sarebbe “terribile” perdere alcuni GP storici di F1

Sebastian Vettel ritiene che sarebbe “terribile” per la Formula 1 perdere diversi Gran Premi storici in calendario, poiché la classe regina del motorsport ha continuato a cercare nuove destinazioni negli ultimi anni.

A partire da questa stagione, la Formula 1 visiterà Miami per la prima volta nella sua storia, mentre dal prossimo anno Qatar e Las Vegas si uniranno al calendario per diversi anni. L’aggiunta della nuova destinazione ha sollevato dubbi sul futuro di alcuni Gran Premi “storici”, tanto più che il regolamento impone un limite di 24 gare a stagione.

Quest’anno, quattro Gran Premi scadranno i loro contratti con la Formula 1, il che significa che con l’arrivo di Las Vegas e Qatar il prossimo anno, la F1 dovrà scegliere di rispettare un programma di 24 gare a stagione. Alla domanda su come si sentiva riguardo alla situazione, Vettel ha insistito sul fatto che perdere alcuni dei Gran Premi più storici sarebbe stata una cattiva notizia.

“Penso che sia sempre interessante andare in posti nuovi, purché ovviamente sia un buon posto, un buon posto per noi. Concretamente, eravamo fuori dagli Stati Uniti, poi Austin era in calendario, ed è stato davvero emozionante e si è rivelata una grande gara. » disse Vettel.

“Forse un altro buon esempio è Singapore. Non ci eravamo mai stati prima e ora siamo felici di tornarci anche quest’anno. È stata la prima gara in notturna (nel 2008), c’è qualcosa di speciale in questa pista e in questo luogo. Quindi è bene esplorare cose nuove. »

“Ovviamente speri che il nuovo posto in cui vai sia un vero bonus. Allo stesso modo, non vuoi perdere un posto in cui sei stato per molto tempo. Sarebbe terribile perdere Melbourne fuori dal calendario. Sarebbe terribile perdere alcune delle tracce più centrali d’Europa. »

Il quattro volte campione del mondo ha suggerito che un programma basato su un sistema di rotazione potrebbe essere un’opzione piuttosto che annullare del tutto alcuni gol: “C’è un interesse finanziario su dove stiamo andando e alla fine la F1 è un business. »

Ma per noi questo è sport, questa è la nostra passione. Quindi non lo pensiamo come un business. Lo vediamo più come uno sport e i luoghi visitati significano qualcosa per via della loro storia o tradizione. Penso che dovrebbe essere una specie di mix tra esplorare, ma anche curare luoghi che hanno una storia, un’enorme base di fan. È impensabile perdere l’Italia, ad esempio, per tanti motivi, anche se pagano meno. Ma penso che sia qualcosa a cui dobbiamo aggrapparci. »

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.