Vertice drammatico dell’UE mentre la Russia bombarda l’Ucraina

Il Consiglio d’Europa si riunisce alle 21:00 ora greca a Bruxelles, quando le truppe di Vladimir Putin hanno bombardato le città ucraine, minacciando la sicurezza dell’Euro-Atlantico.

Leggi tutti gli sviluppi sul BLOG LIVE della CNN greca

“L’Unione europea è unita e impegnata nei confronti dei suoi alleati. Per rendere conto alla Russia, per sostenere l’Ucraina e per proteggere la pace in Europa. “Sosteniamo tutti i paesi che vogliono sostenere regole basate sull’ordine internazionale”, ha affermato il presidente del Consiglio europeo Charles Michele.

La dichiarazione è stata resa in una conferenza stampa congiunta con il Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberge Presidente della Commissione, Ursula von der Leyenil che suggerisce che un nuovo pacchetto di sanzioni europee contro la Russia “ricoprirà” sanzioni finanziarie che è molto limitante L’accesso della Russia ai mercati dei capitali».

“Questa sanzione avrà un grave impatto [στη Ρωσία]. L’economia russa è stata sottoposta a forti pressioni nelle ultime settimane. “Essi ostacoleranno la sua crescita economica”, ha affermato von der Leyen, aggiungendo che “il secondo pilastro principale delle sanzioni è limitare l’accesso della Russia alle tecnologie essenziali”.

“Le nostre misure indeboliranno la posizione tecnologica della Russia nelle aree chiave, dove l’élite ottiene la maggior parte dei soldi”, ha detto, aggiungendo che “il presidente Putin dovrebbe spiegarlo al suo popolo”. “So che il popolo russo non vuole questa guerra”.

Intervenendo dal quartier generale della NATO a Bruxelles, Ursula von der Leyen ha dichiarato: “L’Unione Europea e la NATO hanno lavorato a stretto contatto e questa crisi ci avvicinerà. È nostro dovere collettivo contrastare il più grave attacco al suolo europeo degli ultimi decenni. è nostro la più grande forza.”

“Putin ha riportato la guerra in Europa e ne sarà ritenuto responsabile”, ha detto.

Borrell: la Russia sarà ritenuta responsabile

La Russia si assume la piena responsabilità di questo attacco e di tutti i danni e perdite di vite umane che ha causato. Sarà ritenuto responsabile delle sue azioni, ha affermato Josep Borrell in una dichiarazione rilasciata dall’Unione europea.

Ha sottolineato che la risposta dell’UE includerebbe misure restrittive settoriali e individuali, pienamente coordinate con i nostri partner transatlantici e partner che la pensano allo stesso modo.

In particolare, la dichiarazione dell’Alto rappresentante ha osservato che “l’Unione europea condanna fermamente l’invasione non provocata dell’Ucraina da parte delle forze armate della Federazione Russa. “Condanniamo anche il coinvolgimento della Bielorussia in questo attacco in Ucraina e la invitiamo a rispettare la sua obblighi”.

“Esortiamo il presidente Putin a sospendere immediatamente tutte le operazioni militari russe e a ritirare incondizionatamente tutte le truppe e l’equipaggiamento militare da tutta l’Ucraina. La Russia si assume la piena responsabilità di questo attacco e di tutti i danni e la perdita di vite umane che ha causato. “Sarà ritenuto responsabile per le sue azioni».

Allo stesso tempo, Borel ha sottolineato che “l’attacco militare della Russia all’Ucraina – uno stato indipendente e sovrano – è una chiara violazione del diritto internazionale e dei principi di base su cui si basa l’ordine basato sulle regole internazionali”.

“L’Unione Europea, insieme ai suoi partner transatlantici e affini, è unita in uno sforzo senza precedenti per trovare una soluzione diplomatica alla crisi della sicurezza in Russia. La Russia non ha reagito contro questi sforzi e ha invece optato unilateralmente per un serio e deliberato escalation.

Macron: La libertà dell’Ucraina è anche nostra

Scegliendo la guerra, il presidente Putin non ha semplicemente attaccato l’Ucraina. “Ha deciso di compiere il più grave attacco alla pace, alla stabilità in Europa da decenni”, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron in un discorso televisivo al popolo francese.

Macron ha riaffermato il sostegno della Francia all’Ucraina, parlando davanti alla bandiera ucraina, così come alle bandiere della Francia e dell’Unione Europea.

Ha iniziato il suo discorso salutando il coraggio e la determinazione del popolo ucraino.

“La loro libertà è nostra”, ha detto.

“Chiederemo alla Russia di tenere un discorso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”, ha detto il presidente francese, aggiungendo che le sanzioni contro di lui sarebbero commisurate ai suoi crimini di guerra.

“Sosterremo la democrazia e la libertà”, ha detto Macron.

“Questi eventi sono un punto di svolta nella storia dell’Europa e del nostro Paese. Avranno conseguenze permanenti e di vasta portata nelle nostre vite, nella geopolitica del nostro continente”.

Ha affermato che le sanzioni europee prenderanno di mira i settori militare, economico ed energetico della Russia e che parlerà domani, venerdì, al parlamento francese, con maggiori informazioni sulla risposta della Francia.

Draghi: Chiediamo il ritiro immediato e incondizionato delle truppe russe dall’Ucraina

Il primo ministro italiano Mario Draghi, in un discorso televisivo, ha fatto riferimento all’invasione russa dell’Ucraina e alle sue conseguenze.

“Esprimiamo il nostro pieno e fermo sostegno al popolo ucraino e al presidente Zelensky per una democrazia la cui legittima sovranità è stata violata. “Quello che è successo riguarda tutti noi, le nostre vite libere e la nostra democrazia”.

Il premier italiano ha anche sottolineato che l’ambasciata italiana a Kiev è rimasta aperta.

“L’Italia ha condiviso la sua posizione su una soluzione pacifica della crisi, con un dialogo sincero e fruttuoso, ma le azioni del governo russo rendono impossibile questo dialogo”, ha affermato.

Mario Draghi ha invitato il presidente russo Vladimir Putin a “porre fine allo spargimento di sangue e ritirare le truppe russe dai confini internazionalmente riconosciuti dell’Ucraina, immediatamente e incondizionatamente”.

Mario Draghi ha aggiunto che, insieme ai suoi alleati, l’Italia stava aumentando le misure di sicurezza sull’ala orientale della NATO e che l’UE avrebbe imposto “Soprattutto le dure sanzioni alla Russia”.

“Abbiamo annunciato che accadrà se la Russia rifiuterà una soluzione pacifica”, ha affermato. Il premier italiano ha chiarito che il suo Paese è pienamente alleato con i suoi alleati e che, allo stesso tempo, il suo governo “vuole lavorare instancabilmente per risolvere la crisi”.

“Con gli alleati, faremo tutto il necessario per la sovranità dell’Ucraina, la sicurezza europea e l’ordinamento giuridico internazionale, sulla base di regole e valori generalmente accettati”, ha affermato Mario Draghi.

Leggi tutti gli sviluppi sul BLOG LIVE della CNN greca

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.