Roberto Gualtieri: “La Roma ha le risorse per rinascere, ma ha bisogno di un cambiamento radicale” | Internazionale

In fondo ad alcune delle scale che portano in cima al Campidoglio si ha la migliore veduta del Foro Romano della città. Questo potrebbe essere l’ufficio del sindaco più bello del mondo; anche che questo panorama millenario è l’unica cosa buona della sua posizione. Leggende e statistiche suggeriscono che il testimone della città di Roma brucerebbe chiunque tentasse di impadronirsene. È successo così con Gianni Alemanno, Ignazio Marino o Virginia Raggi. Un periodo di 14 anni fece precipitare la città in una profonda paralisi, durante la quale c’era un eccesso di spazzatura nelle strade e una mancanza di cultura, trasporti efficienti o manutenzione urbana. Il socialdemocratico Roberto Gualtieri (Roma, 55 anni) può suonare un po’ monotono, ma è un tipo di idea chiaro, organizzato e deciso. Forse quello di cui la Roma aveva bisogno dopo anni di personalizzazione istrionica e gestione dolorosa. È deputato da un decennio al Parlamento europeo, presidente della commissione economica dell’agenzia e ministro dell’Economia durante la pandemia. Sul curriculum compaiono anche altre informazioni: è di Roma. “Ma abbi molto rispetto per la Lazio”, ha scherzato.

Chiedere. Sono passati circa 100 giorni dalla sua elezione. Quali città sono state trovate?

Risposta. Una città e un’Amministrazione si sono fermate, con difficoltà a far funzionare i servizi di base: spazzatura, manutenzione stradale, mobilità. Con profonde crepe territoriali e macchine amministrative incapaci di avviare questo servizio. Anche la capacità di spesa molto bassa, negli investimenti, ma anche nella spesa corrente, la più facile. La capacità di erogazione è molto inferiore alle risorse. Le cifre che abbiamo trovato spiegano cosa vedono i residenti per strada e scappano dal servizio. Quindi ci siamo subito messi al lavoro per mettere in funzione la macchina amministrativa. Ma servono anche cambiamenti radicali: sostenibilità, coesione territoriale e sociale, transizioni digitali ed ecologiche. La Roma è un campo fantastico per sperimentare il cambiamento.

P. È la capitale più grande dell’Unione Europea, ma ha una bassa densità di popolazione.

R. Sì, e rende i servizi molto complessi. È una città dislocata e ciò rappresenta una sfida per lo sviluppo dei collegamenti di trasporto, ad esempio. Ma ha un grande potenziale per lo spazio verde: dei suoi 1.287 chilometri quadrati di superficie, 470 sono aree verdi pubbliche. E poi hai il mare e i due fiumi. Il connubio tra città e campagna, tra natura e storia, è unico e ricco di potenzialità.

P. Dicono che la Roma sia incontrollabile e bruciano chi ci prova. È difficile convincerti? Vieni da un antipode geografico come Bruxelles e da un ordine ministeriale come l’Economia.

Unisciti a EL PAÍS per essere aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

R. Ci penso molto, davvero. Questa è una sfida difficile ma emozionante. Vince l’amore per la mia città: qui sono nata e cresciuta. Ma anche la convinzione che si possa fare. La Roma ha grandi risorse e questa potrebbe essere una rinascita in Italia che va di nuovo. Abbiamo PNNR [fondos de recuperación de la pandemia, en sus siglas en italiano]Giubileo ed Expo, che ci siamo presentati.

P. Quando ha sbagliato la gestione della Roma? Dove sono iniziati questi decenni di decadenza e per quale motivo?

R. Ci sono due cicli sovrapposti. Quella amministrativa, che vede ineguale il governo della città. Roma da [Francesco] Rutelli y [Walter] Veltroni è un booster. Chi è venuto dopo, soprattutto Alemanno e Raggi, non ha saputo fare da guida. A questa crisi interna si è aggiunto un contesto esterno. Erano anni di grande crisi finanziaria ed economica. E il concetto di capitale è sottovalutato. L’ordine pubblico è considerato meno importante. Fu un periodo di bassa crescita. Non basta dire che c’è un’Amministrazione svantaggiata, ma bisogna anche capire che è stata una certa fase che si è conclusa con una pandemia, in cui c’è stato un rilancio delle politiche pubbliche. E darà alla capitale un nuovo ruolo.

P. Roma è il simbolo dell’ascesa al potere del Movimento 5 Stelle. Pensi di essere caduto vittima della grandezza del populismo?

R. Diciamo che il test di governo di una città non è passato e gli elettori lo hanno decretato. L’idea che i partiti appartengano al passato è sbagliata e simile all’idea che le politiche pubbliche non siano più utili.

P. A volte sembra che Milano risponda ai criteri di una capitale europea più di Roma.

R. Il Milan ha attraversato un ciclo diverso. Grazie anche alla sua Amministrazione, ha saputo interpretare le sfide del cambiamento. Ma non siamo rivali, lavoriamo insieme.

P. Perché la spazzatura sta divorando Roma e come pensi di risolverla?

R. L’immondizia è il problema numero uno della Roma, ma può essere risolto. Il governo precedente era inefficiente e non esisteva un progetto di impianto di trattamento delle acque reflue adeguato e moderno. Ma abbiamo iniziato a lavorare e abbiamo visto i risultati. Era la prima cosa che ho promesso e oggi la Roma è più pulita e tutti lo ammettono. Ma c’è ancora molto da fare. Questo lavoro durerà cinque anni, perché vogliamo raggiungere l’eccellenza.

Abbiamo trovato una città dove fermare la difficoltà di far funzionare i servizi di base per i cittadini”

P. È più pulito, ma devono mandare la spazzatura fuori città ed è costoso.

R. Sì, naturalmente. Perché Roma non aveva abbastanza impianti e molta spazzatura veniva scaricata in altre zone, e logicamente era più costosa e riduceva le risorse per la qualità della raccolta. Ora siamo d’accordo che arrivi una nuova infrastruttura con risorse europee.

P. Se è così facile iniziare a risolverlo, perché non è stato fatto prima e c’è una crisi nel mondo in via di sviluppo?

R. Abbiamo cambiato l’intera gestione delle società pubbliche. Con la persona incaricata della pulizia a tale scopo. Abbiamo creato un tavolo permanente che analizza ogni settimana le problematiche, abbiamo raggiunto accordi sindacali per una maggiore produttività e abbiamo inviato segnali di precisione ed efficienza. Fondamentalmente, ne abbiamo fatto una priorità. Ma, insisto, c’è ancora molto da fare.

Il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, mostra sulla mappa della metropolitana la nuova linea che sarà promossa.Antonello Nusca

P. Viene raccolta più spazzatura?

R. Sì, 2.000 tonnellate in più ogni settimana. È impressionante che questa quantità di spazzatura continui ad accumularsi sulle strade.

P. Come verranno utilizzati i fondi europei?

R. PNNR offre risorse per molti progetti. Partecipiamo da tutte le parti con progetti innovativi e in alcuni casi chiediamo al Governo di tenere maggiormente conto dei criteri demografici. ne faremo due [líneas de] tram, rinnoveremo la nostra flotta di autobus elettrici, pianteremo alberi, nuovi impianti di depurazione delle acque reflue, una rete di biblioteche ambientali… La lista è lunga e potrebbe fare di Roma la centrale elettrica di una nuova era di crescita sostenibile in Italia.

P. Roma è una città di straordinaria bellezza per i turisti, ma scomoda per i suoi cittadini.

R. Abbiamo un progetto cittadino di 15 minuti, che consiste sostanzialmente in persone che possono fare tutto ciò di cui hanno bisogno a 15 minuti da casa. Biblioteche, scuole, parchi, palestre…

P. Pensavo che avrebbe promesso di andare ovunque in 15 minuti…

R. A Roma possibile solo se hai un elicottero. Ma il nostro piano rivoluzionerà la mobilità riducendo il traffico.

P. Il servizio di prossimità di cui parli è stato distrutto dal turismo monoculturale al suo centro.

R. Una delle grandi sfide è ripopolare il centro. Con i residenti, non con Airbnb. Con un turismo di qualità, che non è solo turismo di lusso, ma persone che cercano la qualità e la vivacità dell’esperienza. Le città non possono essere esclusivamente un luogo di turisti, con affari gadget e ostelli. Vogliamo riportare la popolazione al centro.

“La spazzatura è il problema numero uno, ma lo risolveremo”

P. E come pensi di farlo?

R. Con le politiche pubbliche, il sostegno, l’alloggio…, regolano anche lo spazio commerciale. Lavoreremo molto su di esso.

P. Roma ha avuto edifici occupati per decenni da organizzazioni fasciste come CasaPound. Lo cacciano finalmente fuori?

R. Sì, siamo in contatto con la Delegazione del Governo. Ma al banco della sicurezza sosteniamo lo sfratto e speriamo che avvenga presto. Questa è un’anomalia inaccettabile.

P. Ehi, in questo municipio hanno un consigliere di nome Mussolini [Rachele, nieta del dictador]. È sintomo di evoluzione e normalizzazione o regressione?

R. Non è elegante per il sindaco commentare i membri del consiglio democraticamente eletti. Le mie posizioni politiche e culturali antifasciste sono ben note. Ma guarda, c’era anche Mussolini al Parlamento europeo quando c’ero io.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook Voi Indonesiao dentro la nostra newsletter settimanale.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.