con il nuovo presidente Joan Laporta. Ne è convinto Dani Alves, che ha rilasciato un’intervista ad Alkass Sports Channel. Ha parlato del suo ritorno al Barcellona e anche di alcuni personaggi legati al club catalano.

Quasi poche settimane fa, alcuni pensavano che Dani Alves potesse tornare nella capitale catalana. È stato del tutto inaspettato, ma allo stesso tempo una grande notizia per tutti i fan. Il 38enne sentiva che un giorno sarebbe tornato al Barcellona e, nonostante lo shock della gente, lo ha fatto. Crede che tutti nella squadra debbano lavorare per ricostruire un grande Barcellona e abbiano bisogno di stabilità.

Ha anche ammesso che se Josep Maria Bartomeu fosse ancora presidente del club, non sarebbe mai tornato. “Non accetterò una sua offerta. Me ne sono andato quando era presidente, non ha senso lavorare di nuovo con lui”. ha confessato in un’intervista.

Secondo alcuni rapporti, Alves è stato recentemente respinto da Bartomeu. Il presidente era stato precedentemente contattato dal Brasile stesso nel maggio 2019. Bartomeu ha detto che non era un problema, ma aveva bisogno di parlare con Eric Abidal, che all’epoca era responsabile del dipartimento sportivo.

Dani ha sempre voluto tornare a giocare ai Mondiali del 2022 come giocatore del Barcellona. Incoraggia tutti a liberarsi dell’orgoglio perché hanno bisogno l’uno dell’altro.

Dani crede nel successo del vecchio-nuovo presidente

Dani, invece, cita l’attuale presidente, che conosce bene sin dal suo primo mandato in Catalogna. “Laporta ricostruirà il club e questo riporterà stabilità. Siamo felici che sia con noi”. parlare tramite WhatsApp.

Era assolutamente chiaro se stava pensando di tornare. I brasiliani pensano che non ha senso tornare bene al Barcellona, ​​perché poi alcuni giocatori diventano inutili. Dani è tornato al club per aiutarlo a tornare al suo ex apice.

Da quando se ne è andato, è stato continuamente cercato il suo sostituto sul lato destro della difesa. Lo stesso Alves ha ora commentato questo. “Penso che per alcune persone sia difficile fare ciò che altri hanno fatto prima. Dobbiamo fare del nostro meglio. Il Barcellona è un altro club, devi essere un giocatore che capisce la filosofia del club. Molti giocatori non capiscono”. tradito.

Allo stesso tempo, non ha dimenticato il più grande concorrente del suo club, ovvero il Real Madrid. “Florentino Pérez difende gli interessi del Real Madrid. Una guida di successo non può essere paragonata a una cattiva guida. Molto dipende dal presidente”. ha detto nel suo racconto.

Ha anche ammesso che la partenza di Messi è stata difficile. Il club ha problemi ed è quindi difficile da mantenere o da fermare. Dani è sempre stato contrario alla sua partenza perché è una leggenda vivente del Barcellona. Purtroppo le cose non sono andate come volevano tutti al Barcellona. Il difensore brasiliano ha anche espresso il desiderio di continuare la proficua collaborazione con il fuoriclasse argentino.

La fortunata collaborazione Alves-Xavi continuerà?

Dietro il suo ritorno al Barcellona c’era anche Xavi, ex compagno di squadra e attuale allenatore. Alves è felice di lavorare di nuovo con lui, poiché scrivono storie insieme mentre giocano insieme. “Tornare al club in queste condizioni è un’altra sfida. Amiamo così tanto questo club che siamo tornati per aiutare”. disse eccitato.

Manca ancora tempo alle nomination per la finale del Mondiale in Qatar, ma lo stesso Alves non dimentica i prossimi campionati. Secondo l’ex giocatore della Juventus o del Paris Saint-Germain, sarà un grande e speciale evento. La sua attenzione durante le sue numerose visite nel paese asiatico è stata attirata dalla generosità della gente e dal rispetto per gli ospiti, poiché si dice che gli ospiti siano accolti in modo speciale.

Inoltre, è tornato al torneo completato di Copa América, dove il suo paese ha perso in finale contro l’Argentina. Ha sempre voluto che i suoi amici vincessero la Copa America se il Brasile non l’avesse vinta. Non si poteva dire che fosse felice quando Messi ha battuto il Brasile.

“Sono felice che Messi abbia vinto il titolo perché sognava da tempo di vincerlo con la nazionale argentina”. disse alla fine dell’intervista.

Fonte: cartello

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *