Cosa può imparare il calcio tedesco da Italia e Inghilterra? – Sport

Quando Hansi Flick è stato davanti ai suoi giocatori nello spogliatoio dell’FC Bayern nel novembre 2019, ha detto: so che sei una buona squadra. So che puoi giocare molto meglio dell’ultima volta. L’allenatore ad interim Flick ha poi detto ai giocatori che voleva giocare in modo completamente diverso dal suo predecessore Niko Kovac, ha spiegato brevemente le basi della nuova idea, quindi sono andati tutti insieme e hanno fatto una buona sessione di allenamento. Due giorni dopo hanno battuto l’Olympiacos Pireo 2-0 in Champions League, tre giorni dopo hanno tirato fuori dal campo il Borussia Dortmund 4-0. La favola ha inizio. 34 partite dopo, Flick ei suoi giocatori hanno vinto gli alti.

C’era una volta. Sarà di nuovo così nel prossimo futuro?

Il nuovo allenatore della nazionale Hansi Flick può copia incolla premere quando tornerà davanti ai suoi giocatori a fine agosto, ma forse dovrebbe tirare fuori qualche frase nuova. Il pericolo che sarebbe stato catturato nel suo stesso plagio era troppo grande. Flick troverà alcuni testimoni oculari in quel momento negli spogliatoi della nazionale, Manuel Neuer, Joshua Kimmich, Leon Goretzka, Serge Gnabry, Niklas Süle e forse Thomas Müller. Potresti dire, Hey Coach, l’abbiamo già sentito! D’altra parte, perché non ci è permesso ripeterci quando è la verità?

Flick crede che la nazionale sia una buona squadra. Era fiducioso di poter giocare molto meglio dell’ultima volta.

Nel fine settimana dell’ultimo torneo, la squadra della DFB non ha avuto a lungo nulla a che fare con questo evento sportivo, la cui finale si sta svolgendo ora allo stadio di Wembley, il santuario dove la squadra tedesca è morta profana più di una settimana e mezzo fa . Non si può davvero dire che fosse fuori, ci vorrebbe una partita di calcio con una sorta di drammaturgia, ma la Germania è appena uscita dopo 90 minuti.

La Germania non può fare di meglio in questo momento o ha appena perso il suo potenziale?

Ora che il torneo mette le ultime due squadre a meritare questa finale, vale la pena guardare indietro allo stadio di Wembley e affrontare Joshua Kimmich. Kimmich può sembrare così feroce che alla gente piace dimenticare la persona intrinsecamente allegra dietro di lui, a volte Kimmich esulta così tanto che si spaventa come uno spregevole compagno di squadra. Ma Kimmich non è così conosciuto come dopo 0:2 negli ultimi 16. Una volta che è stato visto appoggiarsi alla spalla di Manuel Neuer, un’altra volta l’anziano Mats Hummels lo ha sostenuto. Kimmich pianse, un pianto dolce e spaventoso.

Dal punto di vista di un giocatore, potrebbe essere davvero deludente che la squadra tedesca stia scommettendo il diritto per questa finale contro l’Inghilterra. Per una finale dove avrebbe potuto essere.

Da allora, la grande domanda è stata se la Germania non può fare di meglio o se non può. I giocatori hanno risposto a lungo a questa domanda da soli, come mostrano le lacrime di Kimmich. Per ogni evenienza, Thomas Müller e Mats Hummels hanno aggiunto un piccolo testo all’immagine a goccia. “La squadra ha la qualità, la volontà e l’etica del lavoro per ricostruire vecchi successi”, ha scritto Thomas Müller in una newsletter che sembrava appartenere al servizio di accompagnamento dell’emittente “Radio Müller”. Mats Hummels su Instagram ancora di più: “Penso che abbiamo le carte in regola per vincere questo torneo”, ha scritto sull’autobus della squadra al ritorno dallo stadio. Persino il direttore della DFB Oliver Bierhoff, che secondo la gerarchia dell’associazione era responsabile della permanenza in carica di Jogi Löw a tempo indeterminato, ha definito il britannico “battibile” il giorno successivo.

Ecco perché Kimmich piange: lamenta un’occasione mancata. Apparentemente i giocatori la vedevano in questo modo, che un torneo veniva assegnato qui, e non da loro.

I tedeschi possono fare quello che fanno gli italiani e gli inglesi

La cosa grandiosa di questo Campionato Europeo è che non è un torneo degli eroi. Né Cristiano Ronaldo ha dirottato i titoli dei giornali, né Paul Pogba né Kylian Mbappe da soli hanno portato il loro paese alla finale e l’unico a cui sarebbe stato attribuito il merito di averlo fatto – il belga Kevin de Bruyne – non sta bene. Protagonista del torneo è stato l’allenatore che ha formato la squadra finale, l’italiano Roberto Mancini, l’inglese Gareth Southgate. In questo contesto, i contributi di Müller, Hummels e Bierhoff sembrano lettere a Jogi Löw: avremmo potuto farcela, bravi allenatori, con allenatori diversi. Oppure con lo stesso allenatore, ma poi con un allenatore diverso.

I tedeschi avrebbero potuto fare quello che hanno fatto gli italiani e gli inglesi, o meglio: l’hanno fatto anche qualche settimana fa in un luogo diverso. Alla Coppa dei Campioni U21, la selezione DFB ha mostrato tutte le caratteristiche di cui il calcio tedesco ha bisogno in un torneo. La Germania non ha il massimo del genio in rosa in alcun modo, è l’Italia del torneo U21. Hanno giocato con un sistema coerente, ogni giocatore ha giocato nella sua posizione migliore, tutto sembrava liscio e ben allenato e lo spirito di squadra che ha creduto nei piani dell’allenatore era evidente quasi ogni secondo. E sì, anche quello: l’allenatore Stefan Kuntz non si allena in modo ostinato contro tendenze come Jogi Löw, che ha sostituito Kai Havertz contro l’Ungheria dopo un gol e quindi ha rotto l’onda, invece ci ha cavalcato.

Imparare dall’Italia e dall’Inghilterra significa, prima di tutto, non allenarsi contro la natura delle squadre nei tornei, ovvero non prendere undici tempeste, come ha fatto Löw, ovviamente con le migliori intenzioni. Ma questo EM mostra ben oltre il formato del torneo, formula anche ordini per la sacra DFB Academy, da cui Oliver Bierhoff spera almeno di salvare il mondo. Il torneo prevede giocatori che prendono deviazioni come lo spagnolo Dani Olmo, che ha lasciato le giovanili del Barcellona all’età di 16 anni per giocare in Croazia; brillano i giocatori che si sono sviluppati in nicchia al Sassuolo (Manuel Locatelli, Domenico Berardi) o al Mödling (Sasa Kalajdzic); Hanno brillato anche le ultime reclute come Leonardo Spinazzola dall’Italia, Kalvin Phillips dall’Inghilterra e Robin Gosens dalla Germania di Bergamo. Il torneo può essere letto come un appello a non vedere l’accademia come un organo di controllo con autorità tattica, ma a consentire un secondo percorso educativo. E non cancellare i giocatori o rieducarli in senso egualitario quando a 14 o 16 anni potevano sembrare difensori magri o centravanti tesi. Proprio come uno specialista che Löw potrebbe usare nei tornei.

La Coppa del Mondo in Qatar inizierà tra 15 mesi, troppo presto per riflettere una strategia giovanile in evoluzione. Ma per non allenare la forza degli undici e lasciare che i giocatori perdessero di nuovo il controllo, in realtà era abbastanza.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.